Autori

  • Adriana Gloria Marigo
    Adriana Gloria Marigo
    Bio: Adriana Gloria Marigo vive tra Padova e Luino. Dopo gli studi universitari in pedagogia a indirizzo filosofico, ha insegnato nella scuola primaria. Attualmente cura la presentazione di libri e saggi di poesia; scrive recensioni per la rivista online Samgha e, nella stessa rivista, è ideatrice e responsabile della rubrica di poesia “Porto Sepolto”; ha collaborato con Polo Psicodinamiche Prato nell’ottica della relazione tra letteratura e psicoanalisi e con Sebastiano Aglieco in un progetto di poesia per la scuola primaria; suoi interventi si trovano nel blog Compitu Re Vivi, nella rivista letteraria l’EstroVerso, Linea Carsica. Da settembre 2015 è curatrice della collana di poesia Alabaster per Caosfera Edizioni, Vicenza. Ha pubblicato le sillogi ‘Un biancore lontano’ - LietoColle, 2009, ‘L’essenziale curvatura del cielo’ - La Vita Felice, 2012, ‘Impermanenza’ – plaquette di una poesia illustrata dall’autrice per le edizioni PulcinoElefante, 2015, ‘Senza il mio nome’ – Campanotto Editore, 2015 Dal 2012 è tra i poeti invitati all’annuale rassegna FlussidiVersi sulla poesia mitteleuropea che la Regione Veneto promuove nella città di Caorle. Su invito dell’Associazione Scrittori Sloveni nell’aprile 2014 presenta a Lubiana ‘L’essenziale curvatura del cielo’ e a Capodistria incontra gli studenti della Facoltà di Studi Umanistici dell’Università del Litorale per un dialogo sulla poesia e sul significato di essere poeti. Predilige la diffusione della poesia in una dimensione multidisciplinare e all’interno di altre espressioni artistiche, quali pittura e fotografia: a giugno 2014 ha presentato a Castelfranco Veneto il lavoro poetico ‘Della terra nostra’ sulle fotografie di viaggio di Imaire De Poli nell’evento “Di Terra e Arte” del Centro di Ricerca Artistica Immaginario Sonoro. Contatti: adrianagloriamarigo@gmail.com
    Visita il profilo di Adriana Gloria Marigo
  • Alberto Agazzani
    Alberto Agazzani
    Bio: Alberto Agazzani (1967) è giornalista pubblicista, storico dell’arte e della musica, critico d’arte e musicale, curatore indipendente. Ha curato oltre 300 mostre in Italia e all’estero, pubblicando oltre 100 fra cataloghi, monografie e saggi. Dal 1990 al 1994 è stato collaboratore del regista e scenografo Pier Luigi Pizzi, dal quale ha appreso un rigoroso metodo di lavoro e l’estrema attenzione verso la dimensione scenografica dei suoi allestimenti espositivi, caratteristica fondamentale della sua attività curatoriale. Nel 2005 e 2006 è stato consigliere del Governo in materia di finanziamento di progetti culturali (Arcus). Dal 2006 al 2009 è stato collaboratore, in qualità di critico d’arte, del settimanale nazionale “Il Domenicale”. Dal giugno 2009 all’ottobre 2010 è stato rappresentante del Governo (Miur) in seno al Consiglio di Amministrazione dell’Accademia di Belle Arti di Macerata. Nel 2009 è commissario della I Biennale di Rimini, realizzando le grandi mostre “Altre contemplazioni. Bellezza e Tradizione del Nuovo nella pittura italiana contemporanea” e, l’anno successivo, “Confronto a dieci”, entrambe ospitate nelle suggestive sale di Castel Sismondo. Nel settembre 2010 è nominato rappresentante del Governo (Miur) nel Consiglio di Amministrazione dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e vicepresidente dello stesso. Dal 2013 è curatore del MACS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) di Catania.
    Visita il profilo di Alberto Agazzani
  • Alberto Milazzo
    Alberto Milazzo
    Bio: Nato a Palermo, vive a Milano dove lavora come direttore creativo per numerosi eventi pubblici e privati. Attualmente è direttore creativo della sua agenzia di eventi OZ Eventi, che in dieci anni di truck record gli ha permesso di lavorare con artisti di caratura internazionale quali, Roberto Bolle, Philippe Glass, Isabelle Huppert, Sir Norman Foster, Agatha Ruiz de la Prada, John Richmond. Artista poliedrico, Milazzo si muove fra la musica, il teatro e la narrativa. Narrativa: Pubblica con Meridianozero nella collana “Gli Intemperanti”. E nel 2015 esordisce con il suo primo romanzo “Uomini e insetti” pubblicato con Mondadori, nella Collana “Letteratura Italiana e Straniera”. Jazz: si specializza alla Civica Scuola di Jazz di Milano, diretta da Franco Cerri e Enrico Intra, e si esibisce su diversi palcoscenici, fra cui il Piccolo Teatro di Milano.Compone musiche per il teatro e per gruppi musicali. Teatro: I suoi testi teatrali e le sue regie vengono rappresentati in diversi teatri nazionali: Tarot, scritto e diretto da Alberto Milazzo (Palermo, 1996, Premio Fabregas); Come le lumache sull’erba, scritto e diretto da Alberto Milazzo (Palermo, Torino, 1997, selezione speciale @ Da Sodoma a Hollywood, Torino); Bernardo e Irene, scritto e diretto da Alberto Milazzo (Milano, 1999, Outis); Cecchina, By N. Piccinni, diretto da Alberto Milazzo (Teatro alla Scala – Teatro Piccinni, 2000, Bari); Il Binocolo di Ozanam (Milano, 2001, Outis); Lucrezia B, scritto da Alberto Milazzo (Spoleto, 2002, 45° Festival dei Due Mondi, commissione del M° Giancarlo Menotti); Mr Enigma, scritto da Alberto Milazzo (Milano, 2003, Don Chisciotte Premio Scienza); Leda alla finestra, scritto e diretto da Alberto Milazzo (Palermo, 2004, Kals’art Festival); L’incredibile baule volante del signor Andersen, scritto e diretto da Alberto Milazzo (Roma, 2005, Commissione Teatro Eliseo). A Shtetl Story, scritto e diretto da Alberto Milazzo (2010, Jewish Culture Festivals); Musical, una storia ebraica, scritto e diretto da Alberto Milazzo (2012-14, Jewish Culture Festivals, Sinagoga Beth Shlomo Milano, Sinagoga di Casale Monferrato).
    Visita il profilo di Alberto Milazzo
  • Aldo Ricotti
    Aldo Ricotti
    Bio: Aldo Ricotti è nato il 22 gennaio 1954 a Rivello, in provincia di Potenza. Vissuto fino a diciotto anni a Frattamaggiore, poi a Roma dall’82 al 2003 quando è ritornato a Rivello dove tutt’ora vive. Ha pubblicato un romanzo sperimentale nel 1985 e nel 1989 la raccolta La speranza del desiderio con l’editore La Farfalla. Con lo stesso editore è stato redattore della rivista «Narrasogno», trimestrale di arti e scienze. Nel 1992 ha pubblicato “Azzardo oltre i versi" e "La scia del delfino”, frutto del connubio creativo con l’artista Cosimo Budetta, è uscita, presso Ogopogo, nel 2009, in settantacinque esemplari firmati e fuori commercio. Nello stesso anno esce un volume di racconti, “Michelle e altre storie”, edito a Bari da Palomar. Ogni tanto Aldo Ricotti collabora con il quindicinale «L’Eco di Basilicata». È stato tra gli organizzatori del Reading di poesia “Viaggio nel Femminile” con dodici poetesse tenutosi il 7 agosto di quest’anno a Rivello e di cui hanno parlato giornali locali, «La gazzetta del Mezzogiorno» di Bari e il Tg3 Basilicata.
    Visita il profilo di Aldo Ricotti
  • Alessandra Battaglia
    Alessandra Battaglia
    Bio: Alessandra Battaglia è nata a Roma nel 1980 a Roma. Sin da giovane intraprende la sua carriera di attrice. Laureata presso il D.A.M.S. di Roma Tre. Fonda a Roma nel 2002 l’Associazione Culturale 'Il Melograno' per la diffusione della dizione, delle arti teatrali e della comunicazione in pubblico. Docente di dizione, uso della voce e public speaking. Ha pubblicato la prima raccolta di poesie dal titolo "Oltranima" edita da Feltrinelli nella collana ZOOM Poesia nell'Ottobre 2015.
    Visita il profilo di Alessandra Battaglia
  • Alessandra Brisotto
    Alessandra Brisotto
    Bio: Alessandra Brisotto è scrittrice, insegnante di lingue e promotrice culturale. Durante lo studio di lingua, letteratura, filosofia e psicologia a Venezia si reca in Francia e alcuni anni più tardi in Germania. Dopo quattro anni a Colonia vive dal 2011 a Norimberga dove ha fondato la scuola di lingue-centro culturale „a casa - Sprache und Kultur in Entwicklung“ ("a casa - lingua e letteratura in sviluppo") e dove collabora come coordinatrice e programmatrice con il centro interculturale "Zentrifuge". http://acasa8.wordpress.com/
    Visita il profilo di Alessandra Brisotto
  • Alessandra Carnaroli
    Alessandra Carnaroli
    Bio: Nata nel ‘79 a Fano e vive a Piagge (nelle Marche). Il primo libro è taglio intimo del 2001. Poi scartata, premio delfini 2005. Poi Femminimondo (Ed. Polimata, 2011).
    Visita il profilo di Alessandra Carnaroli
  • Alessandra Leone
    Alessandra Leone
    Bio: Laureanda in Filologia Classica all'Università degli Studi di Catania, classe 1985, ha collaborato con giornali quali "La Sicilia", "Cammino" e attualmente con "Chair". Gestisce da un anno un blog (http://paneculturaefantasia.blogspot.com) e nel Settembre 2008 partecipa al XVII Master nazionale di aggiornamento e qualificazione per giovani giornalisti, direttori e redattori dei settimanali cattolici d’Italia organizzato dalla FISC (Federazione Italiana Settimanali Cattolici). Curiosa verso ciò che la circonda, ama leggere e scrivere.
    Visita il profilo di Alessandra Leone
  • Alessandra Piccoli
    Alessandra Piccoli
    Bio: Mi chiamo Alessandra, sono nata in dicembre, nel 1970. Fin da adolescente ho sempre amato leggere, soprattutto poesie, in particolare Baudelaire, Apollinaire, Prévert ( che rubavo alla mia mamma). Fu la mia insegnante di Lettere, al Liceo, ad alimentare il fuoco della parola, grazie alle sue appassionanti letture in classe, al suo amore per il verso, percepibile e profondamente viscerale. Ciò che io ho scritto, l'ho sempre affidato al mio “caro diario” e da lì non è mai uscito. Almeno fino a poco tempo fa, quando il muro di una mia intima e naturale timidezza sembra essersi consunto, sgretolato, e per ragioni che mi sfuggono ancora o forse perché il desiderio di condivisione è naturale quanto la timidezza, la riservatezza stessa. Amo anche il canto e la musica -da sempre- e devo dire che per me non vi è alcuna sostanziale differenza fra canto, musica e verso, così come non vedo divaricazione, separatezza, fra poesia e quotidiano, fra sentire intimo ed espressione, esposizione dell'Io attraverso la parola. Il silenzio vocale di un verso credo che contenga tutta la magia delle 'cose preziose': si tratti di un gesto minimale, un odore che ti coglie improvviso, un volto immaginato e fantasticato o un incubo che nella "parola" prende forma, consistenza, un nome che lo renda riconoscibile, nominabile, e forse per questo persino esorcizzabile. Del resto la poesia non è mai solo letteratura. È Cura. Anche.
    Visita il profilo di Alessandra Piccoli
  • Alessandra Redaelli
    Alessandra Redaelli
    Bio: Alessandra Redaelli è giornalista, critico d’arte e curatore di eventi di arte contemporanea. Nata a Milano, collabora da diversi anni con i mensili «Arte» e «Antiquariato». Cura mostre in gallerie private e in spazi pubblici in Italia e all’estero. Si è occupata di manifestazioni fieristiche dedicate all’arte ed è stata anche membro della giuria in diversi contest di arte contemporanea. Per la Newton Compton ha pubblicato “Keep calm e impara a capire l’arte” e “I segreti dell'arte moderna e contemporanea”.
    Visita il profilo di Alessandra Redaelli
  • Alessandra Sarchi
    Alessandra Sarchi
    Bio: Sono nata a Brescello (Reggio Emilia) nel 1971 e vivo attualmente a Bologna. Ho studiato storia e critica d’arte alla Scuola Normale di Pisa e ho conseguito, nella stessa materia, un dottorato di ricerca a Ca’ Foscari, Venezia. Ho vissuto e lavorato in Francia e negli Stati Uniti. A Bologna sono stata consulente presso il Museo Civico Medievale e la Fondazione Federico Zeri. Nel 2008 ho pubblicato la raccolta di racconti Segni sottili e clandestini presso l’editore Diabasis (Al buon corsiero). Nel 2012 è uscito Violazione, il mio primo romanzo (Einaudi Stile Libero), finalista al premio Pozzale-Luigi Russo, al premio Benedetto Croce, al premio Anima, al Dedalus-Pordenonelegge e vincitore del premio “Paolo Volponi Opera prima” in memoria di Stefano Tassinari (vedi LIBRI). Nel 2014, sempre con Stile Libero, è uscito il mio secondo romanzo, L’amore normale, vincitore della XIX edizione del premio internazionale “Scrivere per Amore”. Traduco saggi e romanzi dall’inglese per Einaudi, Jaca Book, Skirà. Scrivo sulle pagine di Alias, supplemento culturale de “il manifesto”. Sul blog Doppiozero, sul sito La Ricerca e su Le parole e le cose (vedi ALTRE SCRITTURE).I miei diritti sono gestiti e rappresentati da ALI, Agenzia Letteraria Internazionale.
    Visita il profilo di Alessandra Sarchi
  • Alessandro Canzian
    Alessandro Canzian
    Bio: Alessandro Canzian (1977), vive e lavora a Maniago (Pordenone). Collabora a varie riviste e blog. Nell’ottobre 2008 ha fondato la Samuele Editore. Ha pubblicato Christabel (Ed. Del Leone, Spinea 2001), La sera, la serra (Mazzoli 2004), Canzoniere inutile (Samuele Ed., Fanna 2010, prefazione di Elio Pecora), Cronaca d’una solitudine (Samuele Ed. 2011, quaderno bifronte con Federico Rossignoli), Luceafarul (Samuele Editore 2012, prefazione di Sonia Gentili) e il saggio su Claudia Ruggeri: Oppure mi sarei fatta altissima (Terra d’ulivi 2007, presentato a Lecce insieme a Michelagelo Zizzi). Con la stessa editrice e nello stesso anno del saggio ha pubblicato Distanze, una collaborazione fotopoetica con Elio Scarciglia. Ha partecipato a varie rassegne letterarie quali “Donne che dovresti conoscere” a Lecce nel 2007 con Mario Desiati, “Poetica” a Pisa nel 2008 con Alessandro Agostinelli, “Pianeta Poesia” a Firenze nel 2009 con Rosaria Lo Russo, “Pordenonelegge” nel 2010, e la “Festa di Poesia” a Pordenone nel 2010 come co-organizzatore e nel 2011 come autore. A settembre 2009 ha curato la manifestazione “Poesia e ispirazione, perchè si scrive” all’interno dei festeggiamenti per l’equinozio dell’associazione culturale Vele Libere ad Azzano X (Pordenone). Nel novembre 2011-gennaio 2012 ha organizzato insieme al Comune e alla Biblioteca Civica di Maniago il festival letterario “La Fila”. A giugno 2012 ha organizzato “Poesia tra le acque di Polcenigo” che nel contesto della fonte del Gorgazzo (Pn) ha visto incontri, discussioni e letture di Gian Mario Villalta, Mary Barbara Tolusso, Sebastiano Gatto, Fabio Franzin, Giacomo Vit, e altri. Nel 2013, col Comune di Maniago, ha allestito una mostra di pittura con opere di Cesco Magnolato (alcuni annio fa vincitore della Biennale di Venezia), Dino Facchinetti, Sergio De Giusti. A dicembre 2012 ha vinto il secondo premio di poesia al Leone di Muggia con la raccolta Histoire d’O.
    Visita il profilo di Alessandro Canzian
  • Alessandro De Roma
    Alessandro De Roma
    Bio: Alessandro De Roma è nato in Sardegna nel 1970. Ha pubblicato Vita e morte di Ludovico Lauter, La fine dei giorni, Il primo passo nel bosco (Il Maestrale, 2007, 2008 e 2010) e Quando tutto tace (Bompiani, 2011). I suoi primi due romanzi sono stati tradotti in Francia per Gallimard.
    Visita il profilo di Alessandro De Roma
  • Alessandro De Santis
    Alessandro De Santis
    Bio: Alessandro De Santis è nato a Roma nel 1976 e vive a Lanuvio. Ha pubblicato la raccolta poetica: “Il cielo interrato” (Edizioni Joker, 2006) e racconti per le antologie “Una palla di racconto”(Fandango libri, 2006) e “Il primo bacio fa schifo”. Ha inoltre curato l’antologia: “Musica per orologi molli” (Edizioni Il Foglio, 2009). Attualmente sta scrivendo il suo romanzo d’esordio: “Il verso del taglio”. E’ inoltre l’ideatore del blog letterario dedicato agli scrittori italiani esordienti LUMINOL (www.luminol.it) ed è curatore ed editor dell’omonima collana di narrativa italiana per le Edizioni Socrates in Roma, il cui primo titolo: “Aspetta primavera, Lucky” dello scrittore Flavio Santi è stato fra i candidati al Premio Strega 2011. Attualmente è Delegato alla Cultura e allo Spettacolo del Comune di Lanuvio (Rm)
    Visita il profilo di Alessandro De Santis
  • Alessandro Oliviero
    Alessandro Oliviero
    Bio: Alessandro Oliviero è nato ad Aversa il 25-12-1987 è editor e mixologist. Alcune sue poesie sono nella raccolta E-versi (Enzo Delfino Editore), altre sono scomparse. Ha curato l'antologia Volume Nero e il romanzo Topolinia Blues.
    Visita il profilo di Alessandro Oliviero
  • Alessandro Seravalle
    Alessandro Seravalle
    Bio: Alessandro Seravalle è nato a Udine nel 1968, si è laureato in filosofia, presso l’Università degli studi di Trieste, con una tesi su Emil Cioran avendo come relatore Pier Aldo Rovatti, tra i massimi esponenti del “pensiero debole”. È attivo sulla scena musicale come compositore ed esecutore. Alcune sue composizioni sono state presentate in due diverse edizioni del Festival di musica contemporanea Luigi Nono di Trieste. Leader del gruppo Garden Wall, con cui ha finora pubblicato otto dischi, si definisce “orgogliosamente autodidatta” nella composizione musicale. In parallelo all’attività dei Garden Wall sta sviluppando nuove forme di linguaggio musicale con diversi progetti che vedono coinvolti musicisti di punta dell’avanguardia musicale italiana quali Andrea Massaria, Giancarlo Schiaffini, Enrico Merlin e Massimo De Mattia. (Foto di Giulio Casagrande).
    Visita il profilo di Alessandro Seravalle
  • Alessio Annino
    Alessio Annino
    Bio: Alessio Annino nasce in provincia di Milano nel 1969, e parallelamente agli studi universitari presso la Facoltà di Scienze Politiche, coltiva la passione per le automobili classiche e da corsa, dei dischi in vinile e delle attività in palestra. Successivamente, si trasferisce a Catania, dove è dottore di ricerca in Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali. Proprio le attività di ricerca lo portano a viaggiare spesso nel Nord Europa, principalmente in Germania, e a coltivare la propensione al confronto e allo scambio culturale e umano. La sua attività di ricerca è orientata alla pedagogia interculturale e all’educazione alla cittadinanza democratica all’interno dei contesti sociali in Italia e all’estero. In questi anni, oltre ad essere stato ‘visiting researcher’ presso l’Università di Colonia, approfondendo i temi della pedagogia e della cittadinanza a livello teorico e pratico, ha partecipato a numerosi congressi nazionali ed ha pubblicato saggi in riviste e curatele. Tra i suoi scritti si ricordano: ‘Rivendicazioni salariali e regolamentazione ministeriale: il caso milanese nella Grande Guerra. Il ruolo educativo delle donne tra famiglia e lavoro’, Ragazzi in Volo Onlus, Catania 2014; ‘La cittadinanza planetaria nell’ottica della pedagogia critica. Problemi, prospettive e pratiche’, Anicia, Roma 2013; ‘La cittadinanza nella pedagogia critica dell'emancipazione’ in «CQIA RIVISTA», n.4, 2012; ‘La cittadinanza attiva nella ricerca educativa’, Ragazzi in Volo Onlus, Catania 2012.
    Visita il profilo di Alessio Annino
  • Alfredo Serafini
    Alfredo Serafini
    Bio: Dal 1991 fino al 2001 canto e scrivo negli ‘Aleph’, band prog-metal. Nel 1992 partecipiamo alla colonna sonora di ‘Le amiche del cuore’, film di Michele Placido. Pubblichiamo un album (RaRo-Polygram) nel 1995, dal titolo Guerra. Belle recensioni, tanta gavetta, tanto live: siamo il gruppo di apertura del tour del Banco del Mutuo Soccorso nel 1996. Dal 2002 parte la mia carriera solista. Devo ammettere di aver trovato non poche difficoltà nell’affinare un sistema di lavoro soddisfacente, all’inizio. Con la band era tutto più facile. Comunque, scrivo una serie di brani che realizzo con Alberto Lombardi, chitarrista e produttore, dal 2003 al 2004. I pezzi piacciono alla Sony, con la quale firmo per l’intero album nel dicembre 2004. Purtroppo, l’album non è stato mai pubblicato. Non mi sembra il caso di entrare nel merito del perché. Escono due singoli radiofonici, Chicca e Zero senza te. Niente di più. Nel dicembre 2007 scade il mio contratto di edizioni, e ricomincio a scrivere. Faccio ascoltare qualche nuovo brano a Maurizio Mariani, bassista e produttore, già mio compagno di viaggio negli Aleph, che li apprezza. Decidiamo quindi di realizzare alcune di queste nuove canzoni. Tre di queste sono ascoltabili nel player della pagina: spero vi piacciano come piacciono a noi.
    Visita il profilo di Alfredo Serafini
  • Andrea Breda Minello
    Andrea Breda Minello
    Bio: Andrea Breda Minello (12-11-1978) è nato a Treviso, dove vive e lavora come docente. Si occupa di letteratura comparata e di traduzione dal francese: Julien Burri (Se solamente, Kolibris edizioni). Fa parte della compagnia Itineristeatro, di cui è dramaturg. Ha pubblicato la sua prima silloge, Del dramma, le figure, con prefazione di Maria Grazia Calandrone, in X quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2010). Una silloge è uscita su Poesia n°289 (gennaio 2014). Un racconto, Boris, è uscito nell’antologia Le notti (Empirìa, 2003). Collabora con Testo a Fronte e l’immaginazione.
    Visita il profilo di Andrea Breda Minello
  • Andrea Carraro
    Andrea Carraro
    Bio: Andrea Carraro, scrittore italiano, è nato nel 1959 a Roma. Ha pubblicato con Gremese "A denti stretti" (1990); con Theoria "Il branco" (da cui Marco Risi ha tratto l'omonimo film); con Feltrinelli il melodramma sociale "La ragione del più forte" (1999); con Giunti "L'erba cattiva" (1996); con Rizzoli, due libri, "La lucertola" del 2001 e "Non c'è più tempo" del 2002. Con Gaffi, "Il Sorcio" nel 2007, con Hacca, "Il gioco della verità" (2009); con Ediesse, "Da Roma a Roma" (2009). Ha scritto recensioni e reportage per "l'Unità", per "Il Messaggero", per "La Repubblica". Vive a Roma.
    Visita il profilo di Andrea Carraro
  • Andrea Cirolla
    Andrea Cirolla
    Bio: Andrea Cirolla (Bergamo, 1983) si è laureato in filosofia alla Statale di Milano con una tesi su Enzo Paci. Lavora per l'editoria, attualmente come ghostwriter. Sue poesie sono uscite su "Paragone" e nell'antologia Sul ponte sconfinato di Limey (Lampi di Stampa 2008); suoi interventi critici su "Nuovi Argomenti", "Corriere della Sera", "minima & moralia", "Il primo amore", "Book Detector".
    Visita il profilo di Andrea Cirolla
  • Andrea Giampietro
    Andrea Giampietro
    Bio: Andrea Giampietro nasce in Abruzzo il 3 dicembre 1985. Dopo aver terminato gli studi liceali, comincia un percorso di studio da autodidatta, dapprima interessandosi di psicoanalisi freudiana, e in seguito quasi esclusivamente di letteratura e soprattutto di poesia. Nel marzo 2010 la casa editrice romana Lepisma pubblica la sua prima raccolta di versi, "Il paradiso è in fondo", presentata da illustri poeti quali Dante Maffia (autore della prefazione) e Maria Luisa Spaziani. Nel 2012 viene pubblicata la sua nuova silloge poetica, "Di notte a luna spenta" (Edizioni Il Foglio). Attivo soprattutto come traduttore letterario, realizza versioni italiane dei grandi poeti dell’Ottocento francese (Baudelaire, Verlaine, ma soprattutto "Il battello ebbro" di Rimbaud e "Il pomeriggio d’un fauno" di Mallarmé). Dall'inglese traduce Shakespeare e Edgar Allan Poe, ma soprattutto il poema "La ballata del carcere di Reading" di Oscar Wilde, pubblicato nel marzo 2012 da Edizioni Libreria Croce. Dal dicembre 2012 collabora ufficialmente con la rivista letteraria online "l'EstroVerso" (www.lestroverso.it).
    Visita il profilo di Andrea Giampietro
  • Andrea Ponso
    Andrea Ponso
    Bio: Andrea Ponso è nato a Noventa Vicentina nel 1975. Laurea in teoria della letteratura presso l’Università di Padova e dottorato di ricerca in lingue e letterature comparate presso l’Università di Macerata. Si occupa principalmente di poesia, teatro e letteratura del Novecento, con saggi e studi critici apparsi in riviste italiane e straniere, e delle diverse iterazioni con gli altri campi del sapere; collabora con il dipartimento di italianistica dell’Università di Swansea (UK). Ha tradotto dal francese: Bataille, Simeone, Rouzeau. Come poeta è apparso nelle maggiori antologie italiane, pubblicando con Mondadori e altri editori; il suo primo libro, “La casa”, è apparso nella collana di Maurizio Cucchi per Stampa. Svolge attività di consulenza editoriale e fa parte del comitato scientifico del Monastero di Camaldoli per l’organizzazione di convegni e seminari.
    Visita il profilo di Andrea Ponso
  • Angelo Santangelo
    Angelo Santangelo
    Bio: Nato a Catania il 4 luglio 1984, risiede a Valverde (CT). È insegnante di Lettere. Ha partecipato ad “IsolaPoesia” e ai cicli “Notte della Poesia” e “ Rito della Luce” realizzati da “Fiumara d'arte”. Ha pubblicato la silloge Tra i boschi di Fauno assonnato (edita da Le Farfalle, luglio 2012). Altre sue poesie sono apparse nella collana “ Poeti e Poesia”, diretta da Elio Pecora.
    Visita il profilo di Angelo Santangelo
  • Angelo Scandurra
    Angelo Scandurra
    Bio: Angelo Scandurra è nato ad Aci S. Antonio nel 1948, vive a Valverde (CT). Promotore del “Gruppo Teatro Nuovo” e direttore della rivista “Il Girasole”, nel 1986 ha fondato “Il Girasole Edizioni” e successivamente la casa editrice “Le Farfalle”. Operatore culturale ha creato e curato importanti eventi artistici e sociali fra cui, per decenni, l’Estateteatromusica a Valverde sin dal 1977, il Premio per la Vita. Dal 2003 al 2009 è stato Direttore Artistico Sezione Arte di Etnafest. Fra le sue opere: per la poesia Fuori dalle mura (Sciascia, Caltanissetta 1983 – finalista Premio Viareggio), L’impossibile confine (Piero Manni, Lecce 1989, Premio Cilento-Pinto. Finalista Premio Viareggio-Rèpaci), Trigonometria di ragni (Scheiwiller, Milano 1993), Criteri di fuga (Passigli, Firenze 1998), Il bersaglio e il silenzio (Passigli, Firenze 2003), Fabulae scelta di testi lirici e opere di Franco Corradini (Le Farfalle, Valverde 2014); per la narrativa Appunti per un colloquio forzato (La Vita Felice, Milano 2000), dalla quale è stato tratto il testo teatrale Per un colloquio forzato e Quadreria dei poeti passanti (Bompiani, Milano 2009); per il teatro Titoli senza valore (Incontri edizioni, Catania 2014). Raccolte di sue poesie sono state pubblicate in Svezia (Appunti per una morte di re ed altre poesie, a cura di Ingamaj Beck, Symposion, Stoccolma 1993), negli Stati Uniti (L’iracondo musicista e altre poesie, a cura di Roberto Severino, Georgetown University, Washington 1996) e in Spagna (L'avvallamento degli specchi e altre poesie, a cura di Miguel Ángel Cuevas, Edizioni Bienza, Siviglia 2009).
    Visita il profilo di Angelo Scandurra
  • Anna Baccelliere
    Bio: Anna Baccelliere è nata a Grumo Appula dove vive e insegna nella secondaria di primo grado. Autrice di numerosi libri per bambini e ragazzi, cura apparati didattici di testi scolastici. Conduce laboratori e incontri di promozione della lettura presso scuole, biblioteche e librerie e organizza workshops di scrittura creativa per grandi e bambini. Ha pubblicato con Laterza, Ghisetti e Corvi, La Medusa, Lavieri, Ardea, Nerodichina, Culturaglobale, Mammeonline. Collabora con “l’EstroVerso” occupandosi della rubrica “Biblioteca Birichina”. Ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali tra i quali quali il “Premio delle Palme” di San Vito dei Normanni, il “Vileg novella dal Judri” di Udine, il Premio città di Bitritto, il premio "Sulle ali delle farfalle e dei cigni" di Schwanenstadt (Austria). I suoi libri: “Il Principe delle Murge”, “Sognando gnomi”, “Freak”, “Due pugni di terra per un sogno”, “Accidenti alle regole”, “Fabrizio e la rivolta dei giocattoli”, “Scrivere è giocare”, “Alina e l’orco Ulrico”, “Io, nonno Carlo e la paura”, “Il lupo? Pace fatta!”, “Che fine ha fatto nonno Peppino?”, “Storie con le code e con le ali”, “I grandi non capiscono mai niente”.
    Visita il profilo di Anna Baccelliere
  • Anna Vasta
    Anna Vasta
    Bio: Anna Vasta Nata a Catania, vive a Riposto (CT): cittadina di antiche tradizioni marinare della costa ionica isolana. Docente di materie letterarie, collabora con recensioni critiche alla Pagina culturale del quotidiano La Sicilia, e con Letteratitudine di Massimo Maugeri, Ha pubblicato brevi saggi di poetica su Pelagos, rivista letteraria diretta dal poeta urbinate Umberto Piersanti. Ha esordito con: Confutazione delle religioni, De Martinis & C., Catania, 1993 con prefazione di Manlio Sgalambro. Traduzione dei dialoghi L-LX del De admirandis Naturae di Giulio Cesare Vanini. Nel 1999 la prima raccolta di poesie: La Curva del cielo per Amadeus Editore. Soligo. Seguono: I Malnati (Poesie), I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme, 2004 (finalista con menzione d’onore al Premio Brancati Zafferana 2005); Quaresimale (Poesie) Prova d’Autore, Catania 2006 (presentato alla V edizione del Festival nazionale di poesia-Riccione-2007); Sposa del vento (Poesie), Prova d’Autore 2008, Catania (finalista al Premio nazionale Le Alpi Apuane-Edizione 2008. Segnalazione speciale al Premio Città di Leonforte), Edizione 2008. Di un fantasma e di mari (Poesie), Prova d'autore – Catania 2011. Cieli violati (Poesie), Edizioni Ensemble 2013, presentato il 19 maggio 2013 al Salone del libro di Torino.
    Visita il profilo di Anna Vasta
  • Annalisa Ciampalini
    Annalisa Ciampalini
    Bio: Annalisa Ciampalini, nata a Firenze nel 1968, si è laureata in Matematica all’Università degli studi di Pisa, materia di cui attualmente è insegnante all’Istituto Tecnico “E. Fermi” di Empoli. Ha studiato pianoforte classico. Nel 2008 ha pubblicato la raccolta di poesie L’istante Si Dilata (Ibiskos Editrice Risolo), nello stesso anno e per la stessa casa editrice ha pubblicato anche un raccontino per un’antologia I Colori della Pace. Nel 2009 ha partecipato al concorso “Città di Salò” vincendo il premio della giuria per la poesia inedita. Dalla “Casa Editrice Miano” di Milano suoi quattordici testi (quattro editi e dieci inediti) sono stati inseriti sul quaderno di studi letterari Alcyone 2000. Ha partecipato a vari reading e convegni di poesia e letteratura.
    Visita il profilo di Annalisa Ciampalini
  • Annalisa Teodorani
    Annalisa Teodorani
    Bio: Annalisa Teodorani, nata a Rimini nel 1978, vive a Santarcangelo di Romagna. Esordisce nel 1999 con la raccolta di versi in dialetto romagnolo Par sénza gnént (Per nulla; Edizioni Luisè 1999), cui seguono la raccolta La chèrta da zugh (La carta da gioco; Il Ponte Vecchio 2004), Sòta la guàza (Sotto la rugiada; Il Ponte Vecchio 2010), La stasòun dagli amòuri biénchi (La stagione delle more bianche; Carta Canta Editore 2014). A riconfermare l’importanza dei suoi versi, l’autrice è compresa nel saggio a cura di Pietro Civitareale Poeti in romagnolo del secondo Novecento (La Mandragora 2005), nella selezione antologica eponima uscita nel 2006 per le edizioni Cofine di Roma, nel Dizionario dei poeti dialettali romagnoli del Novecento a cura di Gianni Fucci e Giuseppe Bellosi (Pazzini 2006) e nell’antologia in lingua inglese Poets from Romagna uscita nel 2013 per la casa editrice gallese Cinnamon Press. È vincitrice di numerosi premi e suoi versi sono stati pubblicati su quotidiani e riviste romagnole, tra cui “Ariminum”, “Confini”, “Graphie”.
    Visita il profilo di Annalisa Teodorani
  • Annamaria Ferramosca
    Annamaria Ferramosca
    Bio: Annamaria Ferramosca Salentina di origine, vive a Roma, dove, in contemporanea con la dedizione alla scrittura poetica, ha lavorato in campo scientifico come biologa nutrizionista. Ha contemporaneamente ricoperto per alcuni anni l’incarico di cultrice di Letteratura italiana all’Università Roma3. Fa parte da alcuni anni della redazione del portale poesia2punto0.com, dove cura la rubrica ‘Poesia Condivisa’, di cui è ideatrice. Ha pubblicato nove raccolte di poesia, tra cui la più recente è la plaquette d’arte ‘Trittici—Il segno e la parola’, Edizioni Dot.comPress. È del 2014 ‘Ciclica’, La Vita Felice, collana Le voci Italiane, con introduzione di Manuel Cohen. Nel 2009 le è stato pubblicato, da Chelsea Editions di New York, il volume antologico bilingue ‘Other Signs, Other Circles – Selected Poems 1990-2009’, per la collana Poeti Italiani Contemporanei Tradotti, con introduzione e traduzione della poetessa irlandese Anamaría Crowe Serrano. Altre sue raccolte edite: ‘Curve di livello’, Marsilio, collana Elleffe, a cura di Cesare Ruffato, 2006, riedito in ebook nel 2014; ‘Paso Doble’, raccolta di dual poems in italiano e inglese, coautrice Anamaría Crowe Serrano, Empiria, 2006, traduzione di Riccardo Duranti; ‘Porte/Doors’, Edizioni del Leone, con prefazione di Paolo Ruffilli e traduzione di A. C. Serrano e R. Duranti, 2002; ‘Porte di terra dormo’, plaquette, Dialogo Libri, 2001; ‘Il versante vero’, Fermenti, con introduzione di Plinio Perilli, 1999, riedito in ebook nel 2015. Nel 2011 Gianmario Lucini cura per le edizioni puntoacapo il quaderno monografico ‘La Poesia Anima Mundi’, con la silloge ‘Canti della prossimità’ e cd di letture dell’autrice. Inclusa in numerose antologie, Annamaria Ferramosca è presente nel portale di poesia poesia2punto0.com con il ‘Quaderno di Poesia n.67’. Suoi testi sono apparsi in siti web di settore, come la dimora del tempo sospeso, blancdetanuque, poetry-wave-senecio, carte allineate, la poesia e lo spirito, carte sensibili, arcipelagoitaca, l’estroverso, fili d’aquilone e su riviste italiane (Poesia, La Clessidra, La Mosca di Milano, Le voci della Luna) e straniere( Gradiva, Italian Poetry Revue, Fire, Salzburg Revue, Poezia, Poiein). È voce registrata e inclusa nell’Archivio delle Voci dei Poeti, Multimedia, Firenze. Nel 2015 ha partecipato, su invito della Fondazione Roma, alla 9^edizione dell’evento internazionale Ritratti di Poesia. Finalista ai Premi LericiPea, Pascoli, nella rosa dei Premi Camaiore ed Elio Pagliarani., è vincitrice dei Premi Astrolabio, Guido Gozzano, Renato Giorgi, ArcipelagoItaca. Suoi testi sono stati tradotti oltre che in inglese, in romeno, greco, francese, tedesco e albanese. Ha curato la versione poetica italiana di testi del poeta romeno Gheorghe Vidican nel libro ‘3D – Gheorghe Vidican-Poesie 2003-2013’, CFR, 2015. Per quest’opera è stata insignita del Diploma di Eccellenza dal Ministero della Cultura di Romania. Ulteriori notizie, testi e recensioni su www.annamariaferramosca.it - Per contatti: ferrannam@gmail.com
    Visita il profilo di Annamaria Ferramosca
  • Antonella Lucchini
    Antonella Lucchini
    Bio: Antonella Lucchini nasce a Mantova, dove tuttora risiede, nell’aprile del 1964. Diplomata al liceo linguistico, dopo aver avuto una breve parentesi universitaria, lavora per un decennio, come segretaria, presso una grande azienda del mantovano. Ora si occupa di famiglia e scrittura a tempo pieno. La passione per la scrittura si affaccia al liceo, ma resta un esercizio personale, privato. Abbandonata per molto tempo, tre anni fa ritorna prepotente, dopo una serie di vicissitudini personali che, evidentemente, trovano nella scrittura, nella poesia in particolare, la via di fuga perfetta per alleggerire l’anima. Inizia a pubblicare le sue poesie sul web, iniziando con la poetica haiku, dedicandosi poi completamente alla poesia tradizionale mantenendo però le caratteristiche di sintesi e di illuminazione (per dirla alla Baudelaire che, insieme a Pizarnik, Ungaretti, Pozzi, sono le letture che più l’hanno ispirata). Partecipa ad alcuni concorsi letterari, ottenendo premi, segnalazioni e l’inserimento di alcune sue opere in diverse antologie. Una sua poesia è inoltre presente nel volume 'L’indice delle Esistenze – Vite in frammenti L’AMORE' dell’editore Aletti. Agli inizi del 2013 pubblica la sua prima raccolta, “Tra morsi e strida”, per la casa editrice REI. “Il margine bianco” (Ed. Divinafollia) è la sua seconda raccolta, con la quale focalizza lo sguardo su Amore ed Eros. In rete, alcune sue opere sono inserite nei blogs (poesiaurbana, cartesensibili, scrittinediti e wordsocialforum).
    Visita il profilo di Antonella Lucchini
  • Antonella Scuto
    Antonella Scuto
    Bio: Antonella Scuto (23.01.1955 – 12.05.2012). Donna, mamma, sposa, insegnante e amica straordinaria, indimenticabile, dalla ‘generosità silenziosa’. Amava moltissimo la poesia, quella che leggiamo, ‘Nonni’, è tratta dalla raccolta inedita ‘Io credo’. Ha pubblicato ‘Quando la poesia è terapia’. ‘I poeti - scriveva – sono l’aura di questo universo antropico, hanno un sentire diverso dagli altri, sanno cantare con gli echi di Saffo o di Pasolini, di un cuculo o di un profeta’. A Zafferana Etnea, ha ideato e organizzato, con l’associazione “Donne D’Europa”, la prima edizione della “Festa del Libro”.
    Visita il profilo di Antonella Scuto
  • Antonella Taravella Guarino
    Antonella Taravella Guarino
    Bio: Nata a Verona nel secondo giorno di marzo del 1977, dove risiedo tutt’ora. Nel 2009 entro a far parte delle Edizioni Smasher prima come autrice, arrivando nel 2013 ad essere parte integrante delle Edizioni, come Direttore di collana sia di “Orme di poeti” che di “Orme Rosse”, neonata collana editoriale che tocca l’eros poetico e narrativo, e poi membro effettivo del Direttivo. Nel 2012 creo Words Social Forum, neonato sito di cultura artistica che tocca varie tipologie d’arte, di cui sono caporedattore; nel marzo del 2013 battezzo il collettivo WSF che si occuperà di eventi per convogliare tutte le arti. Cinque le sillogi ad oggi pubblicate: Gravida è la notte (Ed. Lulu 2008, autoprodotto); Vertigini Scomposte (Edizioni Smasher 2009); Sbocciata nelle viscere (Edizioni Smasher, 2011); Aderenza (Edizioni Smasher, 2012); La neve sulla porta (Ed.Lulu 2012, autoprodotto). Molte le antologie dove sono presenti suoi testi e partecipa con risultati ottimi, ad alcuni concorsi nazionali di poesia. Molto attiva nella partecipazione ad eventi di poesia a livello nazionale.
    Visita il profilo di Antonella Taravella Guarino
  • Antonino Buttitta
    Antonino Buttitta
    Bio: Antonino Buttitta (Bagheria, 27 maggio 1933) è un antropologo, semiologo, docente universitario, ricercatore e politico italiano, ideatore della fondazione dedicata al padre Ignazio Buttitta. Sposato con la collega Elsa Guggino, anch'ella antropologa docente universitaria, è professore emerito dell'Università di Palermo. In passato è stato docente e preside della Facoltà di Lettere e Filosofia (dal 1979 al 1992), nonché presidente dei corsi di laurea in Beni demo-etno-antropologici e di laurea magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia. Ha insegnato anche nell'Università dirigendo, tra l'altro, il dipartimento in cui rientrano gli studi antropologici. Nel panorama dell’antropologia italiana Antonino Buttitta ha raccolto e sviluppato l’illustre eredità della tradizione di studi siciliani, dispiegando nuovi percorsi e facendosi spesso precursore di originali indirizzi teorici e metodologici. È tra quegli studiosi che con più sagacia si è interrogato sui sistemi di relazione tra il naturale e il simbolico, quali momenti di un unico processo umano. In più occasioni ha posto le questioni ancora aperte dello statuto scientifico delle scienze umane, impegnandosi a destrutturare non pochi luoghi comuni nati o inventati all’interno della stessa antropologia. Particolarmente attento agli sviluppi della fisica della mente e agli effetti scientifici sui processi logici e sulle dinamiche cognitive, partecipe delle conquiste conoscitive delle scienze “dure” e degli orientamenti più meditati della semiotica, è sempre rimasto sostanzialmente estraneo alle tendenze che si manifestano in taluni ambiti disciplinari tanto Rigorosi quanto unilaterali. Quando scrive: «non è mai stato chiaro a quale preciso referente gli antropologi pensano quando usano la parola uomo», Buttitta interpreta con ironia e disincanto il ruolo di chi sollecita gli antropologi a non prendersi troppo sul serio e l’antropologia a una certa revisione autocritica dei suoi fondamenti epistemologici. Direttore, fondatore e contributore di numerose collane e riviste (quali "Uomo & Cultura"), è presidente, tra l'altro, del Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani e della Scuola Internazionale di Scienze Umane. Nella XI legislatura della Repubblica Italiana, è stato membro della Camera dei Deputati per il Partito Socialista Italiano. Funge da consulente di diverse case editrici, quali Sellerio, Palumbo, Flaccovio e altre. Opere principali • Cultura figurativa popolare in Sicilia, Palermo, Flaccovio 1961. • Ideologie e Folklore, Palermo, Flaccovio 1971. • La pittura su vetro in Sicilia, Palermo, Sellerio 1972, 1991 n. ed. • Pasqua in Sicilia, Palermo, Graphindustria 1978. • Semiotica e Antropologia, Palermo, Sellerio 1979. • Il Natale. Arte e tradizioni in Sicilia, Palermo, Edizioni Guida 1985. • Percorsi simbolici, Palermo, Flaccovio 1989. • L'effimero sfavillio. Itinerari antropologici, Palermo, Flaccovio 1995. • Dei segni e dei miti. Una introduzione alla antropologia simbolica, Palermo, Sellerio 1996. • Del giuoco o della giustizia. Della vita e della morte, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici 1999. • Pasqua in Sicilia, Palermo, 2003. • Il mosaico delle feste, Palermo, Flaccovio 2003.
    Visita il profilo di Antonino Buttitta
  • Antonio Lanza
    Antonio Lanza
    Bio: Antonio Lanza, nato a Paternò (CT) nel 1981, vive a Biancavilla. Alcune sue poesie sono apparse online su ‘l’Estroverso’, ‘Carteggi Letterari’, ‘Via Lepsius’ e sul blog di poesia della Rai. Nel 2015 una selezione di dieci suoi testi è confluita nel primo ‘Quadernetto di poesia contemporanea 4x10’ (Algra editore). L’inedita ‘Suite Etnapolis’ è stata selezionata per il ‘XIII Quaderno italiano di poesia contemporanea’ di Marcos y Marcos, che uscirà nel 2017.
    Visita il profilo di Antonio Lanza
  • Barbara Garlaschelli
    Barbara Garlaschelli
    Bio: Si è laureata Lettere Moderne all’Università Statale di Milano con una tesi sul teatro a Milano visto attraverso il giornale Il Secolo, dal 1900 al 1906. Tra le sue opere: O ridere o morire; Nemiche (1997, Frassinelli); Alice nell’ombra (; Sirena. Mezzo pesante in movimento; Sorelle (premio Scerbanenco 2004). Il suo ultimo romanzo Non ti voglio vicino (Frassinelli, 2010) è stato tra i dodici finalisti deI premio Strega 2010 e ha vinto i premi: Matelica – Libero Bigiaretti 2010; premio Università di Camerino e premio Alessandro Tassoni 2011; Premio letterario Chianti 2012. Suoi racconti sono pubblicati su varie antologie e riviste. È tradotta in Francia, Spagna, Portogallo, Russia, Olanda. Ha scritto lavori teatrali, novelle, ballate, romanzi, articoli, saggi. Ha diretto la collana I Corti per la casa editrice EL. Ha una rubrica - La Lettrice Innamorata – in cui racconta di libri, sul blog di Chicca Gagliardo: Hounlibrointesta (Glamour). Presiede l’associazione culturale Tessere Trame.
    Visita il profilo di Barbara Garlaschelli
  • Bernardo Pacini
    Bernardo Pacini
    Bio: Bernardo Pacini è nato a Firenze il 23 agosto 1987 ed è poeta, scrittore ed editor. Si sta laureando in Filologia Moderna a Firenze, dove ha studiato la poesia di Dino Buzzati e Carlo Betocchi. Ha diretto per alcuni anni la rivista musicale on-line www.unprogged.com, dedicata al progressive rock. Dopo una plaquette fuori commercio, intitolata Miracolo di Cemento, ha pubblicato Cos’è il rosso per le Edizioni della Meridiana. Ha partecipato a letture poetiche, festival e conferenze a Bologna, Roma, Firenze, Prato e Rimini. Appare su riviste on-line, quali Poetarum Silva, Pimpirimpana, Giocattoli, El-Ghibli, I poeti sono vivi, Il Sussidiario. Ha vinto il premio De Palchi-Raiziss 2012. Collabora con il Centro di Poesia Contemporana dell’Università di Bologna e, a Firenze, coordina assieme a Paolo Fabrizio Iacuzzi la rassegna di eventi poetici “M’illumino di un verso”.
    Visita il profilo di Bernardo Pacini
  • Carla Saracino
    Carla Saracino
    Bio: Carla Saracino è nata negli anni Ottanta a Maruggio, in provincia di Taranto. Suoi testi sono apparsi su varie pubblicazioni, tra cui: «Nuovi Argomenti», «L’immaginazione» e «Almanacco dello Specchio Mondadori 2010». Ha scritto I milioni di luoghi (Lietocolle 2007, Premio Umberto Saba per l’opera prima), Il chiarore (Lietocolle 2013) e due libri per bambini, 14 fiabe ai 4 venti (Lupo 2009) e Gli orologi del paese di Zaulù (Lupo 2012). Scrive per diverse riviste letterarie e vive a Milano, dove lavora come insegnante.
    Visita il profilo di Carla Saracino
  • Carmen Pellegrino
    Carmen Pellegrino
    Bio: Storica e scrittrice italiana (n. Polla 1977). Studiosa eclettica, ha indagato alcuni dei nodi salienti della modernità, concentrando i suoi studi sui movimenti collettivi di dissidenza (come in '68 napoletano. Lotte studentesche e conflitti sociali tra conservatorismo e utopie, 2008), e focalizzando successivamente le sue ricerche sul razzismo, l’esclusione sociale e le condizioni di sfruttamento dei migranti (di questa produzione va citato almeno il saggio 'Le ore della mia giornata', pubblicato nell’antologia 'Qui si chiama fatica: storie, racconti e reportage dal mondo del lavoro', 2010, vincitore del premio reportage Napoli Monitor. Coautrice di varie opere collettanee (Strozzateci tutti, 2010; Novantadue, 2012), nel 2011 ha curato con C. Zagaria il volume 'Non è un paese per donne: racconti di straordinaria normalità', in cui ha pubblicato un saggio su Matilde Sorrentino. Tra i suoi temi di indagine più recenti centrale è quello dei borghi disabitati e delle rovine di antichi insediamenti, attraverso il cui studio P. ha gettato le basi per una scienza dell’abbandono come forma di recupero alla coscienza del vissuto storico dei luoghi.
    Visita il profilo di Carmen Pellegrino
  • Caterina Davinio
    Caterina Davinio
    Bio: Caterina Davinio (Foggia 1957) è cresciuta a Roma, dove dopo la laurea in Lettere si è occupata d'arte contemporanea e nuovi media come autrice, curatrice e teorica. Ha pubblicato due romanzi: Il sofà sui binari (2013) e Còlor còlor (1998), finalista nel Premio Feronia; per la poesia, le raccolte: Aspettando la fine del mondo (2012), finalista nel premio Franco Fortini, Il libro dell'oppio (2012), finalista nel Premio Camaiore, Fenomenologie seriali (2010), con postfazione di Francesco Muzzioli, menzione speciale nel Premio Nabokov e terzo classificato nel Premio Carver; per la saggistica, i volumi: Tecno-Poesia e realtà virtuali (2002), con prefazione di Eugenio Miccini, e Virtual Mercury House. Planetary & Interplanetary Events (2012), scritti sulla poesia elettronica. Presente in numerose antologie, riviste e opere di saggistica internazionali, è tra i pionieri della poesia digitale, con attività espositiva, convegnistica e curatoriale in molti paesi del mondo, nell'ambito della quale si segnala la partecipazione a oltre trecento mostre, tra queste le biennali d'arte di Sydney, di Atene, di Lione, di Merida, in Messico, e sette edizioni della Biennale di Venezia ed eventi collaterali.
    Visita il profilo di Caterina Davinio
  • Cettina Caliò
    Cettina Caliò
    Bio: Cettina Caliò è perito commerciale. Ha studiato presso la Scuola Superiore per Interpreti e traduttori di Roma e presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere di Catania. Scrive poesie e racconti. Ha pubblicato: Poesie (Ibiskos 1995), L’affanno dei verbi servili (Bastogi 2005), Tra il condizionale e l’indicativo (Ennepilibri 2007), Sulla cruda pelle (Forme libere 2012). I suoi libri sono stati presentati al Salone del libro di Torino. Ha ottenuto riconoscimenti in ambito nazionale, e figura con i suoi testi in antologie e riviste letterarie. Scrive per il periodico Zona Franca. Ha composto una silloge di poesie in dialetto: “I paroli nichi nichi”, che ha ottenuto diversi premi fra i quali: il terzo premio al Concorso Nazionale per dialetti d’Italia Ischitella-Pietro Giannone 2013; il secondo premio al Concorso Nazionale Palermo Cult-pensiero 2011, il secondo premio al Concorso Nazionale Domenico Portera 2011. Il terzo premio al Concorso Nazionale Salva la tua lingua locale nel 2014, quest’ultimo patrocinato dalla Pro Loco d’Italia e dall’Unesco. Alcuni dei testi della silloge sono stati musicati e cantati da Elisabetta Russo e sono stati parte di uno spettacolo teatrale (Il settimo personaggio) scritto e interpretato da Salvo Miraglia con la regia di Pino Caruso, in cartellone al Teatro San Luigi Guanella di Roma. Il dialetto rappresenta una parentesi nel suo percorso letterario in italiano. Ha tenuto un laboratorio linguistico-artistico “Parliamo di Parole” per le classi scolastiche primarie e secondarie di primo grado, il cui scopo era acquisire consapevolezza della forza evocativa della parola, e tentare coi piccoli studenti il passaggio dal pensiero al verso. Alcuni dei riconoscimenti conseguiti: Primo premio al Concorso letterario Internazionale Omero 1999 per la poesia inedita. Secondo premio al Concorso letterario Nazionale Montemerlo-Padova 2001 per il racconto inedito. Terzo premio al Concorso internazionale Poesia di Strada Macerata 2006 per la poesia inedita. Vincitrice del Naxos Slam poetry nel 2009. Secondo premio al Concorso letterario internazionale Città di Salò 2010 per la poesia edita. Terzo premio al Concorso letterario Aspera 2014. Secondo premio al Concorso Nazionale Novipoesia 2015 Alcune riviste letterarie che contengono i suoi testi: Anthos, La Battana, Il Segnale, I Poeti del Parco, Viaggi di Versi, Quaderni padovani di poesia. Alcuni dei commenti critici ai suoi testi e alla sua scrittura: Grande la capacità di questa poetessa di coniugare il verso sciolto in maniera moderna. Le sue costruzioni liriche non eludono mai l’incastro tra ciò che si vede e ciò che si può intuire. (Fulvio Castellani); Singolarissima autrice toccata dalla grazia di una vena comunicativa visionaria e coinvolgente. Un intreccio linguistico misurato e acuto. Polivalenza espressiva di rara ricchezza cromatica. Leggerezza e intelligenza si fondono nella luce della parola poetica. (Eleonora Roncaglia); Per la poesia in dialetto: Scrittura vivida, in dialetto siciliano dell’area catanese, dall’immaginazione esuberante pur controllata com’è nel suo tono di sapienza del vivere. (Tullio De Mauro).
    Visita il profilo di Cettina Caliò
  • Chandra Livia Candiani
    Chandra Livia Candiani
    Bio: Chandra Livia Candiani è nata nel 1952 a Milano dove vive. Traduce dall’inglese testi buddhisti. Ha pubblicato il libro di fiabe: ‘Sogni del fiume’. La biblioteca di Vivarium 2001 - I libri di poesia: ‘Io con vestito leggero’ Campanotto. 2005 – ‘La nave di nebbia. Ninnananne per il mondo’. La biblioteca di Vivarium 2005 – ‘La porta’. La biblioteca di Vivarium 2006 – ‘Bevendo il tè con i morti’ Interlinea 2015 – ‘La bambina pugile ovvero la precisione dell’amore’ Einaudi 2014 (vincitore premio Camaiore 2014). Sue poesie sono in ‘Nuovi poeti italiani 6’. Einaudi 2012. ‘Ma dove sono le parole?’ a cura di C.L. Candiani con A. Cirolla . Effigie edizioni 2015. Le poesie scritte dai bambini delle periferie multietniche di Milano durante i seminari tenuti da C.L. Candiani. Nel 2001 ha vinto il premio Montale per l’inedito. Nel 2014 il premio Camaiore. Conduce seminari di poesia nelle scuole elementari delle periferie milanesi, nelle case alloggio per malati di aids e per i senza casa e gruppi di meditazione per adulti.
    Visita il profilo di Chandra Livia Candiani
  • Chiara Asero
    Chiara Asero
    Bio: Chiara Asero è nata a Catania nel 1988, si è laureata in Lettere Moderne e specializzata in Scienze dello Spettacolo e Comunicazione Multimediale presso l'Università di Catania nel 2013. Scrive di spettacolo, di eventi culturali e varie ed eventuali per ‘Sicilia e Donna’. In attesa di occupazione si dedica alla sua instancabile passione: divorare film e serie tv.
    Visita il profilo di Chiara Asero
  • Chiara Carastro
    Chiara Carastro
    Bio: Catanese, dal 4 maggio ’94, ha conseguito la maturità classica al Liceo Gulli e Pennisi di Acireale, attualmente studia Giurisprudenza all’Università di Catania. Esordisce su l’EstroVerso (1 Ottobre 2014), e, poco dopo, pubblica sul blog “larosainpiù” (21 Ottobre 2014). Della presente selezione le prime cinque poesie sono tratte dalla suite d’esordio giocavo da sola – un, due, tre, nulla –; le restanti sono inedite.
    Visita il profilo di Chiara Carastro
  • Chiara Gamberale
    Chiara Gamberale
    Bio: Chiara Gamberale è nata nel 1977 a Roma, dove vive. Ha esordito nel 1999 con ‘Una vita sottile’. Ha scritto, fra gli altri, ‘La zona cieca’ (2008, Premio Campiello Giuria dei Letterati), ‘Le luci nelle case degli altri’ (2010) e, a quattro mani con Massimo Gramellini, ‘Avrò cura di te’ (2014). È autrice e conduttrice di programmi radiofonici e televisivi come “Io, Chiara e l’Oscuro” (Rai Radio2) e “Quarto piano scala a destra” (Rai Tre). Collabora con “La Stampa”, “Vanity Fair”, “Io Donna” e “Donna Moderna”. Per Feltrinelli ha pubblicato i romanzi ‘Per dieci minuti’ (2013; in "Audiolibri" Emons Feltrinelli, 2014; in "Universale Economica", 2015) e ‘Adesso’ (2016).
    Visita il profilo di Chiara Gamberale
  • Chiara Passilongo
    Chiara Passilongo
    Bio: Sono nata nel 1981 e vivo a Verona. "La parabola delle stelle cadenti" (Mondadori) è il mio primo romanzo (pubblicato). Ho frequentato la scuola di scrittura Palomar di Mattia Signorini a Rovigo. Sono odontoiatra di professione.
    Visita il profilo di Chiara Passilongo
  • Cinzia Demi
    Cinzia Demi
    Bio: Nata a Piombino (LI), Cinzia Demi lavora e vive a Bologna, laureata con 110 e lode con tesi di Linguistica Italiana su Giovannino Guareschi e Laureanda in Laurea Magistrale in Italianistica con tesi su Antonio Fogazzaro (in discussione il 25 marzo 2013). È operatrice culturale, poeta, scrittrice e saggista. Fa parte del gruppo Poetico il “Laboratorio di Parole” per il quale ha l’incarico di curatrice delle relazioni esterne e direttrice della rivista bimestrale “Parole”. Nel 2007 pubblica il libro Incontriamoci all’Inferno. Parodia di fatti e personaggi della Divina Commedia di Dante Alighieri (Pendragon) con il quale contribuisce alla conoscenza del Poema tramite incarichi per progetti scolastici (scuole medie di primo e secondo grado), conferenze e drammatizzazione dei testi in varie realtà istituzionali, teatrali e culturali d’Italia. Ha collaborato e collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna, con l’Università Primo Levi di Bologna, con l’Associazione Italia Medievale, con La Festa della Storia organizzata dal Dipartimento delle Discipline Storiche, con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna, con l’Università di Palermo, e con molte altre associazioni e istituzioni sul territorio nazionale. Collabora con riviste, blog letterari e siti internet a carattere internazionale per pubblicazioni di articoli. Realizza con i suoi testi presentazioni spettacolari in abbinamento a musica e arti varie, in giro per l’Italia e all’estero. Tra le tante pubblicazioni ricordiamo: Il tratto che ci unisce (Prova d’Autore, Catania, 2009); Ersilia Bronzini Majno. Immaginario biografico di un’italiana tra ruolo pubblico e privato con prefazione di Tiziana Pironi (Pendragon, Bologna); Breve silloge poetica e postfazione “Il Laboratorio di Parole. Esperienza di poesia e di vita” in Vent’anni di poesia a Bologna. I quarantuno poeti del Laboratorio di Parole (Edizioni Leparole, Modena, 2012); Incontri e Incantamenti (poesie) con prefazione di Gianfranco Lauretano e postfazione di Dante Maffia (Raffaelli, Rimini 2012); "Intrighi e sorrisi. La poesia come gioco" in Non mi viene, raccolta di haiku ironici di Marco Mezzetti (Pendragon, Bologna 2012); "Disincanti di Alberto Criscenti” in Disincanti, poesie di Alberto Criscenti (Edizioni JO, Trapani 2012).
    Visita il profilo di Cinzia Demi
  • Claudia Distefano
    Claudia Distefano
    Bio: Claudia Distefano (1988) risiede attualmente in Sicilia dopo aver vissuto di recente in Ungheria per un progetto di ricerca tesi. È laureata in Lettere moderne e frequenta la specialistica in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Ha preso parte a Reading di poesia, anche in occasione del “Rito della Luce” (evento a cura della Fondazione Antonio Presti - Fiumara d’arte). È stata classificata seconda al Poetry Slam tenutosi al Teatro Coppola di Catania (marzo 2013) e prima classificata a due Poetry Slam seguenti, rispettivamente a Gela (maggio 2013) e Ragusa (novembre 2013). Nel 2014 ha vinto un concorso nazionale indetto dalla Sonia Raiziss Giop Charitable Foundation e il poeta Alfredo De Palchi, con conseguente pubblicazione di “Circostanze-Stanze da circo”, sua opera prima edita da CFR Edizioni di Gianmario Lucini (SO).
    Visita il profilo di Claudia Distefano
  • Claudia Fiorella Santonocito
    Claudia Fiorella Santonocito
    Bio: Claudia Fiorella Santonocito è nata a Messina nel giugno del ‘92, studia Giurisprudenza all’Università degli Studi di Catania. Nel 2014 ha preso parte al “Festival della Bellezza” di Noto, “ParcoPoesia” e “NaxosLegge”. Ha organizzato una manifestazione culturale nella città dello Stretto, nel giugno dello stesso anno. È socio fondatore del “Centro di Poesia Contemporanea di Catania”.
    Visita il profilo di Claudia Fiorella Santonocito
  • Claudia Fortini
    Claudia Fortini
    Bio: Sono nata a Bondeno, in provincia di Ferrara il 1 giugno del 1968. Una terra di pianura e di fiumi, di argini e di ponti, di volti e voci di cui ho visceralmente bisogno. Perché mi scrivono. Il mio bisnonno aveva fondato la prima cooperativa di facchini alla stazione dei treni. Mi ha insegnato che senza conoscere la storia di quell'angolo di terra che stava sotto i miei piedi, non avrei mai saputo capire il presente e men che mai organizzare un mondo migliore per il futuro degli altri. Da piccola mi avvolgeva nell'abbraccio del cappotto per proteggermi dal freddo, insieme al suo giornale: 'Il resto del Carlino' che leggeva interamente. A volte era l'edizione del giorno prima, perché non aveva tanti soldi per comprarlo. Raccontava. Partigiani e soldati, macchiette di paese e battute di caccia nelle valli, le donne della resistenza e gli scariolanti, stralci di dialoghi con i potenti della città perché mi diceva “Se anche non sarai come loro, finiscono sempre per cercarti, perché hanno bisogno della tua testa”. Un bisnonno che mi ha dato impronte e parole. Mi sono laureata in Lettere moderne all'Università di Bologna con una tesi in storia medievale sui primi statuti comunali di Bondeno. Nel 1993 ho iniziato a scrivere per 'Il resto del Carlino'. Sono un corrispondente. Scrivo e pubblico tutti i giorni. Ma se scrivere pagine quotidiane impegna tempo, coinvolge e a volte travolge, da queste parti non si campa. Ho lavorato alcuni anni a Roma all'ufficio del portavoce del Ministero delle politiche agricole e forestali occupandomi della comunicazione dei ministri, all'ufficio stampa dello storico Teatro Borgatti di Cento, ho tenuto corsi di scrittura creativa e ancora oggi, sono un educatore del sostegno scolastico. Ma c'è un volto della scrittura che non è affatto il giornale, bensì un tempo mio, prezioso e vivo, tra le pietre e i campi di una casa di campagna, i sorrisi di una bimba che cresce e un mondo aperto, da percorrere insieme agli altri.
    Visita il profilo di Claudia Fortini
  • Claudia Zironi
    Claudia Zironi
    Bio: Claudia Zironi è nata a Bologna, dove vive, il 26 marzo 1964. È laureata all’Università di Bologna in Storia Orientale, ha conseguito un Master in gestione d’impresa. Da anni si occupa di Trade Marketing in un’azienda. È mamma orgogliosa e felice di Matilde. Ha sempre avuto la passione per lo studio delle lingue e per la composizione poetica ma solo di recente ha optato per il confronto e la diffusione. Ha pubblicato il libro di poesie “Il tempo dell’esistenza” con Marco Saya Edizioni nel 2012. Nel 2014 ha pubblicato il secondo libro “Eros e polis” con Terra d’ulivi ed. Sue poesie sono apparse su riviste (Illustrati e Le Voci della Luna), siti Internet (Caponnetto Poesiaperta, La Recherche, Dedalus di Mugnaini, Thraka-magazine, l’EstroVerso, WSF, La via delle belle donne, L’ombra delle parole, Il giardino dei poeti, Tragico Alverman) e antologie fra le quali: Il ricatto del pane, CFR ed. 2012; 100 Thousand poets for change, Albeggi ed. 2013; Cronache da Rapa Nui, CFR Ed. 2013; Sotto il cielo di Lampedusa, Rayuela Ed. 2014. Nel 2013 si è classificata quarta al concorso Renato Giorgi per la silloge inedita. Nel 2014 ha fatto parte dello staff organizzativo della seconda edizione di Bologna in lettere sotto la direzione artistica di Enzo Campi. Fa parte del Gruppo 77 di Bologna diretto da Alessandro Dall’Olio. È fondatrice, attiva nella direzione e nella redazione assieme a Emanuela Rambaldi e Paolo Polvani, della fanzine on-line rivolta ai lettori Versante Ripido, per la diffusione della buona poesia. (www.versanteripido.it)
    Visita il profilo di Claudia Zironi
  • Claudio Bagnasco
    Claudio Bagnasco
    Bio: Claudio Bagnasco (Genova 1975) ha pubblicato un romanzo per i tipi del Maestrale, racconti per i tipi di Quarup e Aìsara. Redattore della rivista Atelier, tiene laboratori di scrittura creativa. Valuta dattiloscritti inediti per un paio di editori. Spera che un giorno tocchi a lui per primo leggere il prossimo capolavoro delle patrie lettere. http://atelierpoesia.blogspot.it/
    Visita il profilo di Claudio Bagnasco
  • Claudio Damiani
    Claudio Damiani
    Bio: Claudio Damiani è nato nel 1957 a San Giovanni Rotondo. Vive a Roma dall'infanzia. Ha pubblicato le raccolte poetiche Fraturno (Abete,1987), La mia casa (Pegaso, 1994, Premio Dario Bellezza), La miniera (Fazi, 1997, Premio Metauro), Eroi (Fazi, 2000, Premio Aleramo, Premio Montale, Premio Frascati), Attorno al fuoco (Avagliano, 2006, finalista Premio Viareggio, Premio Mario Luzi, Premio Violani Landi, Premio Unione Scrittori), Sognando Li Po (Marietti, 2008, Premio Lerici Pea, Premio Volterra Ultima Frontiera, Premio Borgo di Alberona, Premio Alpi Apuane), Il fico sulla fortezza (Fazi, 2012, Premio Arenzano). Nel 2010 è uscita un'antologia di poesie curata da Marco Lodoli e comprendente testi scritti dal 1984 al 2010 (Poesie, Fazi, Premio Prata La Poesia in Italia, Premio Laurentum). Ha curato i volumi: Almanacco di Primavera. Arte e poesia (L'Attico Editore, 1992); Orazio, Arte poetica, con interventi di autori contemporanei (Fazi, 1995); Le più belle poesie di Trilussa (Mondadori, 2000). È stato tra i fondatori della rivista letteraria Braci (1980-84). Suoi testi sono stati tradotti in diverse lingue (tra cui principalmente inglese, spagnolo, serbo, sloveno, rumeno) e compaiono in molte antologie italiane (anche scolastiche) e straniere.
    Visita il profilo di Claudio Damiani
  • Cosimo Calamini
    Cosimo Calamini
    Bio: Cosimo Calamini (Firenze 1975) è laureato in lettere a Firenze e diplomato in sceneggiatura presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. Lavora a Roma come sceneggiatore cinematografico e autore di documentari per La7, History Channel e RAI3. Con Garzanti ha pubblicato Poco più di niente (2008), vincitore del premio internazionale Feudo di Maida per la narrativa e Le Querce non fanno limoni (2010), finalista al premio Chianti.
    Visita il profilo di Cosimo Calamini
  • Cristina Annino
    Cristina Annino
    Bio: Cristina Annino, nata ad Arezzo, vive e lavora a Roma. La sua prima raccolta poetica, uscita con il nome Fratini, è Non me lo dire, non posso crederci (Tèchne, Firenze, 1969). Tra i suoi libri: Ritratto di un amico paziente (Gabrieli, Roma, 1977), il romanzo Boiter (Forum, Forlì, 1979), Il cane dei miracoli (Bastoni, Foggia, 1980), la prima edizione di Madrid (Corpo 10, Milano, 1987), Gemello carnivoro (Faenza, 2001), Casa d’Aquila (Levante ed., Bari, 2008), Magnificat (Puntoacapo, 2009), Chanson turca (LietoColle, 2012), Madrid (seconda edizione, Stampa2009, Azzate, Varese, 2013), Poco prima di notte (L'Arca Felice, Salerno, 2013). È presente nell’antologia Nuovi poeti italiani n. 3 (Einaudi, 1984) a cura di Walter Siti. Da qualche anno si dedica anche alla pittura con apprezzamenti notevoli e personali in Italia e all’estero.
    Visita il profilo di Cristina Annino
  • Cristina Bove
    Cristina Bove
    Bio: Cristina Bove nasce a Napoli il 16 settembre 1942 e vive a Roma dal ’63. Sin da piccolissima ha avuto il gusto del disegno, a nutrire la passione per la lettura e, più avanti, si sono aggiunte la scultura, la scrittura. “Oggi scrivo soprattutto poesia e mi sento testimone del mio tempo e della mia esistenza. Amo la libertà e la giustizia, penso che il rispetto della diversità sia un valore fondante tra gli esseri umani”scrive su una piccola autobiografia pubblicata su Poetarum Silva. Alla costante ricerca di un significato in questo infinito mistero in cui si sente immersa, Cristina Bove afferma di non porsi più, tuttavia, domande inutili. Ciò che ama è l’interezza della vita, i suoi cari, “e tutti gli esseri umani dal cuore buono e dalla mente aperta”. Troviamo suoi scritti in diverse antologie tra le quali: Auroralia (a cura di Gaja Cenciarelli); La ricognizione del dolore (a cura di Pietro Pancamo); Antologia del Giardino dei poeti (a propria cura e di altri poeti). Fiori e fulmini; Il respiro della luna; Attraversamenti verticali, sono le tre raccolte di poesia pubblicate per la casa editrice Il Foglio Letterario.
    Visita il profilo di Cristina Bove
  • Cecilia Samorè
    Cecilia Samorè
    Bio: Cecilia Samorè (Velletri, 10 luglio 1990) scrive poesie e racconti dal 2010. Ha studiato filosofia all’Università Sapienza di Roma. Suoi componimenti sono apparsi su Italian Poetry Review, Poesia 2.0, Samgha, Stanza 251, e un suo racconto è edito nel volume “8x8” di Oblique Studio.
    Visita il profilo di Cecilia Samorè
  • Daniela Andreis
    Daniela Andreis
    Bio: Daniela Andreis è giornalista. Vive a Legnago (Verona). Ha pubblicato le raccolte di racconti e fotografie La terra piana (Nuoviorizzonti, 2001) e I maestri del tabacco (Nuoviorizzonti, 2004). Con il racconto La leggenda vera della strega di Terranegra ha vinto nel 2001 il premio di narrativa Giulio Leati. Ha curato nel 2009 la biografia Due centimetri tra mare e fiume. Storia di Mario Crocco. Nel 2011 ha ricevuto una segnalazione al premio Lorenzo Montano con la poesia E per non dire; nello stesso anno pubblica "aestella" (Incerti Editori). Nel 2013, prefato da Cristina Annino, pubblica "La casa orfana" (LietoColle).
    Visita il profilo di Daniela Andreis
  • Daniela Delle Foglie
    Daniela Delle Foglie
    Bio: Daniela Delle Foglie è nata a Bari nel 1983 e cresciuta tra Milano e Roma. Si è laureata in comunicazione e produzione culturale e ha conseguito il Master in scrittura e produzione per la fiction e il cinema dell'Università Cattolica di Milano. Ha scritto di televisione americana su diverse testate giornalistiche. Dopo l'esperienza da story editor, oggi lavora come sceneggiatrice di serie televisive, tra cui Don Matteo e Che Dio ci aiuti.
    Visita il profilo di Daniela Delle Foglie
  • Daniela Marcheschi
    Daniela Marcheschi
    Bio: Daniela Marcheschi è critico, docente e studiosa, di letteratura italiana e scandinava dagli orizzonti interdisciplinari e di fama internazionale. Ha pubblicato fra l'altro Prismi e poliedri. Scritti di Critica e Antropologia delle Arti (Sillabe, 2001); Una luce dal Nord. Scritti scandinavi. 1979-2000 (Le Lettere, 2001); Sandro Penna. Corpo, tempo e narratività (Avagliano, 2007); Alloro di Svezia. Carducci, Deledda, Pirandello, Quasimodo, Montale, Fo: le motivazioni del Premio Nobel per la Letteratura (MUP, 2007). Ha curato i "Meridiani" Mondadori delle Opere di Carlo Collodi (1995), di cui dirige attualmente l'Edizione Nazionale dopo averne promosso fin dagli anni Ottanta il recupero moderno degli scritti per gli adulti, e delle Opere di Giuseppe Pontiggia (2004), che ha seguito come critico fin dal 1978. Sue interpretazioni critiche innovative, si leggono inoltre nelle introduzioni al saggio L'Umorismo di Luigi Pirandello, (Mondadori Oscar 2010), a Malombra e Piccolo Mondo Antico di Antonio Fogazzaro (Mondadori Oscar 2009 e 2010) e nella postfazione a Ernst Robert Curtius, L' abbandono della cultura (Aragno, 2010). Sua anche l'introduzione a Piccolo Mondo moderno, primo volume dell'Edizione Nazionale delle Opere di Antonio Fogazzaro (Marsilio, 2012). I suoi saggi sono tradotti in diverse lingue.
    Visita il profilo di Daniela Marcheschi
  • Daniela Pericone
    Daniela Pericone
    Bio: Daniela Pericone è nata nel 1961 a Reggio Calabria, dove vive e lavora. Si è laureata in Scienze Politiche, e per molti anni si è occupata di promozione artistica e letteraria; collabora con enti e associazioni alla realizzazione di eventi culturali e reading. Ha pubblicato i libri di poesia: ‘Passo di giaguaro’, Edizioni Il Gabbiano, 2000 (con una nota di Adele Cambria); ‘Aria di ventura’, Book Editore, 2005 (prefazione di Giusi Verbaro); ‘Il caso e la ragione’, Book Editore, 2010; ‘L'inciampo’, L'arcolaio, 2015 (prefazione di Gianluca D'Andrea e nota di copertina di Elio Grasso). Tra i premi ricevuti per la poesia edita e inedita, Città di Corciano, S. Domenichino, Sulle Orme di Ada Negri, Tra Secchia e Panaro. È autrice e interprete di letture sceniche e recital, tra cui ‘Orfeo ed Euridice lo sguardo sull’ombra e Caravaggio’. Suoi interventi di critica letteraria, poesie, prose brevi e recensioni sono presenti in volumi antologici, riviste culturali, siti e blog letterari. È redattore della rivista on line Carteggi Letterari – critica e dintorni.
    Visita il profilo di Daniela Pericone
  • Daniele Cencelli
    Daniele Cencelli
    Bio: Sono nato il 12 settembre 1984 a Viterbo, in terra di archeologia e tombaroli! Studente magistrale in Archeologia presso l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo per darmi un tono ho discusso la tesi triennale sull'Antropologia dentale. Sono appassionato di antropologia, archeologia, arte, storia, scienze, letteratura, psicologia... e altre svariate discipline terminanti in -logia. Adoro leggere e scrivere e spero un giorno di poter pubblicare le varie idee che mi frullano nella testa, anche postume mi accontenterei.
    Visita il profilo di Daniele Cencelli
  • Daniele Cobianchi
    Daniele Cobianchi
    Bio: Daniele Cobianchi (Parma, 1970), laureato in Filosofia del diritto all'università di Bologna, vive e lavora a Milano, dove si occupa di comunicazione. Ha pubblicato i romanzi Dormivo con i guanti di pelle (Mondadori, 2013), Il segreto del mio insuccesso (Mursia, 2006) e, in rivista, il racconto Gli occhi di mio padre (La luna di Traverso, Mup, 2007).
    Visita il profilo di Daniele Cobianchi
  • Daniele Santoro
    Daniele Santoro
    Bio: Daniele Santoro è nato nel 1972 a Salerno, dove si è laureato in Lettere classiche, e vive a Roma, dove svolge attività di docente nei licei. Collabora con testi poetici e di critica letteraria a riviste di settore, tra cui «Caffè Michelangiolo», «Capoverso», «Erba d’Arno», «Hebenon», «Il Monte Analogo», «La Mosca di Milano», «Sincronie» e le statunitensi «Gradiva» e «IPR Italian Poetry Review». Ha esordito con la plaquette Diario del disertore alle Termopili (Nuova Frontiera, 2006). Nel 2012 pubblica con La Vita Felice il libro di versi "Sulla strada per Leobschütz", prefazione di Giuseppe Conte.
    Visita il profilo di Daniele Santoro
  • Dante Maffia
    Dante Maffia
    Bio: Dante Maffia (Roseto Capo Spulico, 17 gennaio 1946) è un poeta, romanziere e saggista italiano. È nato in Calabria e vive a Roma. Ha scritto opere tradotte in molte lingue. Esordisce nel 1974 pubblicando la raccolta di versi, ‘Il leone non mangia l'erba’, con la prefazione di Aldo Palazzeschi. Le sue successive prove poetiche gli hanno portato la stima di grandi nomi, come Mario Luzi, Giorgio Caproni, Giacinto Spagnoletti, Natalia Ginzburg e Dario Bellezza (suo intimo amico). A lungo si è dedicato alla ricerca e all'insegnamento nell'ambito della cattedra di letteratura italiana del prof. Luigi Reina, presso l'Università di Salerno.Ha fondato riviste letterarie di prestigio come "Il Policordo", e diretto "Polimnia". Come critico letterario ha collaborato inoltre col quotidiano "Paese Sera".Il suo lavoro più importante è ‘Il romanzo di Tommaso Campanella’, del 1996. Il suo ultimo romanzo si intitola ‘Il poeta e lo spazzino’, edito da Mursia e prefato da Walter Veltroni. Per quanto riguarda i suoi lavori di poesia sono da segnalare ‘Lo specchio della mente e Il canto della rana e dell'usignolo’; sono in ogni caso numerosissime le sillogi pubblicate da Maffia. Ha vinto diversi premi: Alfonso Gatto, Rhegium Julii, Montale, Un ponte per l'Europa, Insieme nell'arte, Stresa (1997) ed è stato finalista al Premio Viareggio (1974). Nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Corrado Alvaro grazie al romanzo ‘Milano non esiste’. Nel 2004 Carlo Azeglio Ciampi lo ha insignito della medaglia d'oro alla cultura della Presidenza della Repubblica.
    Visita il profilo di Dante Maffia
  • Dario Borso
    Dario Borso
    Bio: Dario Borso insegna Storia della Filosofia all'Università degli Studi di Milano. Saggista, traduttore (Paul Celan per Einaudi e nottetempo, Arno Schmidt per Zandonai e Mimesis), animatore culturale (Premio Baghetta, giunto alla VII edizione). Di recente è uscita la sua traduzione e curatela del racconto lungo di Arno Schmidt “Leviatano o il migliore dei mondi” (Mimesis, 2013).
    Visita il profilo di Dario Borso
  • Dario Matteo Gargano
    Dario Matteo Gargano
    Bio: “Dario Matteo Gargano, è come si definirebbe lui stesso: un artista del "momento"; Poeta, scrittore, traduttore singolare dell'unica versione in Italiano disponibile dell'Ulisse di A Tennyson messa in recitazione, è in groppa attualmente alla ricerca del divino; così come lo sarebbero Iside e Osiride. Fervido sostenitore di una presenza "metafisica" incontestabile, è attualmente distratto/astratto nel far ciò che lui declama come "teatro dell’ interiore", nell'unico luogo della "sragione" della verità che è l'anima; Contrario a ogni forma di biografia, perché antistoricista, e in puro ossequio a Borges, nasce il 13 gennaio del 1985. Vive attualmente "fisicamente" in Sicilia. Ma potrebbe essere “ovunque e altrove."
    Visita il profilo di Dario Matteo Gargano
  • Dario Talarico
    Dario Talarico
    Bio: Dario Talarico nasce a Roma nel ’90. Autodidatta, viene segnalato in alcuni concorsi letterari e suoi testi appaiono in volumi di poesia contemporanea quali Trifolium 2010 (Caravaggio), le antologie 2013 e 2014 del Premio Alda Merini e ‘Il Segreto delle fragole 2015’ (a cura di G. Oldani e M. Bignotti, LietoColle). È stato presentato in diversi programmi radiofonici e ha rilasciato interviste televisive per ‘Se Scrivendo e 10 libri’ della piattaforma Sky. Nel 2013 ha tenuto a Trieste la relazione ‘Artigianato artistico’ durante il Forum Mondiale «Right to Dialogue» e l’intervento è stato pubblicato nel volume bilingue ‘Città / Globale - Global / City’ (Ibiskos). Collabora con blog e riviste letterarie. Dopo aver ritirato i primi due libri dalle stampe, rimane in commercio ‘La farfalla di piombo’ (LietoColle, 2013). Vive in un bosco.
    Visita il profilo di Dario Talarico
  • Davide Gariti
    Davide Gariti
    Bio: Davide Gariti è nato a Palermo il 3 Settembre del 1976, dove si è diplomato in ragioneria. Ha iniziato a scrivere in versi all’età di tredici anni, seguendo ed inseguendo, più in là, un percorso di variegate letture. Nel 2003 la sua prima menzione d’onore, assegnatagli al premio Inycon, con la poesia “la terra tremante”, alla presenza di Mario Luzi (in giuria) ed inserita nell’antologia Poliantèa (ed. Mazzotta). La seconda menzione d’onore arriva all’interno di una delle sezioni che hanno preceduto il premio G. Tomasi di Lampedusa nel 2005. Nel 2010, inoltre, ha pubblicato all’interno dell’antologia poetica Calpestare l’oblio a cura di Gianni D’Elia, Davide Nota e Fabio Orecchini, con la poesia “sulle spalle del niente”. È presente su diverse riviste on line, quali LaRecherche.it, La Gru e Pasolini.net. Ha appena pubblicato la sua prima silloge di poesie dal titolo “Due minuti all’ombra”, sulla rivista ‘LaRecherche.it’: http://www.larecherche.it/public/librolibero/Due_minuti_all_ombra_di_Davide_Gariti.pdf http://www.larecherche.it/ebook_iframe_e-book.asp?Id=171
    Visita il profilo di Davide Gariti
  • Davide Orecchio
    Davide Orecchio
    Bio: Vivo e lavoro a Roma, dove sono nato l’anno dello sbarco sulla Luna. Nel 2014 è uscito il mio nuovo romanzo: Stati di grazia (il Saggiatore). Ho pubblicato nel 2012 Città distrutte. Sei biografie infedeli (Gaffi), una raccolta di racconti (o, semplicemente, storie) che ha vinto il premio Mondello Opera Italiana e SuperMondello 2012, il Premio Volponi 2012 ed è arrivata finalista al premio Napoli. Storico di formazione e giornalista professionista, ho pubblicato racconti, testi, articoli e saggi su «Nazione Indiana» (il blog collettivo del quale faccio parte dal 2012), «Nuovi Argomenti», «WATT», «pagina99», «il manifesto», «The American Reader», «Achab», «Reset», «Caffè Europa», «Dimensioni e problemi della ricerca storica», «Style Piccoli/Corriere della Sera». Sono stato direttore di Rassegna.it dal 2007 al gennaio 2014. Il mio primo incontro con internet risale al 1994, quando una conoscente inglese mi chiede di darle il suo indirizzo email (e le rispondo: “What?”). Da allora un progredire inevitabile. Ho trascorso una decade (quella con il “2” davanti) immerso negli studi storici, laureandomi alla Sapienza di Roma e addottorandomi alla Statale di Milano con una tesi sull’uso pubblico e l’insegnamento della storia nella Germania di inizio Ottocento.
    Visita il profilo di Davide Orecchio
  • Davide Sapienza
    Davide Sapienza
    Bio: Geopoeta, scrittore, editorialista, autore di reportage, traduttore. Sperimenta alchimie narrative intrecciate alla Terra, amalgamate dal viaggio, azionate dal cammino. La giovinezza erutta nel magma rock, passaggio costellato di libri importanti e di successo (U2, Waterboys, Simple Minds, Nirvana, Neil Young). Poi, arriva la sua strada. I Diari di Rubha Hunish (dal 2014 anche in digitale, Feltrinelli Zoom), La valle di Ognidove, La strada era l'acqua, La musica della neve (anche in digitale per Ediciclo), Scrivere la natura, Camminando ( anche in digitale Feltrinelli Zoom): i più evidenti segnavia di un percorso letterario dinamico, fuori da ogni genere. Ha lanciato i cammini geopoetici NatuRe (anche di più giorni), realizza performance letterarie ( in cd con La musica della neve.experience), anche tratte dal "suo" Jack London (Il Richiamo di Zanna Bianca) con musicisti di livello come Giuseppe Olivini e Francesco Garolfi. Nel 2016 pubblica la prima raccolta di poesie, Il Durante Eterno Delle Cose (Feltrinelli Zoom Poesia): un ritorno all'inizio, al lavoro di apprendistato coi poeti nativi Lance Henson e John Trudell che ne hanno segnato il percorso interiore ed espressivo. Dal 2012, si unisce alla visione innovativa di Alpes (www.alpesorg.com). Nel 2013, dopo alcuni anni di lontananza dai media, torna al "diversamente giornalismo" per il dorso bergamasco del Corriere della Sera. La montagna e il rapporto profondo tra il suo tempo e la cultura – la geopoetica - lo ha visto anche sceneggiare l'acclamato Scemi di guerra (2008), docu di Enrico Verra. Nel 2009 la TV Svizzera Italiana gli ha dedicato La sapienza di Davide. Parole in cammino. É tra i maggiori studiosi internazionali di Jack London e traduttore di classici (Barry Lopez, EA Poe), anche dell'esplorazione polare (Nansen, Scott). Ha ricevuto riconoscimenti prestigiosi per il suo lavoro geopoetico e letterario, oltre che per l'impegno dedicato alla Natura e al Pianeta (2011 "Pigna d'argento"; 2012 "Sentinella del creato"; 2015 "Le ghiande" di Cinemambiente). Vive in montagna. Sugli oltre cinquanta libri scritti, tradotti o curati vedere www.davidesapienza.it.
    Visita il profilo di Davide Sapienza
  • Davide Spampinato
    Davide Spampinato
    Bio: Dai documenti in mio possesso mi risulta che io sia nato a Giarre, 32 anni or sono. Di tutta la mia vita, povera di eventi, basterà ricordare che discendo da un’agiata famiglia di mercanti, terzo di quattro fratelli. Mi sono laureato in lettere moderne perché non avevo di meglio da fare. Per lo stesso motivo, per evitare il più possibile il mio ingresso nel mondo del lavoro e le cure che ne derivano, mi sono dilungato in studi che ritengo brillantemente inutili (personalmente lo ritengo il mio capolavoro). Mi reputerei brillante, se non sapessi quanto il talento possa passare, nel senso comune, per una forma neanche troppo velata di discriminazione. Nutro velleità letterarie da quando avevo sedici anni. Ciò che ho composto in lunghi anni di esercizio riposa in un cassetto della mia scrivania nella profonda convinzione che siamo tutti destinati alla cenere. Per il resto, sarei persino capace d’innamorarmi, se non costasse così tanta fatica. Il mio colore preferito è il viola penitenziale.
    Visita il profilo di Davide Spampinato
  • Davide Zizza
    Davide Zizza
    Bio: Davide Zizza (Crotone, 1976) è Dottore Magistrale in Lingue e Letterature Straniere con una tesi in filologia romanza sul Tristran di Béroul. Collabora con l’EstroVerso (www.lestroverso.it) e con la Rivista Internazionale Patria Letteratura (www.patrialetteratura.com). Nel 2000 pubblica la plaquette tipografica Mediterraneo e nel 2012 per l’editore Rupe Mutevole la raccolta Dipinti & Introspettive. Il suo breve saggio «La lettura e la scrittura come etiche dell’ascolto» è stato inserito nel volume collettaneo Ascolto per scrivere per Fara Editore (2014). Due suoi contributi critici (Salvatore Quasimodo, Giorno dopo giorno e Il tormento nella poesia. Laforgue e Lowell, due ritratti della modernità) sono apparsi sulla Rivista di lingua greca Koukoutsi. Non si definisce un poeta (non ne possiede l’ardire), ma un pescatore di parole. Suoi autori di sempre – Brodskij, Pavese, Testa, Caproni, Rilke, Borges. Spera proprio come Borges di poter dire un giorno: «Che gli altri si vantino delle pagine che hanno scritto. Io mi vanto di quelle che ho letto».
    Visita il profilo di Davide Zizza
  • Deborah Mega
    Deborah Mega
    Bio: Leccese, laureata in Beni Culturali Musicali, con una tesi sui rapporti tra Melodramma e Bande Musicali da giro, è anche diplomata in pianoforte. Abilitata all’insegnamento di Materie Letterarie per la scuola superiore e in Italiano, Storia e Geografia per le scuole medie, è docente di Lettere in una scuola secondaria di I grado di Manduria (TA), dove tuttora vive. In collaborazione con altre sette amiche poetesse, ha pubblicato l'antologia poetica "Plurale Femminile" (ilmiolibro.it - Feltrinelli.it) presentata a Roma il 18 dicembre 2010. Nel 2011 è la volta della silloge “Parole di donna” (ilmiolibro.it - Feltrinelli.it). Tra i suoi molteplici interessi predilige la scrittura di poesie e racconti che ha pubblicato su blog (Poeti Clandestini, La poesia e lo spirito) e in antologie collettive di concorsi letterari (Il Federiciano di Aletti Editore, libro blu 2010, Arbor Poetica 2011 di LietoColle, Kronos di Onirica, Verba Agrestia 2012 di LietoColle, Il Segreto delle Fragole 2013 - Cantico delle Stagioni di LietoColle), a cui ha partecipato. Suoi testi saranno inclusi nelle antologie dei concorsi “Il Ventuno a primavera Tributo ad Alda Merini" e "Katia Zattoni-Come farfalle diventeremo immensità" di prossima pubblicazione. Diversi scritti critici e recensioni sono presenti in rete e in antologie varie. Si interessa di critica letteraria e di editing.
    Visita il profilo di Deborah Mega
  • Della Passarelli
    Della Passarelli
    Bio: Mi chiamo Della Passarelli, sono nata e vivo a Roma e dirigo la Sinnos Editrice da vent’anni e poco più. Una casa editrice nata in un luogo molto particolare, un carcere da un gruppo di detenuti italiani e stranieri e volontari. Una casa editrice che nel suo progetto editoriale non ha il carcere ma libri per bambini e ragazzi, libri che “lascino il segno” (“sinnos”, segni in sardo – perché un detenuto sardo passava di lì mentre sceglievamo il nome..). Tante lingue diverse (i primi a pubblicare in tagalog o in tigrino), educazione alla cittadinanza da Lorenzo e la Costituzione a Nina e i diritti delle donne; autori che sanno dare alle loro storie forma, stile e punti di vista diversi, che aggiungono qualcosa al nostro modo di vedere. Insomma libri per crescere persone e cittadini consapevoli, responsabili e, perché no, anche più felici. Perché secondo me noi lettori abbiamo qualcosa in più per essere più felici. La mia vita si intreccia molto alla passione per i libri (farli e leggerli), ai corsi che tengo all’American University of Rome, e alla mia famiglia, i miei amici, e a molte altre cose: Roma, la mia città, e i posti dei miei viaggi. Lontani e vicini. Il mare, soprattutto.
    Visita il profilo di Della Passarelli
  • Diego Caiazzo
    Diego Caiazzo
    Bio: Diego Caiazzo è nato a Napoli il 25 ottobre 1955. Vive a Pomigliano d’Arco. La sua è stata definita “poesia prosastica”. Il tono pacato, la rinuncia allo scrivere difficile, all’inutile complicazione sono tratti del suo stile, essenziale, che tende per scelta deliberata alla chiarezza, alla semplicità verbale, con un ritmo e una metrica, anche non evidente, nascosta, interna, quasi subliminale.
    Visita il profilo di Diego Caiazzo
  • Domenico Trischitta
    Domenico Trischitta
    Bio: Domenico Trischitta, catanese, è scrittore e autore per il teatro. Ha pubblicato il romanzo ‘Una raggiante Catania’ (Excelsior 1881), vincitore del Premio Martoglio, e il romanzo ‘Glam City’ (Avagliano). Nell'Aprile 2016 è andato in scena il suo testo teatrale ‘Sabbie Mobili’, prodotto dal Teatro Stabile di Catania, con Guia Jelo e la regia di Massimiliano Perrotta. È appena uscita una sua nuova raccolta di racconti, “Le lunghe notti” (nota critica di Giuseppe Pontiggia) con Avagliano editore.
    Visita il profilo di Domenico Trischitta
  • Dorinda Di Prossimo
    Dorinda Di Prossimo
    Bio: Dorinda Di Prossimo nasce a Teramo per destino materno e ha paterne radici siciliane. Vive a Porto Recanati dove raccoglie il tempo di “quel che resta” coltivando versi, respirando sale, cercando la clemenza di un’età inclemente. Ha pubblicato le raccolte di versi ‘Nel sottocuore’ (Edizioni Akkuaria, 2006), ‘Leggere sull’unghia’ (Edizioni Tempo al Libro, 2011), ‘Quaderno millimetrato’ (Incerti Editori, 2012).
    Visita il profilo di Dorinda Di Prossimo
  • Elena Buia Rutt
    Elena Buia Rutt
    Bio: Elena Buia Rutt, classe 1971, vive a Roma. Ha scritto libri su Pier Vittorio Tondelli e con il marito Andrew Rutt ha tradotto lettere e saggi inediti di Flannery O’Connor, oltre a poesie scelte di Mary Oliver e Rowan Williams (ex Arcivescovo di Canterbury). Collabora alle pagine culturali di diversi quotidiani e riviste nazionali. Con la sua prima raccolta di versi è entrata nella terzina dei finalisti del Premio Fogazzaro. É sposata e ha quattro figli, Miriam, Thomas, Angelica ed Emily.
    Visita il profilo di Elena Buia Rutt
  • Elisa Ruotolo
    Elisa Ruotolo
    Bio: Elisa Ruotolo è nata nel 1975 a Santa Maria a Vico (Ce) dove vive tuttora. Insegna Italiano in una scuola superiore. Ha esordito per nottetempo nel 2010, con la raccolta Ho rubato la pioggia, vincitrice del Premio Renato Fucini e finalista al Premio Carlo Cocito 2010.
    Visita il profilo di Elisa Ruotolo
  • Elisa Toscano
    Elisa Toscano
    Bio: Elisa Toscano è nata a Catania il 6 agosto 1977. Si è laureata in Relazioni pubbliche (Università di Catania) e successivamente ha proseguito il suo iter studiorum con un master in relazioni pubbliche, marketing e giornalismo, ha inoltre approfondito le diverse aree delle relazioni pubbliche con seminari di specializzazione a Roma in comunicazione politica elettorale, oltre a corsi in comunicazione interna, crisis management e comunicazione efficace e public speaking. Svolge da dieci anni l’attività di consulente in relazioni pubbliche e marketing. Docente e formatrice ha insegnato all'Università di Catania, ad oggi, in corsi di formazione privati e per aziende e all'Accademia musicale Vincenzo Bellini di Catania. Ha curato la redazione, quale autore, dei capitoli n°16-17 sulle seguenti tematiche: Comunicazione no-profit, Sponsoring, Responsabilità sociale d’impresa, Cause Related Marketing e fundraising nel testo “Le Relazioni Pubbliche. Tecniche e Teorie Cognitive”, A. J. Succi e A. Bertirotti, Bonanno Editore 2005. Scrive da due anni per l’EstroVerso e per il bimestrale Aliante, ha collaborato anche con il Gazzettino di Giarre e il Giornale di Sicilia. È socia professionista FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche italiana.
    Visita il profilo di Elisa Toscano
  • Eliza Macadan
    Eliza Macadan
    Bio: Eliza Macadan è nata nel 1967 in Romania. Volumi pubblicati: Spazio austero, Ed. Plumb, 1994, Bacau (Romania); Frammenti di spazio austero, 2001, Ed. Libroitaliano, Ragusa; In autoscopio, 2009, Ed. Vinea, Bucarest (Romania); A nord della parola, 2010, Ed. Tracus Arte, Bucarest (Romania); Trascrizioni dal cosciente, 2011, Ed. Eikon, Cluj Napoca (Romania); Paradiso riassunto, 2012, Ed. Joker, Novi Ligure; Stagione sospesa, 2013, Ed. Eikon, Cluj Napoca (Romania).
    Visita il profilo di Eliza Macadan
  • Elvira Seminara
    Elvira Seminara
    Bio: Elvira Seminara è nata a Catania. Giornalista professionista, scrittrice e pop-artist, crede nella riconversione e contaminazione dei linguaggi (e delle cose). Prima di dedicarsi interamente alla narrativa ha lavorato nella redazione del quotidiano La Sicilia, per dodici anni come cronista e poi quale autrice di una rubrica quotidiana di costume, Oblò. Come docente a contratto ha insegnato Storia del giornalismo nella facoltà di Lettere a Catania e curato laboratori di “Sartoria narrativa (Tagliare e imbastire una storia)”. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo “L’indecenza” (Mondadori); nel 2009 “I racconti del parrucchiere” (Gaffi editore); nel 2011 la dark comedy “Scusate la polvere” (Nottetempo), che ha meritato due prestigiosi riconoscimenti quale “romanzo da film” dalle giurie internazionali del Festival internazionale del cinema di Roma e della Fiera del libro di Torino. L’ultimo suo romanzo, “La penultima fine del mondo” (Nottetempo) è uscito nel giugno 2013. Suoi racconti sono apparsi in varie antologie, tra cui “Eros e thanatos” e “Non è un paese per donne” (Mondadori). Il suo motto è “Every thing has its rebirth”. Con la firma “Manomissioni” ricrea oggetti d’arte come “mappe narrative”, attraverso materiale di scarto e sedimenti urbani. Quando non viaggia vive ad Acicastello. Suoi testi sono tradotti in diversi paesi.
    Visita il profilo di Elvira Seminara
  • Emanuele Lombardini
    Emanuele Lombardini
    Bio: Emanuele Lombardini, nato nel 1975, è nato, vive e lavora a Terni. Laureato in Scienze della Comunicazione, diplomato in lingue, giornalista professionista, attualmente svolge attività da free lance ed è collaboratore del quotidiano Avvenire. Per oltre 10 anni è stato voce di Radio TNA, emittente della Diocesi di Terni- Narni-Amelia e responsabile dell’Ufficio Stampa delle Acli provinciali ternane, contemporaneamente collaborando con le redazioni locali di diversi quotidiani e con diverse collaborazioni con giornali e riviste in giro per l’Italia. Successivamente ha lavorato per nove anni per l’agenzia nazionale di stampa Infopress, realizzando pagine e servizi per il quotidiano Il Giornale dell’Umbria e per diverse testate italiane. Cura e gestisce due newsblog musicali no profit (euromusica.org ed eurofestivalnews.com). Aderente all’Azione Cattolica sin dal 1986, nel tempo libero svolge attività di volontariato con l’associazione.
    Visita il profilo di Emanuele Lombardini
  • Emiliano Zappalà
    Emiliano Zappalà
    Bio: Emiliano Zappalà - Nato a Indianapolis nel 1986, cresciuto in Sicilia. Laureato in filologia moderna. Scrive racconti e poesie perché non può farne a meno. Lavora come insegnante di italiano per stranieri presso il comitato di catania della Società Dante Alighieri e come giornalista free lance perché in qualche modo si deve sbarcare un lunario. Redattore di alcuni blog e webzine letterarie e culturali perché la passione è passione. Impegnato in politica perché non è d'accordo con l'idea del "lasciamolo fare agli altri così poi noi possiamo lamentarci". Ha dei sogni ma quelli sono un'altra storia.
    Visita il profilo di Emiliano Zappalà
  • Emilio Paolo Taormina
    Emilio Paolo Taormina
    Bio: Emilio Paolo Taormina (Palermo, 1938) è tradotto in numerose lingue, è uno scrittore di poesia e prosa. Cura un’attività commerciale specializzata in musica rock, folk, blues, jazz, nuove tendenze. Sue poesie sono presenti in antologie, riviste italiane e internazionali. È tradotto in spagnolo, portoghese, francese, inglese, russo, albanese, croato e tedesco. Tra le pubblicazioni recenti: ‘Archipiélago’, traduzione in spagnolo di Carlos Vitale, Plaza & Janes Editores, Barcelona 2002; ‘Magnolie’, traduzione in armeno di Hakob Simonyan, Erevan 2007; ‘Lo sposalizio del tempo’, Edizioni del Foglio clandestino, Sesto San Giovanni 2009, ristampa ampliata 2011; ‘Inchiostro’, (racconti), Edizioni del Foglio clandestino, Sesto San Giovanni , 2011; ‘Le regole della rosa’, Edizioni del Foglio clandestino, Sesto San Giovanni, 2014. Su quest’ultima opera poetica Massimo Barbaro ha scritto una breve saggio.
    Visita il profilo di Emilio Paolo Taormina
  • Emma La Spina
    Emma La Spina
    Bio: È nata nel 1961 e vive in Sicilia. Ha pubblicato (tutti con Piemme): “Il suono di mille silenzi”, “Mille volte niente” e “Come fossi una bambola”. Le prime due opere sono state pubblicate anche in versione Best-Seller. I diritti dei due libri suddetti sono stati acquisiti anche dalla Mondo Libri Editore, che ha pubblicato una propria tiratura. Nell’anno 2011 “Il Suono di Mille Silenzi” è stato tradotto in lingua giapponese da Noriko Izumi e pubblicato dalla casa editrice Chuokoron – Shinsha. “Mille Volte Niente” è in corso di traduzione in lingua giapponese e in lingua tedesca.
    Visita il profilo di Emma La Spina
  • Enza Armiento
    Enza Armiento
    Bio: Enza Armiento è nata a Manfredonia (FG), dove tuttora risiede. Ha insegnato in diverse scuole e dal 2002 presso l'ISISS "A.G.Roncalli" di Manfredonia. Nel 1975 ha partecipato al suo primo concorso "Gi.Fra" sezione poesia, ottenendo una segnalazione di merito. Dal 2004 è risultata vincitrice e finalista in diversi premi letterari. Sue poesie sono apparse in antologie letterarie e riviste letterarie online. Nel 2012 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie dal titolo “Di tanto in vita”, Samuele Editore.
    Visita il profilo di Enza Armiento
  • Enzo Fileno Carabba
    Enzo Fileno Carabba
    Bio: Enzo Fileno Carabba (1966) è uno scrittore italiano. Ha scritto romanzi pubblicati in Italia e all'estero, racconti, sceneggiature radiofoniche, libretti d'opera e libri per bambini. Si segnalano qui alcune opere. Ha esordito con il libretto d'opera ‘Integrale Sade’, musicato da Sylvano Bussotti (Prima esecuzione nel 1989 a Parigi, all'Opera Comique, in occasione del Festival D'Automne). Nel 1990 ha vinto il Premio Calvino col romanzo ‘Jakob Pesciolini’ (Einaudi 1992), primo volume di una ideale trilogia fantastica che comprende: ‘La regola del silenzio’ (Einaudi 1994) e ‘La Foresta finale’ (Einaudi 1997). Nel 2003 un suo romanzo (dove qualche elemento fantastico si fonde a una forte componente autobiografica) è uscito prima in Francia: Mauvais signes (Gallimard, Série Noire). In Italia è stato pubblicato col titolo ‘Pessimi segnali’ (Marsilio 2004). Nel romanzo ‘Le colline oscure’ (Barbera 2008) torna Angelo, il protagonista di ‘Pessimi segnali’. Tiene corsi di scrittura nei luoghi più vari. Dall'esperienza dei corsi in carcere, nel reparto di alta sorveglianza, è nato il libro ‘Se siete arrivati fin qua. Racconti dal carcere’ (Le Lettere, 2005) che dà voce direttamente ai detenuti. Per la casa editrice D' Anna, nel 2010, ha scritto il manuale di scrittura creativa ‘Come scrivere una storia senza durare fatica’. Del 2010 è il libro per ragazzi ‘Fuga da Magopoli’ (Salani, Gl'Istrici), vincitore del premio Critici in Erba 2011, la cui giuria è formata da centinaia di bambini. Nel 2011 è uscito ‘Con un poco di zucchero’ (Mondadori, Sis), che nel maggio 2014 è stato pubblicato in Germania da Btb. Il primo capitolo di un altro romanzo ambientato a Firenze e inedito in Italia (‘La donna dell'ippopotamo’) è uscito nel 2012 nell'antologia olandese ‘De stedenverzamelaar’. Nel 2012 è uscito il romanzo storico ‘Attila’ (Feltrinelli). Nel 2013 sono usciti cinque racconti in ‘Decameron 2013’, Felici editore, a cura di Marco Vichi. Giugno 2013: ‘Conosci i tuoi polli’, (Fuorionda, Reverie n.3). In collaborazione con l'artista Carlo Romiti ha realizzato ‘Novellando piacere’, una installazione letteraria nel Palazzo Pretorio di Certaldo (ottobre-dicembre2013). Collabora con i giornali. Tiene una rubrica fissa sul Corriere fiorentino intitolata “Storie d'amore” in cui racconta vere storie di coppie (siamo oltre la duecentesima puntata). Appassionato di giri a piedi e sott'acqua è anche autore di reportage naturalistici, in particolare dalla Toscana selvaggia. Sta scrivendo una serie di racconti sui paesi fantasma (sempre per il Corriere fiorentino). Nel gennaio 2014 Giancarlo Cauteruccio ha tratto una piéce dal testo ‘La signorina metrò’. Lo spettacolo è andato in scena al Teatro Studio di Scandicci, recitato da Patrizia Schiavo che fa la parte della città metropolitana. Nel settembre 2015 è uscito il romanzo autobiografico “La zia subacquea e altri abissi famigliari” (Mondadori).
    Visita il profilo di Enzo Fileno Carabba
  • Evelina De Signoribus
    Evelina De Signoribus
    Bio: Evelina De Signoribus è nata nel 1978. Ė laureata in Letteratura Italiana Contemporanea a La Sapienza di Roma con una tesi sulla poesia di Paolo Volponi. Alcune sue sequenze poetiche sono apparse su Nuovi Argomenti (n. 36, 2006), Il Caffè illustrato (n. 34, 2007), L’immaginazione (n. 233, 2007). Nel 2008 ha pubblicato il quaderno di racconti La capitale straniera (collana questipiccoli, Quodlibet ). La sua prima raccolta di poesie si intitola Pronuncia d’inverno (Canalini e Santoni, Ancona 2009). Foto di Daniele Cervigni.
    Visita il profilo di Evelina De Signoribus
  • Fabio Orecchini
    Fabio Orecchini
    Bio: Fabio Orecchini (Roma, 1981). Suoi testi ed opere visive sono pubblicate su quotidiani(La Repubblica,Il Resto del Carlino), riviste (Argo,L'Area di Broca, InPensiero), antologie(Pro/Testo, Fara Editore, Poesia di Strada, Vydia Editore, Tra-Versi, Prufrock Spa) e siti letterari(Nazione Indiana, Poesia2puntozero, AbsolutePoetry ,Imperfettaellisse). Ha tenuto letture e presentato le sue opere visive in tutti i migliori Festival Italiani (RomaPoesia, TriestePoesia, TorinoPoesia, Eclettica, La Punta della Lingua, PoesiaPresente e molti altri). E’ stato promotore del movimento culturale Calpestare l'oblio, curando inoltre l’antologia omonima edita da Cattedrale (Ancona,2011). Come regista ha realizzato [A]livePoetry, un progetto di videoarte e documentazione dedicato ai poeti contemporanei (E. Pagliarani e G. Mesa tra gli altri). Nel 2010 ha pubblicato Dismissione [Polimata,Roma], recentemente ripubblicato per i tipi di Luca Sossella, nella sua versione definitiva, completo di cd (il concept album dell’opera stessa composto dal progetto Pane) e alcune opere visive (Modelli di bocche) dello stesso autore. Scrive per Argo, Metromorfosi, AbsoluteVille.
    Visita il profilo di Fabio Orecchini
  • Fabrizio Bajec
    Fabrizio Bajec
    Bio: Fabrizio Bajec (1975) vive a Parigi. Italo-francese, scrive nelle due lingue. Poeta, drammaturgo, traduttore (William Cliff, Il pane quotidiano, Marco Valerio, 2007), è l’autore dei seguenti libri : Gli ultimi (Transeuropa, 2009), Entrare nel vuoto (Con-fine, 2011, finalista ai premi G. Carducci, G. Dessì, e Città di Marineo), poi pubblicato in francese, Entrer dans le vide (Editions du Fram, 2012), e Loin de Dieu, près de toi / Con te, senza Dio (L’Âge d’Homme, 2013, in edizione bilingue).
    Visita il profilo di Fabrizio Bajec
  • Fabrizio Bernini
    Fabrizio Bernini
    Bio: Fabrizio Bernini, nato a Broni (Pavia) nel 1974, vive a Milano. Ha pubblicato La stessa razza (Lietocolle 2003), libro vincitore Premio Orta 2003, sezione Opera Prima, Premio "Giuseppe Piccoli" 2004, sezione Opera Prima, Premio Cetonaverde poesia 2005. Nel 2011 per la collana Lo Specchio Mondadori pubblica L'apprendimento elementare. Scrive per l'EstroVerso da gennaio 2012.
    Visita il profilo di Fabrizio Bernini
  • Federica Manzon
    Federica Manzon
    Bio: Federica Manzon è nata nel 1981 a Pordenone. Ha vissuto molti anni a Trieste, dove ha studiato, laureandosi in Filosofia contemporanea. Ha partecipato a diversi progetti di studio e lavoro finanziati dalla Comunità Europea, e da uno di questi, in Grecia, è nato il suo primo libro Come si dice addio pubblicato nel 2008 da Mondadori. Si è poi trasferita a Milano dove ha iniziato a lavorare per l'editoria, attualmente è editor della Narrativa Straniera a Mondadori. Collabora con l’organizzazione del festival letterario “pordenonelegge.it”, il quotidiano di Trieste "Il Piccolo" ed è redattrice della rivista letteraria “Nuovi Argomenti”. Suoi racconti sono apparsi su diversi giornali, riviste, e antologie. Nel 2011 è uscito il suo romanzo Di fama e di sventura (Mondadori) che ha vinto il Premio Rapallo Carige per la Letteratura Femminile e il Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati.
    Visita il profilo di Federica Manzon
  • Federico Italiano
    Federico Italiano
    Bio: Federico Italiano (Novara 1976) ha pubblicato cinque libri di poesia, ‘Nella costanza’ (Atelier 2003), ‘I Mirmidoni’ (Il Faggio 2006) ‘L’invasione dei granchi giganti’ (Marietti 2010), ‘L’impronta’ (Aragno 2014) e l’e-book ‘Un esilio perfetto. Poesie scelte 2000-2015’ (Feltrinelli 2015). Apparse in varie riviste e antologie, in Italia e all’estero, le sue poesie sono state tradotte in varie lingue, tra cui tedesco, spagnolo, inglese, rumeno e albanese. Traduttore a sua volta, Italiano ha pubblicato versioni da vari poeti moderni e contemporanei, tra cui Cesár Vallejo, Vicente Aleixandre, Philippe Soupault, Elizabeth Bishop, Lutz Seiler, Durs Grünbein e Jan Wagner. Come critico e teorico della letteratura, ha pubblicato ‘Tra miele e pietra. Aspetti di geopoetica in Montale e Celan’ (Mimesis 2009) e ‘Translation and Geography’ (Routledge 2016). Ha inoltre curato le raccolte di saggi ‘Geopoetiche. Studi di geografia e letteratura’ (con Marco Mastronunzio, Unicopli 2011), ‘Translatio/n. Narration’, ‘Media and the Staging of Cultural Differences’ (con Michael Rössner, Transcript 2012) e l’antologia di poesia italiana contemporanea in traduzione tedesca ‘Die Erschließung des Lichts. Italienische Dichtung der Gegenwart’ (con Michael Krüger, Hanser 2013). È ricercatore associato presso l'Accademia Austriaca delle Scienze a Vienna e docente di Letterature Comparate all’università di Monaco di Baviera.
    Visita il profilo di Federico Italiano
  • Filomena Shedir Di Paola
    Filomena Shedir Di Paola
    Bio: Nasce e vive fino ai 18 anni a Montecorice (paesino del Cilento, in provincia di Salerno). Si trasferisce quindi nel capoluogo partenopeo, dove si laurea in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", con una tesi sugli scritti giovanili di Albert Camus. Un giorno si reca in vacanza in Grecia e, al di là di ogni previsione, vi rimane stabilmente. Ad Atene apre una scuola privata di lingua e cultura italiana che gestisce fino al 2009, cui affianca la traduzione di diversi testi per case editrici greche ed italiane. Relativamente alla scrittura, antica passione ed esercizio, raggiunge negli ultimi tre anni quel che personalmente riconosce come una maturazione consapevole ed in continua evoluzione. I suoi testi sono tutti inediti, a parte una pubblicazione di alcune sue poesie sulla rivista di Elio Pecora, “Poeti e Poesia” (nel numero 37, aprile 2016). Parla correntemente quattro lingue. Ama dipingere.
    Visita il profilo di Filomena Shedir Di Paola
  • Flaminia Cruciani
    Flaminia Cruciani
    Bio: Romana, si ė laureata in Archeologia e storia dell'arte del Vicino Oriente antico, presso Sapienza Università di Roma sotto la guida del Prof. Matthiae. Ha poi conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Archeologia Orientale nella stessa università per poi perfezionare i suoi studi con un Master di II livello in “Architettura per l'Archeologia - Archeologia per l'Architettura” per la valorizzazione del patrimonio culturale. Per lunghi anni ha partecipato alle annuali campagne di scavo in Siria, in qualità di membro della "Missione archeologica italiana a Ebla". Ha poi conseguito una seconda laurea triennale in “Storia dell’arte” ed è attualmente iscritta per il conseguimento della magistrale. Presso la stessa università tiene annualmente corsi sul rapporto tra l'iconografia e il testo nella tradizione mesopotamica. Si è specializzata inoltre in Discipline Analogiche, attraverso lo studio dell’Ipnosi Dinamica, della Comunicazione Analogica non Verbale e della Filosofia Analogica, conseguendo il titolo di Analogista, una professione di aiuto per la lettura e la decodifica delle dinamiche emozionali profonde. Da diversi anni è operatore certificato di Psych-K. Ha inoltre inventato il “Noli me tangere®”, uno strumento fondato sul potere evocativo delle immagini in grado di favorire il processo di individuazione della persona. Nel 2008 ha pubblicato ‘Sorso di Notte Potabile’, ed. LietoColle. Suoi testi letterari sono presenti in numerose antologie, fra cui la recente ‘42 voci per la pace’, ed. Nomos. È stata selezionata fra i giovani poeti italiani contemporanei per il Bombardeo de Poemas sobre Milán, opera del collettivo cileno Casagrande. Ha aderito al movimento mitomodernista, è tra i fondatori e gli ideatori del ‘Grand Tour Poetico e della Freccia della Poesia’.
    Visita il profilo di Flaminia Cruciani
  • Franca Mancinelli
    Franca Mancinelli
    Bio: Franca Mancinelli (Fano, 1981), ha pubblicato due libri di poesie, Mala kruna (Manni, 2007) e Pasta madre (Nino Aragno editore, 2013). Un’anticipazione del suo secondo libro di versi è apparsa in Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini (2012) e nel n. 273 di «Poesia» (luglio/agosto 2012). Collabora come critica con «Poesia» e con altre riviste e periodici letterari.
    Visita il profilo di Franca Mancinelli
  • Francesca Taibbi
    Francesca Taibbi
    Bio: Francesca Taibbi nasce a Giarre nel 1981. Dopo alcuni anni peregrini nel nord Italia, ritorna a Giarre dove consegue la maturità all’Istituto Tecnico Commerciale. Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Catania, insegnante, collabora con la rivista Lunarionuovo (www.lunarionuovo.it) e con il periodico Ebdomadario (www.provadautore.it). Schegge è la sua prima silloge poetica, con prefazione di Dario Consoli e disegni di Andrea Janie (Prova d’Autore, 2013).
    Visita il profilo di Francesca Taibbi
  • Francesco Accattoli
    Francesco Accattoli
    Bio: Francesco Accattoli Nasce ad Ancona nel 1977 e risiede ad Osimo (AN). È docente di materie letterarie e latino nei licei. Nel 2002 esce per Stamperia dell’Arancio la raccolta “Come acqua che riposa….”. Nel 2007 pubblica con Fara Editore la silloge “Un tramonto sommario”. Nel 2011 sempre con Fara Editore pubblica la sua seconda raccolta “La neve nel bicchiere”. Nel luglio del 2013 per la Sigismundus Edizioni pubblica la plaquette “Lunga un anno”, una raccolta di diciannove testi in tiratura limitata impreziosita da sei opere della pittrice Linda Carrara. Nel 2015 esce la seconda edizione di “Lunga un anno”, contenente venti liriche e nuove immagini di Linda Carrara. Nello stesso periodo viene invitato dall'Istituto Italiano di Cultura di Cracovia per presentare lo spettacolo “Lunga un anno poetry set”, una videoperfomance che vede la collaborazione del regista Filippo Pesaresi e del chitarrista Daniele Cecconi. Viene premiato in vari concorsi letterari. (Premio Rabelais, Premio Gozzano) e segnalato per le prime due raccolte al Premio Sandro Penna. Sue poesie sono incluse in varie antologie (tra le quali “Calpestare l'oblio”), riviste cartacee e sul web. È chitarra e voce dei Noa Noa, ed assieme al poeta Loris Ferri ed al chitarrista Alessandro Buccioletti ha partecipato al progetto “Fucine Sonore”, esibendosi al MEI di Faenza.
    Visita il profilo di Francesco Accattoli
  • Francesco Balsamo
    Francesco Balsamo
    Bio: Francesco Balsamo è nato a Catania, dove vive e lavora. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera e Catania e alla facoltà di Lettere dell'Università di Catania. Sin dai suoi esordi si muove nell'ambito di una creatività composita, dove si intrecciano molte passioni: il disegno, la pittura e la scrittura in versi. Nel 2001 è tra i vincitori del premio Eugenio Montale – sezione inediti – con Appendere l'ombra a un chiodo, poesie pubblicate nell'antologia dei premiati edita da Crocetti nel 2002; nello stesso anno riceve il premio Sandro Penna, per l'inedito, con Discorso dell'albero alle sue foglie, edito da Stamperia dell'Arancio nel 2003. Recentemente (2010) pubblica con Incerti Editori la raccolta Ortografia della neve. Alcune sue poesie sono state pubblicate su riviste («Hortus», «I racconti di Luvi», «Poeti e Poesia», «Ore piccole») e su antologie (Centro Montale - Vent'anni di poesia, Ci sono ancora le lucciole, Poeti e Poesia - Poeti nati negli anni sessanta, dieci poesie tradotte in polacco in La comunità dei vulcani). Una sua raccolta é stata tradotta in finlandese e pubblicata a Helsinki nel 2004. Dal 2003 numerose le sue partecipazioni a mostra personali e collettive in Italia ed est Europa.
    Visita il profilo di Francesco Balsamo
  • Francesco Borrasso
    Francesco Borrasso
    Bio: Nato a Caserta nel 1983 è diplomato alla scuola di regia cinematografica Pigrecoemme; ha pubblicato racconti in diverse antologie e scrive sul sito letterario “Nazione Indiana”.
    Visita il profilo di Francesco Borrasso
  • Francesco Costa
    Francesco Costa
    Bio: Francesco Costa ha scritto sceneggiature di film e telefilm, radiodrammi, fumetti, fotoromanzi, recensioni cinematografiche, racconti, romanzi, libri per ragazzi (per uno dei quali ha vinto il premio Selezione Bancarellino). Da due dei suoi romanzi sono stati tratti i film “La volpe a tre zampe” di Sandro Dionisio con Miranda Otto e “L’imbroglio nel lenzuolo” di Alfonso Arau con Maria Grazia Cucinotta.
    Visita il profilo di Francesco Costa
  • Francesco Palmieri
    Francesco Palmieri
    Bio: Francesco Palmieri è nato ad Altamura (BA) nel 1953; è docente di materie letterarie, vive nell’hinterland milanese. Collabora con siti e riviste letterarie e suoi testi sono pubblicati in rete e in antologie. “Studi lirici” è la prima opera edita (La Vita Felice).
    Visita il profilo di Francesco Palmieri
  • Francesco Iannone
    Francesco Iannone
    Bio: Francesco Iannone è nato a Salerno nel 1985. Suoi testi sono apparsi in alcune antologie, fra cui "La generazione entrante. Poeti nati negli anni ottanta" (Ladolfi, 2011) e "Post '900" (Ladolfi, 2015), oltre che su numerose riviste in Italia e all'estero. Ha pubblicato sulla rivista "Atelier" la silloge in dialetto salernitano "Rasùle" e con la stessa rivista collabora da alcuni anni. Ha pubblicato due libri di poesie: "Poesie della fame e della sete" (Ladolfi, 2011, premi opera prima Solstizio e L'Aquila, terzo classificato premio Beppe Manfredi, terna premio Penne) e "Pietra lavica" (Aragno, 2016).
    Visita il profilo di Francesco Iannone
  • Franz Krauspenhaar
    Franz Krauspenhaar
    Bio: Franz Krauspenhaar, 1960 Milano, è autore di vari romanzi come ‘Era mio padre’ (Fazi) e ‘Le cose come stanno’ (Baldini e Castoldi) e di alcune raccolte poetiche, come ‘Effekappa’ (Zona), ‘Biscotti selvaggi’ (Marco Saya Edizioni), ‘Le belle stagioni’ (Marco Saya Edizioni.)
    Visita il profilo di Franz Krauspenhaar
  • Gabriella Bertizzolo
    Gabriella Bertizzolo
    Bio: Gabriella Bertizzolo è nata a Bassano del Grappa dove ha frequentato il Liceo-Ginnasio "G. B. Brocchi". Nel 1978 si è laureata in Lettere Moderne a Padova con una tesi di Storia dell'Arte Medioevale riportando 110/110. Insegnante nella Scuola Secondaria di Primo Grado, per un lungo periodo ha partecipato ai seminari di studio di Ipotesi Cinema, istituto diretto dal regista Ermanno Olmi e alla Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia in qualità di giornalista freelance e ha animato serate enogastronomiche con originali excursus storico-poetici. Ha pubblicato A tavola con l'Asparago di Bassano (1990), Antonio Baggetto ne “L'Illustre Bassanese” (1992). Seguono sei raccolte poetiche: Versi in gabbia (1995), Antiche fessure (1997 Premio Città di Fucecchio), entrambe per le Edizioni Del Leone; per l' Editrice Genesi: Mesti riverberi (2000 Premio Antonio Discovolo), Tutto era inizio (2001) e Il fruscio dell’attesa (2003); e per Marsilio Editori, Argonauta (2007). Vari suoi racconti e testi poetici compaiono in antologie e compendi letterari. Ha offerto contributi originali a riviste, quali: “Idee” (Bassano),“La Domenica di Vicenza”, “Il Giornale dell'Altopiano”, “l’'EstroVerso”. Ha intervistato vari personaggi della cultura, fra cui l'amico poeta Cesare Ruffato. Nel 2013 per i tipi di Leonida Editore è uscito il suo primo romanzo Figlio di Mercurio vincitore del Premio int.le "G. Cingari" (2009) e del Premio Naz.le di Calabria e Basilicata (2010) .
    Visita il profilo di Gabriella Bertizzolo
  • Gabriella Montanari
    Gabriella Montanari
    Bio: Gabriella Montanari (1971, Lugo di Romagna) - Laureata in lettere e diplomata in pittura, è poeta, scrittrice, traduttrice, critica e fotografa. È stata co-fondatrice e direttrice editoriale della casa editrice WhiteFly Press (RA). Esordisce in poesia con 'Oltraggio all’ipocrisia' (Lepisma, 2012), a cui hanno fatto seguito 'Arsenico e nuovi versetti' (La Vita Felice, 2013) e 'Abbecedario di una ex buona a nulla' (Rupe Mutevole, 2015). È in uscita per le edizioni Gilgamesh la raccolta poetica 'Si chiude da sé', opera prima classificata al Premio Letterario Nazionale A. Torresano, sezione poesia, edizione 2016. È di recente pubblicazione il suo primo romanzo, 'Donne di cose' (Edizioni Supernova, 2016). Suoi componimenti, racconti e traduzioni sono presenti in antologie italiane e internazionali. Vive e opera tra l’Africa e l’Italia.
    Visita il profilo di Gabriella Montanari
  • Gabriella Sica
    Gabriella Sica
    Bio: Nata a Viterbo vive a Roma dall'età di dieci anni. Ha compiuto i suoi studi a Roma, dove attualmente insegna letteratura italiana all'università "La Sapienza". Inizia a pubblicare i suoi testi poetici sulla rivista «Prato pagano» nel 1980 e su l'«Almanacco dello specchio» nel 1983. Nel 1986 pubblica il suo primo libro di poesie, dal titolo "La famosa vita", che vince il Premio di Poesia Brutium-Tropea. Escono poi nel 1992 "Vicolo del Bologna", nel 1997 "Poesie bambine", nel 2001 "Poesie familiari" (Fazi Editore, che vince il Premio Internazionale di Poesia Camaiore ed è finalista vincitore al Premio Frascati di Poesia e al Premio Metauro. Nel 2009 pubblica il suo ultimo libro di poesia, "Le lacrime delle cose", vincitore del Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo per la sezione poesia nel 2010, del Premio Garessio-Ricci, finalista vincitore al Premio Internazionale Dessì e al Premio Lucia Rodacanachi-Arenzano. A partire dagli anni '80 inizia a svolgere un'intensa attività nell'ambito della poesia contemporanea, aggregando attorno alla rivista «Prato pagano», che dirigerà dal 1980 al 1987, molti poeti della cosiddetta "generazione dell'80" (detta anche della "parola ritrovata"). Lei stessa racconta, nell'introduzione a un libro di Flavia Giacomozzi, Campo di battaglia. Poeti a Roma negli anni ottanta (antologia di «Prato pagano» e «Braci»), come in quegli anni ci sia stata «una postura morale acquisita dai poeti giovani, l'aggiunta di un supplemento di interiorità che rappresentò un modo per ristabilire l'autenticità e la credibilità del fare poesia». Ha curato antologie poetiche (La parola ritrovata. Ultime tendenze della poesia italiana, Marsilio, 1995) e scritto saggi Scrivere in versi. Metrica e poesia (Pratiche 1996; nuova edizione aggiornata e ampliata, il Saggiatore 2003). Ha realizzato inoltre sei video sui grandi poeti del Novecento (Giuseppe Ungaretti, Eugenio Montale, Pier Paolo Pasolini, Umberto Saba, Sandro Penna e Giorgio Caproni), i cui primi tre sono stati pubblicati in videocassetta da Einaudi (2000 e 2001). Il suo ultimo libro, "Emily e le Altre. Con 56 poesie di Emily Dickinson", uscito nel 2010, ha avuto riconoscimenti di critica e di pubblico. Le poesie di Gabriella Sica, apprezzate fin dall'inizio da Elsa Morante, Attilio Bertolucci e Giovanni Raboni, sono state tradotte in francese, inglese, rumeno e, in particolare, in spagnolo (in alcune antologie di poesia italiana e con il volume "No sentirás el ruisenor que llora", nella traduzione di Mercedes Arriaga).
    Visita il profilo di Gabriella Sica
  • Gaia Ginevra Giorgi
    Gaia Ginevra Giorgi
    Bio: Gaia Ginevra Giorgi nasce ad Alessandria nel 1992. È laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Torino, città dove attualmente vive e scrive. Dopo anni di sperimentazione, sia in campo letterario che musicale, approda a “Sisifo”, sua prima raccolta di versi, Sisifo, edito nel mese di marzo 2016 per Alter Ego Edizioni, presentata in giro per l’Italia dalla giovane autrice, attraverso una performance sonorizzata che fa da ponte tra le discipline artistiche che più le sono care: poesia, teatro e musica.
    Visita il profilo di Gaia Ginevra Giorgi
  • Ghesia Bellavia
    Ghesia Bellavia
    Bio: Ghesia Bellavia, di Mazzarino (CL), vive a Catania. "Fermo Immagine", prefato da Manlio Sgalambro, è il suo primo romanzo.
    Visita il profilo di Ghesia Bellavia
  • Gianluca D'Andrea
    Gianluca D'Andrea
    Bio: Gianluca D’Andrea (Messina, 23/09/1976), poeta. Suoi testi, interventi critici e traduzioni in antologie, numerose riviste italiane e sul web. Pubblicazioni: Il Laboratorio (Lietocolle, 2004); Distanze (2007, scaricabile al sito www.lulu.com); Chiusure (Manni, 2008); Canzoniere I (L’arcolaio, 2008); Evosistemi (Edizioni L’Arca Felice, 2010); [Ecosistemi] (L’arcolaio, 2013). Vive tra la Sicilia e la Lombardia con la sua compagna Manuela e la figlia Sofia. Insegna nelle scuole medie. Sito Web: http://gianlucadandrea.wordpress.com. Indirizzi Mail: dandreavep@yahoo.it; vepvavet@libero.it
    Visita il profilo di Gianluca D'Andrea
  • Giampaolo De Pietro
    Giampaolo De Pietro
    Bio: Giampaolo De Pietro è siciliano (Catania, 1978). Ha pubblicato i libri di versi “Tre righe di sole” (Salarchi Immagini, Comiso 2008), “La foglia è due metà” (Buonesiepi Libri, Perugia-Rimini-Ragusa 2012) e “Abbonato al programma delle nuvole” (L'arcolaio, Forlì 2013).
    Visita il profilo di Giampaolo De Pietro
  • Giancarlo Stoccoro
    Giancarlo Stoccoro
    Bio: Giancarlo Stoccoro, nato a Milano nel 1963, è psichiatra e psicoterapeuta. Studioso di Georg Groddeck, ne ha curato e introdotto l’edizione italiana della biografia: Georg Groddeck Una vita, di W. Martynkewicz (IL Saggiatore, Milano, 2005). Da parecchi anni, oltre all’attività clinica, si occupa di formazione e conduce incontri sulla relazione medico-paziente secondo la metodica dei Gruppi Balint e ha pubblicato diversi lavori su riviste scientifiche. Suo è il primo saggio che esplora il cinema associato al Social Dreaming (sognare sociale/ sognare assieme) che ha applicato in ambito sanitario, scolastico, nelle carceri e direttamente nei cinema: Occhi del sogno.(Giovanni Fioriti editore, Roma, 2012). Ha partecipato al premio Lerici Pea 1988, vincendo la medaglia nati dopo il 1958, con la poesia L’ombra dell’aquilone premiata da Giorgio Caproni. Sono state segnalate poesie su Lo Specchio della Stampa (2/12/06) nella rubrica “Scuola di Poesia” e in “Dialoghi in versi” (17/08/2007) da Maurizio Cucchi. Per le edizioni Gattomerlino/Superstripes è uscito nel 2014 Il negozio degli affetti e in ebook presso Morellini Note di sguardo, tra le opere vincitrici del concorso internazionale Lago Gerundo 2014. È dell’aprile 2015 Benché non si sappia entrambi che vivere per Alla chiara fonte editore di Lugano. Nel settembre 2015 è uscito I registi della mente (Falsopiano, giugno 2015), curato da Ignazio Senatore, contenente il lavoro Ciak. Si sogna! L’esperienza di Kiev. Nel novembre 2015 è arrivato tra i finalisti del 29 ° Premio internazionale Lorenzo Montano con la poesia inedita Non hanno scuse. Nel marzo 2016 si è classificato al secondo posto al Premio Torresano 2016 con la raccolta inedita La dimora dello sguardo, che otterrà la segnalazione speciale della giuria al Premio letterario Nazionale Scriviamo insieme (ottobre 2016). Parole a mio nome, è la silloge, edita c/o Il Convivio Editore, vincitrice del Premio Pietro Carrera (aprile 2016) e successivamente finalista del Premio Gozzano 2016 per l'opera edita. Sempre del 2016 è il saggio da lui curato, Pierino Porcospino e l’analista selvaggio, con scritti inediti di Groddeck e di Ingeborg Bachmann e il contributo di autori vari per ADV Publishing House di Lugano. Ha collaborato al secondo numero della rivista Poesia e conoscenza di Donatella Bisutti con il lavoro: “Brevi considerazioni sull'inconscio e la scrittura poetica”. È vincitore del terzo premio Hombres Itinerante “Ignazio Silone” (giugno 2016) con la poesia inedita Si sommano i luoghi ai gesti alle frasi. È finalista del Premio Museo Casa Alda Merini 2016 con la silloge inedita Luoghi ligi. Ha ricevuto ancora nel 2016 una menzione speciale al 30° Premio Lorenzo Montano, per la raccolta inedita Luoghi d'ombra, poi riproposta con alcune variazioni e classificatasi terza al Premio Subiaco Città del Libro IV edizione e attualmente finalista al Premio Poetika e al Premio Quasimodo (gennaio 2017). Nel gennaio 2017 è uscita l'ampia raccolta poetica Consulente del buio (1983-2013), con prefazione di Giovanni Tesio (L'Erudita, Roma, 2017).
    Visita il profilo di Giancarlo Stoccoro
  • Gianfranco Draghi
    Gianfranco Draghi
    Bio: Gianfranco Draghi (Bologna, 1º luglio 1924) è uno scrittore, artista e psicanalista italiano, ed un esponente della psicoanalisi junghiana in Italia. A Bologna tra città e campagna trascorre l´infanzia, poi studia a Milano fino alla maturità, avendo come insegnante anche Cesare Musatti. Militante nel Partito d'Azione a Milano fin circa dal 1941, nel settembre 1943 si rifugia in Svizzera, dove frequenta esponenti dell´antifascismo e della cultura europea tra cui: Adolfo Tino, Rodolfo Morandi, Edgardo Lami-Starnuti, Luigi Menapace, Luciano Bolis, Egidio Reale, il genero di Benedetto Croce Raimondo Craveri e lo scultore Francesco Barbieri. Dopo la guerra si laurea con Eugenio Garin a Firenze con una tesi su Leon Battista Alberti. Amico di Cristina Campo, stampa gli scritti di lei su La Posta letteraria del Corriere dell´Adda e del Ticino, foglio che ha diretto pubblicando fra l´altro scritti di Mario Luzi, Giuseppe De Robertis, Ferruccio Masini, Margherita Harwell Pieracci, Anna Maria Chiavacci. Conosce Altiero Spinelli e si impegna con lui nella battaglia per l´Unione federale europea, accanto a Luciano Bolis e dirigendo anche la rivista culturale federalista I quaderni della crisi. Nel 1958 a Roma svolge un'analisi didattica con Ernst Bernhard, l'iniziatore del metodo junghiano in Italia. È fra i primi presidenti dell'Associazione Italiana di Psicologia Analitica (AIPA) dopo la morte del suo fondatore Bernhard. Inizia nel 1968 con Carlo Luigi Iandelli la sperimentazione psicologica culminata nell’Autonomia Policentrica. Insieme fondano il Gruppo di Psicologia Analitica di Firenze che teorizzando metodologie dell'analisi e pratiche terapeutiche innovative, sulla scia dell'interpretazione dei mitologemi Bernhardiani, rifiutava l’ortodossia clinica e comportamentale di altre scuole. Scrittore ed artista, nel marzo 2011 il Consiglio regionale della Toscana, presieduto da Alberto Monaci, ha organizzato una sua mostra personale a Palazzo Bastogi in Firenze con dipinti e disegni, sculture in bronzo e terre, mezzipunti. Numerose pubblicazioni, in versi e in prosa, studi saggistici e opere, rimandiamo al suo sito personale www.gianfrancodraghi.it e alla pagina wikipedia. Per Adelphi (2012) è uscito il volume "Il mio pensiero non vi lascia. Lettere a Gianfranco Draghi e ad altri amici del periodo fiorentino" di Cristina Campo, contenente il carteggio tra i due.
    Visita il profilo di Gianfranco Draghi
  • Gianluca Furnari
    Gianluca Furnari
    Bio: Gianluca Fùrnari è nato a Catania nel 1993 e abita a Santa Maria di Licodia. Laureato in Lettere con una tesi sulle “Rime d’amore” di Torquato Tasso, studia Filologia Classica all’Università di Catania. La sua raccolta d’esordio, “Vangelo elementare” (Raffaelli, 2015), è risultata finalista al Premio Rimini 2015. Suoi testi sono apparsi sull’antologia “Post 900 Lirici e narrativi” (Ladolfi, 2015) a cura di M. Fantuzzi e I. Leardini, su Atelier online e sul blog Poesia di Luigia Sorrentino. È membro e collaboratore attivo del Centro di “Poesia Contemporanea” di Catania.
    Visita il profilo di Gianluca Furnari
  • Gianni Marchetti
    Gianni Marchetti
    Bio: Gianni Marchetti è nato a Novara nel 1955, dove attualmente vive e insegna Filosofia e Storia al liceo Classico. Le sue poesie sono uscite in antologie e riviste non solo in Italia ma anche, tra gli altri, negli Stati Uniti. Ha pubblicato la raccolta di racconti ‘Francese alle medie’ (Lampi di Stampa, 2006), le raccolte di poesie ‘Una donna così’ (Torino Poesia, 2008) e ‘Per nessuna ragione al mondo’ (Manifattura Torino Poesia, 2009) e il suo primo romanzo ‘Salutami Henry Miller!’ (Lampi di stampa, 2013).
    Visita il profilo di Gianni Marchetti
  • Ginevra Lamberti
    Ginevra Lamberti
    Bio: Ginevra Lamberti (1985) ha pubblicato il suo romanzo di esordio, La questione più che altro, per nottetempo. Scrive racconti per il trimestrale a fumetti Scottecs Megazine e ha pubblicato racconti per riviste letterarie e riviste letterarie online (Nuovi Argomenti, Linus, Colla, Lahar). Vive a Venezia dove, dopo una Laurea in Lingue e Culture Euroasiatiche e del Mediterraneo, si divide tra il lavoro di copywriter per l’associazione culturale Flat, quello in un call center e quello che capita.
    Visita il profilo di Ginevra Lamberti
  • Gino Di Costanzo
    Gino Di Costanzo
    Bio: Vedasi “Biografia di un artista postumo” alla voce INEDITI de l'EstroVerso (www.lestroverso.it)
    Visita il profilo di Gino Di Costanzo
  • Giordana Galli
    Giordana Galli
    Bio: Giordana Galli è nata a Trento il 6 aprile del '77 e risiede a Villa Rosa (TE). Consegue il diploma di maturità d'Arte applicata nella sezione di Arti Grafiche presso l'Istituto Statale d'Arte "O. Licini" di Ascoli Piceno nel '97. Ha partecipato a diversi concorsi nel campo della grafica, e soprattutto sull'illustrazione del libro (passione che ha sin da piccola). Nel 1998 a Padova partecipa al seminario sull'illustrazione americana; nell'agosto 2000 partecipa al primo corso di illustrazione, a Bardano (UD) tenutosi dall'illustratore russo Nikolaj Popov. Attualmente collabora con una scrittrice di favole per bambini, Maura Marziali, con la quale ha pubblicato un libro intitolato " La Tana dei Sogni", per la Soroptimist di Ascoli Piceno, il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza per Amnesty International.
    Visita il profilo di Giordana Galli
  • Giovanna Iorio
    Giovanna Iorio
    Bio: Giovanna Iorio vive a Roma. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie, “Mare Nostrum” (Cfr), “In- Chiostro” (Delta3), “La memoria dell'acqua” (Ghaleb Ed.), “Una Venere nel Tevere” (Cfr) e “Lacrimendays” (Cfr) e le raccolte di haiku “Al cappero piace soffrire” (Edizioni Progetto Cultura, 2013) e “Lucciole & Lanterne” (Ibid., 2015). La sua ultima raccolta è “Frammenti di un profilo” (Pellicano, 2015 - post poesia di Renzo Paris). È presente in diverse antologie: tra cui “Cuore di preda” (Cfr), “Percezioni dell'invisibile” (L'Arca Felice), “Ifigenia siamo noi” (Scuderi Editrice) “100ThousandPoets” (Albeggi) e “SignorNo” (SEAM). Scrive racconti per Storiebrevi.it Feltrinelli. Suoi radiodrammi sono stato trasmessi nel programma Il Cantiere, Radio Rai 3 e Radiolibriamoci web. È redattrice di “Finzioni”, collabora con “Roma&Roma” e “DiarioRomano”. Pubblica con le musiche del Notturno Concertante “Le storie invisibili”. In preparazione una raccolta di racconti DORMIVEGLIA (ReginaZabo).
    Visita il profilo di Giovanna Iorio
  • Giovanni Baldaccini
    Giovanni Baldaccini
    Bio: Giovanni Baldaccini, psicologo e psicoterapeuta, consulente presso A.I.E.D. di Roma; traduttore di testi psicoanalitici per le case editrici Astrolabio e Liguori; è autore di alcuni articoli pubblicati su Rivista di Psicologia Analitica e Rivista Fermenti; ha pubblicato per la Fermenti Editrice la raccolta di racconti Desiderare altrimenti, il romanzo L’osservatore e la raccolta di aforismi, poesie e racconti 3 d’union insieme a Luciana Riommi e Antòn Pasterius; ha pubblicato “Lettera dal Ponto” in AA.VV., Monologhi da camera e da volo per Giulio Perrone Editore; è autore di due presentazioni di mostre fotografiche svoltesi a Roma e Parigi; alcune sue poesie sono presenti in rete su “Il giardino dei poeti” e “LaRecherche”. Vive e lavora a Roma. Il suo blog personale http://scrivereperimmagini.wordpress.com/
    Visita il profilo di Giovanni Baldaccini
  • Giovanni Fontana
    Giovanni Fontana
    Bio: Giovanni Fontana (Frosinone, 1946) è un poeta e un performer che lega la sua attività di scrittore a ricerche in campo sonoro e visivo. Gran parte della sua produzione riguarda i settori della poesia sonora e della poesia visiva. Residente ad Alatri, dove svolge la professione di architetto, ha teorizzato la "poesia pre-testuale", forma poetica di scrittura aperta all'interdisciplinarità. La "poesia pre-testuale" si pone, infatti, come un progetto di performance da integrare, durante l'azione, con linguaggi visivi, sonori, gestuali, ecc. È autore di "romanzi sonori", dove la prosa è sostenuta da strutture ritmiche particolarmente accentuate, caratterizzate dall'uso di slash, come si trattasse di partiture musicali, in luogo dei correnti segni d'interpunzione. Tra questi si collocano Tarocco Meccanico (1990) e Chorus (2000). Ha fatto parte della redazione di Tam Tam, la rivista fondata nel 1972 da Adriano Spatola e Giulia Niccolai. Con loro e con Arrigo Lora Totino, Milli Graffi, Sergio Cena ed altri poeti sonori, ha costituito nel 1979 il gruppo Il Dolce Stil Suono. Nel 1987 ha fondato la rivista di poetiche intermediali La Taverna di Auerbach [issn 0394-3518] e successivamente l'audiorivista Momo. Nel 2011 ha scritto il testo di Elegia per l'Italia, opera composta da Ennio Morricone per il centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia, eseguita per la prima volta in occasione della festa del primo maggio nel concerto di Piazza San Giovanni a Roma, con la collaborazione dell'Orchestra Roma Sinfonietta e con l'accompagnamento del Nuovo Coro Lirico Sinfonico Romano.
    Visita il profilo di Giovanni Fontana
  • Giovanni Turra
    Giovanni Turra
    Bio: Giovanni Turra è nato a Mestre nel 1973. Vive a Mogliano Veneto. Ha scritto le raccolte di poesia Planimetrie (Book, 1998), Condòmini e figure, in Poesia contemporanea. Nono quaderno italiano (Marcos y Marcos, 2007), Con fatica dire fame (La Vita Felice, 2014). Si è occupato, tra gli altri, di Francesco Biamonti (Colloquio con F.B., in F. Biamonti, Scritti e parlati, Einaudi, 2008) e Luciano Cecchinel (Reminiscenze ed esorcismi nella poesia di L.C., in *La parola scoscesa. Poesia e paesaggi di L.C., Marsilio, 2012). Sua la curatela de Le vie della città di Emilio Cecchi (Amos Edizioni, 2004). Insegna materie letterarie nei licei.
    Visita il profilo di Giovanni Turra
  • Giulia Tamburini
    Giulia Tamburini
    Bio: L’(ac)analisi è la traccia di fondo di questo “ certo numero di scritti che fanno un corpo” , per riprendere le parole della mia analista. È ciò che lega questi pezzi, quando, dopo ben 27 anni di lunga gestazione incosciente, ho partorito la mia prima poesia. È stato infatti solo grazie alla mia dura analisi lacaniana iniziata ad ottobre 2012 che ho potuto lasciar cadere l’attaccamento morboso alla parola che spiega, che descrive, che ordina in cui sono stata immersa tra testi scolastici, universitari (sono Dottoressa Magistrale in Economia e Management), manuali di psicologia e aprirmi alla parola poetica, che ri-vela e che e-voca. Ho quasi 30 anni, sono nata a Cagli, vissuto a Fano, studiato in Ancona e fin da piccola sono stata nominata come “la fissata con le parole”, “quella che le parole le prende troppo sul serio”, “quella a cui tocca stare attenti che se dici cane, poi devi voler dire cane.” Ma ahimè. Già ad 8 anni mi sono scontrata con l’equivoco, l’incomunicabilità con l’Altro; mi sono fissata nella frustrazione del fraintendimento e la mia unica garanzia per stare al mondo ossia, “prendere tutto alla lettera” si è rivelata triste condanna. Ora sto cercando, di quella frase che sono, di farne il mio sinthomo. Lo scandirsi delle sedute, dicevo, mi ha permesso di sperimentare/verificare la parola che “fa accadere”. L’inconscio, certamente. Ma che traccia, segna, (di)segna, in modo letteralmente diverso da quello esclusivamente esplicativo-organizzativo e anche nevrotico (perché no?) che fino ad allora potevo permettermi di tollerare e riconoscere. E progressivamente, non più spaventata dal fatto che “si parla per essere e non per essere capiti”, che non esiste una lingua comune e che allo stesso tempo l’essere umano non può fare a meno di parlare, desiderare, re-petere, in questo ultimo anno e mezzo ho potuto scrivere in modo nuovo. Ritrovando però l’antico godimento nel giocare, maneggiare, manipolare le lettere. Inutile precisare che Lacan non lo ho studiato ma, per fortuna (date le mie esperienze di “psicoterapie “ precedenti), ci ho inciampato, ci sono caduta addosso, sono sprofondata nelle sue braccia, mi ci sono scontrata, lo ho adorato, lo ho odiato, non lo ho capito, ne ho sentito gli effetti sul mio corpo solo tra-passandoci. Ancora e ancora. Angosciandomi davanti all’impossibile a dirsi. Perché “ma chère, la parola non arriva a coprire tutto”. (cit. della mia analista). Già non dice tutto, non spiega tutto, non ordina tutto, non fa funzionare tutto, non completa e non colma di senso. Ma (e)voca, chiama, scava, incide e (ri)suona. Ecco perché la poesia. Ecco perché ora posso sorridere quando una mia amica brasiliana mi ha detto “Giulia tu sei come fioraia di parole”.
    Visita il profilo di Giulia Tamburini
  • Giulio Perrone
    Giulio Perrone
    Bio: Giulio Perrone è l’editore di Giulio Perrone Editore casa editrice romana che ha fondato, nel marzo 2005, insieme a Mariacarmela Leto, con lo scopo di creare una nuova realtà letteraria e culturale, sulla scia delle case editrici indipendenti capitoline affermatesi negli ultimi dieci anni. Punti cardine del progetto sono l’attenzione estrema per la qualità dei testi proposti, la cura per la veste grafica e una contaminazione fra arti e linguaggi che esplori le molteplici possibilità del fare cultura.
    Visita il profilo di Giulio Perrone
  • Giuseppe Carracchia
    Giuseppe Carracchia
    Bio: Giuseppe Carracchia è nato nel 1988 ed è cresciuto a Palazzolo Acreide. Ha studiato a Bologna, a Catania, dove si è laureato in Lettere Moderne con una tesi di Antropologia Culturale, e a Torino, dove ha conseguito la laurea magistrale in Filologia Italiana. Tra i libri di poesia editi: ‘Il verbo infinito’ (Prova d’autore, 2010), ‘La virtù del chiodo’ (L’arca Felice, 2011), ‘Prova del nove’ (Ladolfi Editore, 2015). Suoi testi sono inseriti nella Generazione entrante. Poeti nati negli Anni Ottanta (Ibid., 2011) e in Post ‘900. Lirici e Narrativi (Ibid., 2015), e hanno ottenuto alcuni riconoscimenti (tra cui il premio Lerici Pea giovani, 2011).
    Visita il profilo di Giuseppe Carracchia
  • Giuseppe Condorelli
    Giuseppe Condorelli
    Bio: Giuseppe Condorelli insegna Lettere nella scuola superiore. Si occupa attivamente di poesia, critica letteraria e teatrale. Un suo testo per Marco Nereo Rotelli, è stato pubblicato ne "L'Isola della Poesia" (Convegno Edizioni Quaderni dell'Isola, 2003). Ha ideato e curato rassegne di incontri con l'autore e kermesse d'arte in collaborazione con la cattedra di Plastica Ornamentale dell'Accademia di BB. AA. di Catania e l'associazione culturale "Interminati spazi". Ha curato la sezione Poesia per il progetto "Castelmola Città degli Artisti". Nel 2008 ha pubblicato "Criterio del tempo" (I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme, Bologna). Nel 2011 due sue liriche sono state messe in musica da Mariano Deidda nel cd "Deidda canta Pavese". Nel 2013 ha curato per l'Almanacco Internazionale di Poesia edito da Raffaelli il "Quaderno" dedicato alla poesia oggi in Sicilia. Vive a Misterbianco (CT).
    Visita il profilo di Giuseppe Condorelli
  • Giuseppe Scaraffia
    Giuseppe Scaraffia
    Bio: Giuseppe Scaraffia (Torino, 2 aprile 1950) è uno scrittore, docente universitario italiano. Giuseppe Scaraffia nasce a Torino. Si laurea in Filosofia presso la Statale di Milano con una tesi sull'idea della felicità in Diderot. Dal 1976 insegna stabilmente Letteratura francese presso l'Università "La Sapienza" di Roma[1]. Nel corso degli anni la sua ricerca si è occupata in particolar modo dei grandi miti ottocenteschi della seduzione, dalla figura della femme fatale a quella del bel tenebroso. Collabora al supplemento letterario del "Sole24ore" e a "Sette". Scaraffia ha pubblicato 14 saggi e due romanzi, oltre ad aver curato le edizioni italiane di oltre 20 opere di vari autori stranieri (da Proust a Mérimée, da Stendhal a Maupassant) a Evelyn Waugh. "Il romanzo della Costa Azzurra", Milano, Bompiani, 2013, è il suo libro più recente.
    Visita il profilo di Giuseppe Scaraffia
  • Giusi Montali
    Giusi Montali
    Bio: Giusi Montali è nata a Carpi nel 1986. Nel 2011 si laurea in Italianistica presso l'Università di Bologna con una tesi su Amelia Rosselli. Nello stesso anno partecipa a diverse letture presso gallerie d'arte, librerie e locali e prende parte a diverse attività culturali di Bologna. Nel 2013 pubblica la raccolta Fotometria per le edizioni Prufrock spa ed entra nella Giuria del Premio letterario Anna Osti. Dal 2014 cura assieme a Luca Rizzatello la rassegna Precipitati & Composti che intende promuovere l'iterazione tra composizione poetica e musicale. Collabora con Lo spazio esposto, archivio online di video-interviste a poeti contemporanei, e con la casa editrice Prufrock spa. Ha scritto articoli per il blog di letteratura Blanc de ta nuque. Attualmente sta svolgendo un Dottorato di Ricerca presso l'Università di Pavia in Filologia Moderna. Sue poesie sono pubblicate su 'Poetarum Silva' e 'Poesia 2.0'.
    Visita il profilo di Giusi Montali
  • Grazia Verasani
    Grazia Verasani
    Bio: Grazia Verasani è nata a Bologna l’08/07/64, città dove vive. A oggi ha pubblicato dodici libri tra cui Quo vadis baby? (Tascabile Feltrinelli) da cui il regista premio Oscar Gabriele Salvatores ha girato l’omonimo film nel 2005 e prodotto la serie tv Sky diretta da Guido Chiesa. Con l’investigatrice privata Giorgia Cantini sono usciti i noir Velocemente da nessuna parte, Di tutti e di nessuno (entrambi Tascabili Feltrinelli), e Cosa sai della notte (2012, Feltrinelli). Sempre per Feltrinelli, nel 2008 è uscito Tutto il freddo che ho preso. Intensa anche la sua attività di autrice per il teatro. La sua pièce From Medea-Maternity Blues (edita da Sironi), rappresentata sia in Italia che all’estero, è diventata un film per la regia di Fabrizio Cattani nel 2012. Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, il film ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura intitolato a Tonino Guerra al BIF festival 2012, un Nastro d’argento e due Globi d’oro. Il monologo teatrale Vincerò sulla vita e la carriera di Luciano Pavarotti è stato interpretato in teatro da Giuseppe Battiston, Giancarlo Giannini e Michele Placido. Ha studiato pianoforte classico e vinto il Premio Recanati nel 2005 per la canzone d’autore, a cui è seguito il cd Nata Mai per la BMG e collaborazioni con vari artisti tra cui Paola Turci, Nada, Elio e le Storie Tese. Nel 2010 è uscito il suo cd Sotto un cielo blu diluvio. I suoi libri sono tradotti in vari paesi tra cui Francia, Germania, Russia. Molti suoi racconti fanno parte di numerose antologie italiane e straniere. Ha collaborato con riviste e quotidiani e in qualità di sceneggiatrice per il cinema. Nel 2013 per l’editore Gallucci è uscita la raccolta di racconti Accordi Minori dedicata alla musica. Di recente ha tenuto varie conferenze all’Università di Tempe e Phoenix (Arizona) sul noir europeo. L’8 ottobre esce per Giunti il suo nuovo romanzo Mare d’Inverno.
    Visita il profilo di Grazia Verasani
  • Gianluigi Ricuperati
    Gianluigi Ricuperati
    Bio: Gianluigi Ricuperati è scrittore, curatore e direttore della ‘Domus Academy’ (MI). Nel 2006 pubblica ‘Fucked Up’ (ed. Bur RCS) e cura, con M. Belpoliti, una monografia dedicata a S. Steinberg. Nel 2007 scrive ‘Viet Now – la memoria è vuota’ (ed. Boringhieri), nel 2009 ‘La tua vita in 30 comode rate’ (ed. Laterza), nel 2011 ‘Il mio impero è nell’aria’ (ed. Minimum Fax) e nel 2013 ‘La produzione di meraviglia’ (ed. Mondadori, prossima uscita in Francia ed. Gallimard). Nel 2009, con S. Boeri e F. Gallanti, è co-direttore artistico di Urbania a Bologna. Dirige ‘Canale 150 - gli italiani di ieri raccontati dai protagonisti di oggi’ ed è curatore al Castello di Rivoli nel 2010. Nel 2014 fonda Institute for Production of Wonder, con cui entra nella shortlist del premio Curate Award di Fondazione Prada e Qatar Museum Authority.
    Visita il profilo di Gianluigi Ricuperati
  • Hugues Barthe
    Hugues Barthe
    Bio: Hugues Barthe è nato nel luglio 1965, ma a parte questo nulla si sa della sua vita fino ai 29 anni di età. Sembrerebbe, ma non abbiamo prove, che abbia lavorato come commesso in libreria. Il 1994 è un anno benedetto: entra a far parte della bottega di «BD Ecole des Beaux-Arts d’Angoulême», trascorrendo tre anni meravigliosi durante i quali si dedica interamente alla sua arte. Dopodiché, per sopravvivere, svolge svariati lavori (idraulico, cuoco, drag queen nel ruolo di Dalida nel celebre locale Michou). Finalmente, dopo alcuni anni di vagabondaggio, conosce l’editore Jean-Paul Jennequin, che dopo aver visto i suoi lavori gli propone di pubblicare un fumetto nella sua collezione «Bulles gaies». L’editore pone un’unica condizione: dovrà trattarsi di una storia omosessuale, incarico gravoso per Hugues, totalmente estraneo al milieu gay e grande amante delle donne. Il risultato è tuttavia sorprendente: leggendo il fumetto Jean-François fait de la résistance, si ha l’impressione di leggere una storia effettivamente vissuta, autobiografica. Visto che non è uso a fare le cose a metà e avendo preso gusto nell’affrontare temi omosessuali, Hugues inizia a collaborare alla rivista «Hercule et la toison d’or», specificamente dedicata ai fumetti gay e lesbici. Esordisce con una serie autobiografica intitolata Le petit Lulu. Ma Hugues si diverte anche a illustrare fumetti collaborando con scrittrici come Caro (Miss Come back) e Sandrine Lemoult (Les aventures de Carlos et Rosalie sulla rivista «Normandie Junior»). Nel 2007 pubblica Dans la peu d’un jeune homo, e l’anno dopo Bienvenue dans le Marais. Questo L’estate ‘79, primo volume di una complessa graphic novel, pubblicato in Francia nel 2011, è stato finora il suo più grande successo, ed è il suo primo libro tradotto in italiano.
    Visita il profilo di Hugues Barthe
  • Janis Joyce
    Janis Joyce
    Bio: Janis Joyce (Laura Bettanin) è autrice di 'Seconda stella a destra' (Ad est dell’equatore 2015), 'Seventy sex' (Transeuropa edizioni 2011) e, come Laura Bettanin, di 'Finché l’erba crescerà e i fiumi scorreranno' (Transeuropa 2009). Ha pubblicato racconti per vari blog letterari, per la rivista “Nuova Prosa”, per l’antologia 'La morte nuda' (Galaad 2013), l’antologia 'Père Lachaise-racconti dalle tombe di Parigi' (Romania, Ratio et Revelatio 2014) e l‘antologia 'Dylan Skyline' (Nutrimenti 2015). Ha lavorato in ambito cinematografico e documentaristico collaborando tra gli altri con Wim Wenders, Luc Besson, Ermanno Olmi, Lina Wermuller.
    Visita il profilo di Janis Joyce
  • Julian Zhara
    Julian Zhara
    Bio: Julian Zhara nato a Durazzo (Albania) il 21 Maggio 1986. Trasferitosi in Italia all’età di 13 anni, ha vissuto a Camposampiero (Padova) per 8 anni. Ha all’attivo due pubblicazioni: Liquori (Ibiskos-Ulivieri, 2008) e In apnea (Granviale, 2009). Ha organizzato varie manifestazioni poetiche tra le quali il festival di poesia Andata e Ritorno a Venezia con la rivista Blare Out dove cura una rubrica di poesia. Dal marzo 2012 ha iniziato una collaborazione col compositore Ilich Molin per il progetto Dune con cui è arrivato tra i finalisti del Premio Dubito. Le poesie sono state pubblicate nell’antologia "L’epoca che scrivo, la rivolta che mordo" (Agenzia X, 2014). Attualmente vive, lavora e scrive a Venezia.
    Visita il profilo di Julian Zhara
  • Kareen De Martin Pinter
    Kareen De Martin Pinter
    Bio: Kareen De Martin Pinter è nata nel 1975 a Bolzano. Ha vissuto in varie città tra Italia e Francia lavorando in musei, gallerie d'arte, agenzie pubblicitarie e uffici stampa. L'animo leggero (Mondadori) è il suo romanzo d'esordio.
    Visita il profilo di Kareen De Martin Pinter
  • Laura Caponetti
    Laura Caponetti
    Bio: Nasce a Gela, dicono 40 anni fa ma non ne è convinta. Nella vita, a parte scrivere, si occupa di letteratura per bambini sul portale Youkid.it. Nell’agosto 2014 la sua “Poesia in disordine” si classifica prima al VI Concorso nazionale di poesia della città di Chiaramonte Gulfi. Nel gennaio 2014 un suo racconto dal titolo “Sotto scorta” è stato pubblicato sulla rivista letteraria “Abbiamo le prove”. Nell’estate del 2015 vince il Concorso di narrativa breve organizzato dalla rivista letteraria “Le Fate” con il racconto “Lui, il cane e io”. Vive e scrive tra Gela e Randazzo, sta per trasferirsi ad Acireale.
    Visita il profilo di Laura Caponetti
  • Laura Cavallaro
    Laura Cavallaro
    Bio: Laura Cavallaro nasce a Catania il 3 aprile 1985. Dopo aver conseguito la maturità classica si iscrive all’ Università di Catania in Scienze dei beni culturali, dove si laurea nell’aprile 2008. Successivamente, assecondando la sua più grande passione, si trasferisce ad Urbino, conseguendo presso l’Università degli studi “Carlo Bo” la laurea specialistica in Storia dell’arte, nel novembre 2011. Attualmente lavora a Catania presso il MacS – Museo Arte Contemporanea Sicilia. Ha curato diversi testi critici, recentemente quello relativo alla mostra “Sculture” del Maestro Gesualdo Prestipino (Catalogo Edizioni MacS); collabora inoltre, per la sezione Arte, con il periodico culturale “l’EstroVerso”.
    Visita il profilo di Laura Cavallaro
  • Laura Liberale
    Laura Liberale
    Bio: Laura Liberale è laureata in Filosofia e dottore di ricerca in Studi Indologici. Dal 2006 tiene corsi e seminari di scrittura creativa e di cultura e filosofie dell'India. Ha ottenuto riconoscimenti in svariati premi di poesia e narrativa. Suoi testi sono apparsi su riviste e antologie. Ha pubblicato, oltre ad alcuni saggi indologici, i romanzi Tanatoparty (Meridiano Zero, 2009) e Madreferro (Perdisa Pop, 2012); le raccolte poetiche Sari – poesie per la figlia (d’If, 2009) e Ballabile terreo (d’If, 2011). È inoltre tra gli autori di Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012). È la curatrice della collana di narrativa Italia Felix per la casa editrice Ratio et Revelatio (Oradea). Il suo ultimo romanzo, Planctus, (Meridiano Zero), è uscito a fine giugno 2015.
    Visita il profilo di Laura Liberale
  • Leonardo Caffo
    Leonardo Caffo
    Bio: Leonardo Caffo, filosofo, research fellow presso il Labont: laboratorio di ontologia dell’Università degli studi di Torino, ha fondato e diretto le riviste Animal Studies e Rivista Italiana di Filosofia Analitica Jr e co-dirige la rivista Animot: l’altra filosofia. Tra i suoi libri, Il maiale non fa la rivoluzione (Sonda, 2013), Margini dell’umanità, con opere di Tiziana Pers (Mimesis, 2014), Naturalism and Constructivism in Metaethics (Cambridge SP 2014), Il bosco interiore (Sonda, 2015) e A come Animale (Bompiani, 2015). Scrive per Huffington-Post Italia.
    Visita il profilo di Leonardo Caffo
  • l'EstroVerso
    l'EstroVerso
    Bio: Un nome, l’EstroVerso, per un duplice significato: l’inventiva del verso (pensiamo alla forza creativa della parola) e l’estroversione connaturata al desiderio di condividere (in libertà) due passioni indissolubili, scrittura e lettura.
    Visita il profilo di l'EstroVerso
  • Letizia Dimartino
    Letizia Dimartino
    Bio: Nata a Messina nel 1953, Letizia Dimartino vive a Ragusa. Ha pubblicato nel 2001 la sua prima raccolta di poesie, Verso un mare oscuro (Ibiskos), seguita nel 2003 da Differenze (Manni) e, nel 2007, da Oltre (Archilibri). Nel 2010 è uscito La voce chiama per Archilibri. La silloge Cose, tratta da La voce chiama, è stata pubblicata sull’Almanacco dello Specchio 2009 (Mondadori). Nel novembre 2010 Metallo, primo premio per l’inedito (premio Gilda Trisolini) del circolo culturale Rhegium Julii, è divenuto un libro a opera della stessa associazione. A maggio 2012 è uscito per Ladolfi Editore Ultima stagione (recensito da Franco Manzoni su “La Lettura” del CdS il 10.02.2013) con un testo critico di Renato Minore. Ha pubblicato “Milano”, sul “Sette”, rivista allegata al “Corriere della Sera” (15.03.2013). Ha pubblicato sul sito “La Recherche” la silloge “Una domenica mattina” (23.01.2013).
    Visita il profilo di Letizia Dimartino
  • Liliana Zinetti
    Liliana Zinetti
    Bio: Liliana Zinetti risiede a Casazza (Bg) dove è nata nel 1954. Ha pubblicato le raccolte di poesia: Volo di terra, LietoColle 2004; L’ultima neve, Lietocolle 2007;la plaquette Una poesia, Pulcinoelefante, 2008; l’eBook Due (I giorni del sole fermo) Clepsydra Edizioni, 2009, Nel solo ordine riconosciuto, L’Arcolaio, 2009; I cipressi di Van Gogh, Ladolfi Editore, 2011: la plaquette Improvviso il mare, L'Arcolaio, 2012. Sue poesie sono apparse su Incroci, Le Voci della Luna, Poesia, Soglie e altre riviste letterarie, nonché in varie antologie, in rete, in quotidiani. Ha vinto alcuni premi di poesia per l’edito e l’inedito, tra cui Il Litorale, Violetta di Soragna, Laurentum, Città di Salò, Antica Badia di San Savino, Città di Romano, Astrolabio, Gozzano, Borgognoni.
    Visita il profilo di Liliana Zinetti
  • Lina Maria Ugolini
    Lina Maria Ugolini
    Bio: Lina Maria Ugolini (Catania, 1963) figlia d’arte, unisce all’attività di scrittrice, drammaturgo, poetessa e contafiabe, quella di musicologa. Ha scritto vari saggi di carattere creativo per Gremese, la LIM, Musica/Realtà, privilegiando il rapporto tra testo e musica nel Novecento e lo studio del linguaggio comico degli Intermezzi nel Settecento italiano. Lavora con i maggiori compositori siciliani per i quali scrive libretti di teatro musicale e poesie per arie e songs. Ha al suo attivo numerosi testi andati in scena, e pubblicazioni di letteratura per ragazzi per l’editore rueBallu. È docente di Analisi delle forme poetiche, Storia del teatro musicale e Drammaturgia musicale, Storia della musica, presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali Vincenzo Bellini di Catania. Il suo sito è www.linamariaugolini.it
    Visita il profilo di Lina Maria Ugolini
  • Lorenzo Raffaini
    Lorenzo Raffaini
    Bio: Lorenzo Raffaini è nato nel 1969 in Valle Camonica (uno degli insediamenti più antichi della terra), dove tuttora risiede. La sua scuola è stata la vita. Svolge nelle scuole attività di prevenzione delle dipendenze e degli incidenti stradali. È sposato e ha quattro figli. “Amo troppo la vita per riuscire a viverla” è il suo primo romanzo, è inserito nel progetto scuole di BookCity 2015.
    Visita il profilo di Lorenzo Raffaini
  • Luca Buonaguidi
    Luca Buonaguidi
    Bio: Luca Buonaguidi (Pistoia, 1987) ha pubblicato in poesia I giorni del vino e delle rose (2010, Fermenti), Ho parlato alle parole (2014, Oèdipus) e sono in uscita INDIA – complice il silenzio (Italic Pequod), diario di un viaggio in solitaria e via terra di sei mesi tra Sri Lanka, India, Bhutan, Nepal e Tibet e Franti. Perché era lì – Antistorie da una band non classificata (Nautilus Autoproduzioni), romanzo collettivo che ha curato e con scritti del collettivo Cani Bastardi intorno a Franti, una delle più influenti band italiane degli anni '80. In prosa ha pubblicato un racconto ne La sagra è vicina (2013, Beltempo). Suoi testi o commenti ad essi si leggono su varie riviste di letteratura e poesia (Poesia, La poesia e lo spirito ecc.) e raccoglie le sue scritture eterogenee sul suo blog anarco-autistico www.carusopascoski.com. Scrive/ha scritto reportage, opinioni e approfondimenti di cultura e società nelle sue varie forme per Altracittà, AsapFanzine, Asia Blog, Cani Bastardi, CineFatti, Comunità Provvisorie, i.OVO, Il Backpack, Il Tirreno, Impatto Sonoro, KonSequenz, l'EstroVerso, Lo Snodo, MeMeCult, Mola Mola, Stordisco, Vai a quel paese! - Go face yourself e altre. I suoi reading vengono ospitati in tutta Italia, sono/sono stati sonorizzati/accompagnati da musicisti come Elias Nardi, Trucupas, Jacopo Salvatori, Chris Yan, Collective Nimel, Gianni De Angelis e compaiono nel disco Approdi. Avanguardie musicali a Napoli (KonSequenz, 2015) curato da Girolamo De Simone con la collaborazione di tredici compositori (Max Fuschetto, Vito Ranucci, Enrico Iannacone...). È autore del testo di una canzone nel prossimo disco dei Maisie, tra le più importanti band italiane contemporanee, e collabora come paroliere con altre band. In corso d'opera si segnalano in particolare un saggio di psicologia del linguaggio poetico dal titolo Poesia e Psiche - L'enigma, la storia e l'incontro del mondo poetico con la psicologia che annovera vari interventi esterni d'autore; l'opera multimediale Alphabet Series/Salvezza che cade col pittore belga Pol Bonduelle; un poema di cui custodisce gelosamente i contenuti ma non il titolo provvisorio Poeta perché tutti suonavano già la chitarra ed altre già non più eventuali ma necessariamente futuribili. Laureato in Psicologia Clinica, già tutor per studenti disabili e operatore presso una comunità terapeutica, conduce seminari esperienziali sul carattere antropologico, espressivo e terapeutico della poesia e progetti di scrittura creativa con utenza caratterizzata da disabilità cognitiva e motoria. Vive oggi in un paese di una decina di anime sull'Appennino tosco-emiliano per riscoprire l'importanza di essere piccoli.
    Visita il profilo di Luca Buonaguidi
  • Luca Rizzatello
  • Luca Vaglio
    Luca Vaglio
    Bio: Luca Vaglio è nato a Dervio nel 1973, sul lago di Como, e vive a Milano. Questa è la sua seconda raccolta di poesie. Ha già pubblicato La memoria della felicità (Zona – 2008), Linfa elettrica (Gattili – 2012) e il racconto In riva al Lario (Lite Editions – 2013).
    Visita il profilo di Luca Vaglio
  • Luci Florio
    Luci Florio
    Bio: Palermitana classe ’79, laureata in Biologia, ama l’arte, la letteratura e la poesia. "Il vero poeta anela a chiarezza. Egli ha coscienza che la parola è difficile, ma, e se ne dispera, la rende fatalmente più oscura, più intrappolata nei significati che, cercando di nudarla e di coprirla di luce, le moltiplica" di Ungaretti è la sua citazione preferita.
    Visita il profilo di Luci Florio
  • Lucia Guidorizzi
    Lucia Guidorizzi
    Bio: LUCIA GUIDORIZZI è nata a Padova e vive a Venezia, dove insegna. Ha scritto La roccaforte dell'Eden. Memorie poetiche di viaggio nello Yemen per il film-documentario presentato alla 65.a Mostra del Cinema di Venezia : Appunti di viaggio sullo Yemen prodotto da Piero Pedrocco con il patrocinio dell'Ambasciata a Roma e del Consolato Onorario a Firenze della Repubblica dello Yemen. Ha pubblicato con Editoria Universitaria quattro libri di poesie: Confini (2005), Scandalose entropie. Riflessioni poetiche sugli abusi prodotti dal divenire storico (2006), Ibrida Hybris ((2007) e Quadrilunio. Una tetralogia dell'Anima (2009) e con la casa editrice Supernova Milagros, (2011) e Nel paese dei castelli di sabbia (2013). Ha curato sempre per Supernova insieme a Daniela Zamburlin l’antologia poetica Tra velme e barene. La voce della poesia. (2012) Ha collaborato con alcuni articoli alla rivista virtuale Transfinito a cura di Giancarlo Calciolari.
    Visita il profilo di Lucia Guidorizzi
  • Lucia Tosi
    Lucia Tosi
    Bio: Lucia Tosi è da circa trent’anni una terribile insegnante di italiano e latino, ama poche cose nella vita come la poesia e il romanzo, mentre rifugge quanto più può, nell’esercizio delle sue funzioni, la chiacchiera letteraria. Scrive poesia con esagerata testardaggine da sei anni: prima vergognandosene immensamente, ora invece desiderando di scomparire ogni qualvolta sul web compare una sua piccola raccolta (anche se le fa un enorme piacere riscontrare degli apprezzamenti positivi: che la fanno sentire meno sola e meno stupida). Ama le parole, la loro storia, per questo si laureò nel lontano 19.. in Storia della lingua italiana all’Università di Ca’ Foscari, con una tesi da serissima filologa sulla poesia di Salvatore Di Giacomo, da cui ha tratto molti insegnamenti circa la musicalità e il senso amaro e comico della vita. Ha scritto in passato per il blog La poesia e lo spirito testi critico-creativi sulla scuola italiana, delle recensioni e qualche racconto; sue poesie sono comparse in vari blog – oltre il suo -, specie ne La dimora del tempo sospeso, sulla rivista l'EstroVerso, per la quale scrive di tanto in tanto preferibilmente testi di vario genere, di natura critic(on)a: poiché la critica paludata si è impantanata nelle paludi della convenienza sociale, non resta che una pratica artigianale, maldestra, vicina allo sfogo viscerale, cosa che alla nostra vecchia signora riesce benissimo.
    Visita il profilo di Lucia Tosi
  • Luciana Riommi
    Luciana Riommi
    Bio: Luciana Riommi (a Roma dal 1945) da oltre trent’anni ascolta esistenze altrui, che accompagna per un certo tratto; da sempre è impegnata ad affermare la dignità della persona, contro la banalizzazione e la volgarità imperanti, contro ogni forma di violenza culturale, psicologica e fisica. Ama l’arte in tutte le sue declinazioni. Ha pubblicato con la Fermenti Editrice la raccolta di aforismi, poesie e racconti 3 d’union insieme a Giovanni Baldaccini e Antòn Pasterius. Suoi testi sono presenti in rete sulla rivista “l'EstroVerso” e sui blog: “Il giardino dei poeti”, “Neobar”, “Il blog di Miglieruolo”. Cura il blog personale “leggere riflettere scrivere”.
    Visita il profilo di Luciana Riommi
  • Lucianna Argentino
    Lucianna Argentino
    Bio: Lucianna Argentino è nata a Roma nel 1962. Ha pubblicato i seguenti libri di poesia: “Gli argini del tempo” (ed. Totem, 1991), “Biografia a margine” (Fermenti Editrice, 1994) con la prefazione di Dario Bellezza e disegni di Francesco Paolo Delle Noci; “Mutamento” ((Fermenti Editrice,1999) con la prefazione di Mariella Bettarini; “Verso Penuel” (Edizioni dell’Oleandro, 2003), con la prefazione di Dante Maffia; “Diario inverso” (Manni editori, 2006), con la prefazione di Marco Guzzi; “L'ospite indocile” (Passigli, 2012) con una nota di Anna Maria Farabbi; “Le stanze inquiete” (Edizioni La Vita Felice, 2016). Nel 2009 ha pubblicato la plaquette “Favola” (Lietocolle), con acquerelli di Marco Sebastiani. Ha realizzato due e-book, uno nel 2008 con Pagina-Zero tratto dalla raccolta inedita “Le stanze inquiete” e nel 2011 “Nomi” con il blog “Le vie poetiche”. Il suo lavoro inedito “La vita in dissolvenza” (quattro poemetti- monologhi) è stato musicato dal chitarrista Stefano Oliva e, dal marzo 2011, presentato in vari teatri e associazioni culturali. Dal 2014 collabora con l'Ensemble Acquelibere con lo spettacolo “Almanacco indocile”.
    Visita il profilo di Lucianna Argentino
  • Luciano Nota Sabatella
    Luciano Nota Sabatella
    Bio: Luciano Nota è nato ad Accettura in provincia di Matera. E' laureato in Pedagogia ad indirizzo psicologico e in Lettere Moderne. Vive e lavora a Pordenone svolgendo l'attività di Educatore. Sue prime poesie sono state pubblicate su varie riviste letterarie. Ha pubblicato: "Intestatario di assenze" (Campanotto 2008), "Sopra la terra nera" (Campanotto 2010), "Tra cielo e volto"(Edizioni del Leone 2012, prefazione di Paolo Ruffilli, postfazione di Giovanni Caserta), "Dentro" (Associazione culturale LucaniArt Onlus, 2013, prefazione di Abele Longo). Sue prime poesie sono state pubblicate su varie riviste letterarie e in diverse antologie: "Solo buchi in un barattolo" (Ibiskos- Ulivieri 2011, a cura di Aldo Forbice), "Poesie del nuovo millennio" (Aletti 2011), "Arbor poetica" (LietoColle 2011), "Dedicato a...Poesie per ricordare" (Aletti 2011), "Parole in fuga" (Aletti 2011), "Tra un fiore colto e l'altro donato" (Aletti 2012), "Agenda 2012" (Ibiskos-Ulivieri), "Verba Agrestia" (LietoColle 2012)., "Le strade della poesia " (Delta 3 Edizioni, 2012),"La migliore produzione poetica dell'ultimo ventennio 1990 - 2012, (Kairòs Edizioni, 2013, a cura di Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spagnuolo), il saggio critico "Dopo il Novecento" di Giorgio Linguaglossa(Società Editrice Fiorentina, 2013). Nella trasmissione di Rai RadioUno Zapping a cura di Aldo Forbice sono state ospitate molte sue liriche. E' presente sul blog di Poesia Rainews24 a cura di Luigia Sorrentino, sul blog di Nazario Pardini "Alla volta di Leucade",il blog "Poetrydream"di Antonio Spagnuolo, il blog "Moltinpoesia", "LucaniArt Magazine", "Il giardino dei poeti","WordSocialForum" "Sagarana" rivista letteraria a cura diJulio Monteiro Martins. 2 liriche sul sito di RaiRadioTre. Una sua lirica è stata ospitata nella trasmissione "L'uomo della notte" sezione "Poetando" condotta da Maurizio Costanzo. Hanno scritto della sua produzione poetica, tra gli altri: Giovanni Caserta, Elisa Davoglio, Giorgio Bàrberi Squarotti, Cesare Viviani, Paolo Ruffilli, Giorgio Linguaglossa, Antonio Spagnuolo, Luciano Nanni, Flavia Lepre, Nazario Pardini, Dante Maffia, Abele Longo.
    Visita il profilo di Luciano Nota Sabatella
  • Luigi La Rosa
    Luigi La Rosa
    Bio: Luigi La Rosa è giornalista, scrittore, curatore per Rizzoli - Bur di svariate pubblicazioni tra cui L’anno che verrà, Pensieri erotici e L’alfabeto dell’amore, autore di racconti per diverse antologie. Da anni si divide tra l’Italia e Parigi, eletta a patria affettiva e sentimentale scrivendo e insegnando scrittura creativa in scuole, università, associazioni culturali. Ha scelto di essere protagonista della sua storia con tanto di nome e cognome reali perché più che spiegare agli altri, ha cercato lui stesso di comprendere cosa c’è alle spalle della storia culturale della città che ha fatto di Parigi ciò che Parigi è.
    Visita il profilo di Luigi La Rosa
  • Luigia Sorrentino
    Luigia Sorrentino
    Bio: Luigia Sorrentino è nata a Napoli. Vive a Roma e lavora alla RAI. Giornalista professionista, ha collaborato per le pagine culturali di diversi quotidiani. Ha ideato e condotto programmi culturali per la Radio e la Televisione Italiana, con interviste a scrittori, poeti, narratori e artisti di fama internazionale. Dirige il primo blog della RAI dedicato alla Poesia, all’Arte, alla Letteratura (http://poesia.blog.rainews.it/) sul sito di Rai News. Ha pubblicato le raccolte poetiche C’è un padre (Manni, 2003), La cattedrale (Il ragazzo innocuo, 2008), la silloge L’asse del cuore («Almanacco dello specchio» Mondadori, 2008), La nascita, solo la nascita (Manni, 2009), Olimpia (Interlinea, 2013). In occasione dello Jerash Festival International (Amman, 2004) sue poesie sono state tradotte in arabo e pubblicate su riviste di lingua araba, traduzioni di Fawzi Al Duhleimi. “The Cathedral” è stata tradotta in inglese nel 2009 da Antony Molino. È presente nell’antologia “Venters” Twetalige bloemlezing Italiaanse dichteressen, 1965-2012, Ed. Istituto Italiano di Cultura, Amsterdam, 2013, Antologia della poesia femminile italiana, a cura di Gandolfo Cascio, traduzioni di Carolien Stenbergen. “Two Poems” by Luigia Sorrentino sono uscite in “The Paris Review” n. 206, (New York, settembre, 2013) traduzione di Gray Sutherland. “Olimpia” è stata integralmente tradotta in francese da Angèle Paoli. Sul sito “Terres de Femmes” (http://terresdefemmes.blogs.com/mon_weblog/2014/02/luigia-sorrentino-iperione-la-caduta.html) si può leggere un’anticipazione della traduzione in francese del poemetto “Iperione, la caduta| Hyperion, la Chut (febbraio, 2014).
    Visita il profilo di Luigia Sorrentino
  • Marco Dotti
    Marco Dotti
    Bio: Marco Dotti insegna Professioni dell'Editoria al corso di laurea specialistica in Editoria e Comunicazione multimediale (ECM) all'Università di Pavia. Ha pubblicato saggi su Antonin Artaud, Jean Cocteau, Léon-Paul Fargue, Jean Genet e Pierre Guyotat. Il suo ultimo libro è Luce nera. Strindberg, Paulhan, Artaud e l'esperienza della materia (2006). Scrive per il «il manifesto», «satisfiction», «l'indice dei libri». Per O barra O edizioni è direttore della collana gli Antecedenti.
    Visita il profilo di Marco Dotti
  • Marco Giacosa
    Marco Giacosa
    Bio: Mi chiamo Marco Giacosa, sono nato nel 1974, vivo a Torino. Ho pubblicato: 2015 | L’Italia dei sindaci (Add Editore, Torino). 2015 | DisasterChef (Miraggi Edizioni, Torino).
2014 | L’occhio della mucca – sette storie (MarcoValerio Editore, Torino). 2007 | Zuppa inglese, racconto in dieci porzioni (ARPANet, Milano). | Un mio racconto in «Siria. Scatti e parole» (a cura di Alberto Gherardi e Alessandro Greco, Miraggi Edizioni, Torino, 2014). | Una mia testimonianza è apparsa in «C’era una volta Camin. Lo stile e il genio di Vladimiro Caminiti» (a cura di Roberto Beccantini, Bradipolibri, Ivrea, 2014).
| Collaboro con La Stampa.
Ho pubblicato sui blog letterari Minima Et Moralia e Sul Romanzo, su Il Venerdì di Repubblica, su Football Magazine, su Il Manifesto, su Il tennis italiano. Su La Stampa: http://www.lastampa.it/giacosa - mail: marco.giacosa@libero.it
    Visita il profilo di Marco Giacosa
  • Marco Marsullo
    Marco Marsullo
    Bio: Marco Marsullo è nato a Napoli nel 1985. Atletico Minaccia Football Club, edito da Einaudi Stile Libero nel 2013, è il suo primo romanzo. Scrive per la Gazzetta dello Sport.
    Visita il profilo di Marco Marsullo
  • Margherita Giacobino
    Margherita Giacobino
    Bio: Scrittrice, vive a Torino, ha pubblicato poesie, articoli e racconti su varie riviste e antologie, romanzi tra cui ‘Un’americana a Parigi’ (con l’eteronimo di Elinor Rigby) (Baldini e Castoldi 1993),’Casalinghe all’inferno’ (Baldini e Castoldi 1996) L’educazione sentimentale di Charlie Brown’ 2007 (La Tartaruga 2007) L’uovo fuori dal cavagno (Elliot 2010), ‘Ritratto di famiglia con bambina grassa’, (Mondadori 2015), e con Pat Carra il libro a fumetti ‘Svegliatevi Bambine’, (Baldini e Castoldi 1996). E’ autrice dei saggi ‘Orgoglio e privilegio. Viaggio eroico nella letteratura lesbica’, 2003, e ‘Guerriere Ermafrodite Cortigiane. Percorsi trasgressivi della soggettività femminile in letteratura’, 2005 entrambi per Il Dito e la Luna. Come traduttrice ha curato la pubblicazione di vari autori, tra cui Emily Brontë e Gustave Flaubert (per Frassinelli) e Margaret Atwood (per Baldini e Castoldi). E’ responsabile della collana Officine T – Parole in corso dell’ed. Il Dito e la Luna, per cui ha tradotto, tra gli altri, testi di Dorothy Allison, Lillian Faderman e Monique Wittig, e con cui ha pubblicato nel 2014 ‘Sorella Outsider. Gli scritti politici di Audre Lorde’. Collabora con la rivista on line Aspirina e tiene corsi e seminari a carattere letterario.
    Visita il profilo di Margherita Giacobino
  • Maria Antonietta Pinna
    Maria Antonietta Pinna
    Bio: Maria Antonietta Pinna, nata a Sassari il 28 giugno 1972, laureata in materie letterarie (110/110 e lode), specializzata in criminologia clinica e psicopatologia forense con lode. Esperta di libri antichi e moderni. Pubblicazioni: - Dalle galee al bagno al carcere, 2010, Armando Siciliano Editore. - Io vedo! (racconto tratto dal libro L’occhio clinico) è stato pubblicato dalla rivista siciliana Notabilis, nonché da vari blog letterari e siti web. - Il morto, ovvero tutta colpa del polistirolo, Antologia Quinto colore racconta l’Italia. - Fiori ciechi, (narrativa) prefazione di Sonia Argiolas, settembre 2012, Annulli Editori. -Mister Yod non può morire, (teatro), prefazione di Alfonso Postiglione, La Carmelina edizioni, novembre 2012. - Lo Strazio, poesie noir, Marco Saya Edizioni gennaio 2013. Di prossima uscita: L’occhio clinico (racconti), edizioni della Lanterna. Collabora con il blog e web-magazine Sul Romanzo in qualità di pubblicista e con il blog di Bartolomeo di Monaco e giornali cartacei come Vespertilla, mensile di approfondimento culturale. Ha ideato e creato il blog Destrutturalismo e altro. Mail: marylibri1@gmail.com. Indirizzo per eventuali comunicazioni: Via Enrico Narducci 12, 00135 Roma
    Visita il profilo di Maria Antonietta Pinna
  • Maria Gabriella Canfarelli
    Maria Gabriella Canfarelli
    Bio: Maria Gabriella Canfarelli ha pubblicato i libri di poesia “Domicilio” (San Gimignano, Nuovi Quaderni, 1999); “Cattiva educazione” (Roma, Zone Editrice, 2002); “Zona di ascolto” (Bologna, Giraldi, 2005), pubblicazione-primo premio “Renato Giorgi”, “L’erborista” (Mineo, Imprimatur, 2010). Altre poesie sono apparse sulle riviste di letteratura “pagine”, “Atelier”, “Le voci della Luna”, “Anthos”, nell’antologia “Ditelo con i fiori - poeti e poesie nei giardini dell’anima”, a cura di V. Guarracino (Zanetto, Montichiari-Brescia 2004), “La battana” n.184 (Femminino profondo alle pendici dell’Etna, a cura di Laura Marchig), “Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea” n.1, (Quaderno n. 4: Sicilia, a cura di Giuseppe Condorelli, Raffaelli, 2013). Un suo testo teatrale, “Amori”, è apparso su Anthos (n.1-2 dicembre 2013). Sul numero 6 (dicembre 2013) de La terrazza -rivista di Letteratura diretta da Renato Pennisi- ha pubblicato il racconto “Prima del compleanno”. Ha curato, dal 2006 al 2009, la rassegna Poesia siciliana contemporanea per la Rivista di poesia internazionale “pagine”, diretta da Vincenzo Ananìa.
    Visita il profilo di Maria Gabriella Canfarelli
  • Maria Grazia Calandrone
    Maria Grazia Calandrone
    Bio: Maria Grazia Calandrone vive a Roma: poetessa, drammaturga, artista visiva, performer, organizzatrice culturale, autrice e conduttrice di programmi culturali per Radio 3, scrive per il quotidiano “il manifesto” e per "la 27ora" del "Corriere della Sera" e cura la rubrica di inediti “Cantiere Poesia” per il mensile internazionale “Poesia”, collabora con il quadrimestrale di cinema "Rifrazioni" e con la rivista di arte e psicoanalisi "Il Corpo" e codirige la collana di poesia "i domani" per Aragno Editore. Tiene laboratori di poesia nelle scuole, nelle carceri e con i malati di Alzheimer. Sta lavorando a "Ti chiamavo col pianto", libro-inchiesta sulle vittime della giustizia minorile in Italia. Libri: "Pietra di paragone" (Tracce, 1998 – edizione-premio Nuove Scrittrici 1997), "La scimmia randagia" (Crocetti, 2003 – premio Pasolini Opera Prima), "Come per mezzo di una briglia ardente" (Atelier, 2005) "La macchina responsabile" (Crocetti, 2007), "Sulla bocca di tutti" (Crocetti, 2010 – premio Napoli), "Atto di vita nascente" (LietoColle, 2010), L'infinito mélo, pseudoromanzo con Vivavox, cd di sue letture dei propri testi (luca sossella, 2011), "La vita chiara" (transeuropa, 2011) e "Serie fossile" (Crocetti, 2015 – premio Marazza, rosa premio Viareggio, al momento finalista premi Dedalus, Camaiore e Pagliarani); è in "Nuovi poeti italiani 6" (Einaudi, 2012); la sua prosa "Salvare Caino" è in "Nell'occhio di chi guarda" (Donzelli, 2014). Ha composto, con Amarji, "Rosa dell'Animale" (At-Takwin, Damasco e Zona, 2014 – prefazione di Adonis), ha scritto tre monologhi per Sonia Bergamasco (La scimmia bianca dei miracoli, Pochi avvenimenti, felicità assoluta, Elle) e "Gernika", frammenti poematici intorno alla Guerra Civile Spagnola, per la compagnia internazionale "Théatre en vol". Sue sillogi compaiono in antologie e riviste di numerosi Paesi Europei e delle due Americhe; ha curato, per Adonis, l’antologia "Voci della Poesia Italiana Contemporanea": "Un’Antologia Breve" (L’Altro, 2012 – Beirut e Damasco), nella quale è inserita. Con la silloge "Illustrazioni" ha vinto, nel 1993, l'XI edizione del premio Montale per l'inedito e, dallo stesso anno, viene invitata nei più rilevanti festival nazionali e internazionali; nel 2007 ha interpretato "Il Desiderio preso per la coda" di Pablo Picasso per Radio 3; dal 2009 porta in scena in Italia e in Europa il videoconcerto "Senza bagaglio" (finalista "RomaEuropa webfactory" 2009), realizzato con Stefano Savi Scarponi; nel 2010 il suo testo "My language is the rose", scelto dal compositore malese Chie Tsang, è finalista in “Unique Forms of Continuity in Space” in Melbourne, Australia; sempre nel 2010 è scelta come rappresentante della poesia italiana e diretta da Lucie Kralova in “Evropa jedna báseň”, documentario andato in onda il 28.8.12 in Česká Televize; nel 2012 fa parte del progetto RAI TV “UnoMattina Poesia”, collabora con Rai Letteratura e con il musicista Canio Loguercio ed è vincitrice del Premio Haiku dell’Istituto Giapponese di Cultura; comincia nel 2013 una collaborazione con Cult Book (Rai 3) ed è nella video installazione "Ritratto continuo" di Francesca Montinaro, esposta alla Galleria d'Arte Moderna di Roma. La sua poesia è tradotta in: arabo, ceco, francese, giapponese, greco, inglese, iraniano, olandese, portoghese, romeno, russo, serbo, sloveno, spagnolo (Spagna, Argentina, Cile, Ecuador, Messico, Venezuela), svedese, tedesco e turco. Il suo sito è www.mariagraziacalandrone.it
    Visita il profilo di Maria Grazia Calandrone
  • Maria Grazia Insinga
    Maria Grazia Insinga
    Bio: Maria Grazia Insinga è siciliana (1970). Dopo la laurea con lode in Lettere, gli studi in Conservatorio e in Accademia, l’attività concertistica e di perfezionamento e l’insegnamento nelle scuole secondarie, nel 2009 si trasferisce in Inghilterra. Torna in Sicilia lo scorso agosto dove insegna Pianoforte presso una Scuola Civica convenzionata con il Conservatorio di Palermo. Si occupa di ricerca musicologica – ha censito, trascritto e analizzato i manoscritti musicali inediti del poeta Lucio Piccolo - suona in un duo pianistico ed è ideatrice e curatrice della Balena di ghiaccio - Premio di poesia per i giovani “Basilio Reale”.
    Visita il profilo di Maria Grazia Insinga
  • Maria Pia Quintavalla
    Maria Pia Quintavalla
    Bio: Maria Pia Quintavalla è nata a Parma, vive a Milano. Libri: Cantare semplice (1984, Tam Tam Geiger), Lettere giovani (1990, Campanotto), Il Cantare (1991, Campanotto), Le Moradas (1996, Empiria), Estranea (canzone) (2000, Piero Manni, nota di A. Zanzotto) Corpus solum, (2002, Archivi del Novecento), Album feriale ( 2005, Archinto), Selected poems (Gradiva ediz. N. Y. 2008), China (2010, Effigie). Ultima antologia, Trent’anni di novecento (a cura di A.Bertoni, 2005 Book). Numerosi premi, finalista più volte al Viareggio. Cura la rassegna Donne in poesia, e omonime antologie. (Comune Milano 1988, Campanotto 1992), Bambini in rima / La poesia nella scuola dell’obbligo, Atti su “Alfabeta” 1987. Collabora all’Università Statale di Milano con laboratori di scrittura, con l’Università delle donne, la Società Umanitaria, Milano. Traduzioni: Gradiva, N. Y.; Traduzione / tradizioni, Milano; Schema, Università di Tubinga; Certa, Empireuma, Spagna; francese Une autre poésie italienne, Sorbonne, Paris; serbo-croato, Ed. DHK, Zagreb.
    Visita il profilo di Maria Pia Quintavalla
  • Maria Rosa Irrera
    Maria Rosa Irrera
    Bio: Laureata in Lingue e Letterature straniere a Pisa, confida nel fatto di essere ancora un legno storto. Non-psicologa, tenta di vivere d'Arte e d'Amore sul "Tappeto di fiabe", in provincia di Messina, a metà strada tra il manicomio e la spedizione delle Mille e una. Ha ideato e cura il sito "Lolitaca - La lente letteraria" (http://lolitaca.it), che le consente gratis di: trasferirsi sulla luna senza recuperare l'ampolla; trasformarsi in creatura mitica senza montarsi la testa; prendersi gioco di tutti, e soprattutto di se stessa.
    Visita il profilo di Maria Rosa Irrera
  • Maribella Piana
    Maribella Piana
    Bio: Mi chiamo Maribella Piana (in realtà Maria Isabella, ma magari poi vi racconterò) e sono un’insegnante di lettere in pensione. Felicemente in pensione, anche se ho amato moltissimo il mio lavoro, perché da allora ho fatto un sacco di cose interessanti. Teatro innanzitutto. A scuola abbiamo partecipato a rassegne internazionali e vinto diversi premi. Con la mia compagnia amatoriale “Gli instabili” da quasi vent’anni andiamo in scena al Piccolo Teatro di Catania, lavorando anche con la regia di Gianni Salvo. Da lì è venuta anche la televisione. Infatti ho partecipato a due episodi de “Il Commissario Montalbano”, oltre a piccole particine ne “Il capo dei capi” e anche in un film “Agente Matrimoniale”. Accanto all’attività teatrale si sviluppa negli anni la passione per la scrittura. Ho pubblicato una raccolta di poesie “Dentro” e ho scritto dei corti teatrali che sono stati selezionati per la rassegna “Schegge d’Autore” a Roma, dove poi li ho anche rappresentati. Nel frattempo scrivevo, tanto, racconti e un romanzo che cresceva con me. Ad un certo punto, l’avventura. Partecipo al programma di “Rai 3 Masterpiece” sponsorizzato da Bompiani e il mio romanzo viene selezionato su 5000, sì, 5000! manoscritti. Dopo aver superato diverse selezioni andiamo in onda e mi ritrovo in un ambiente pazzesco, fra concorrenti soprattutto giovani ad affrontare prove incredibili e, non so come, arrivo alle finali, per volontà dei giudici. Mi fermo alla penultima puntata, ma, questo è il bello, Elisabetta Sgarbi, direttrice della Bompiani, mi dice che il mio libro le è piaciuto molto e che lo pubblicherà egualmente. Molto meglio che se avessi effettivamente vinto! Adesso il mio libro “I ragazzi delle piazza” è in tutte le librerie ed è anche andato in ristampa. I miei ragazzi sono adolescenti negli anni ‘60 e attraversano tutti i cambiamenti della società, le ribellioni, le delusioni, le vicissitudini sentimentali, in un ambiente, come quello siciliano, in cui tradizione e modernità si incontrano e scontrano ancora oggi.
    Visita il profilo di Maribella Piana
  • Margherita Rimi
    Margherita Rimi
    Bio: Margherita Rimi è nata a Prizzi (PA) nel 1957 e risiede in provincia di Agrigento. Poetessa, medico e neuropsichiatra infantile, svolge da anni una intensa attività di prima linea per la cura e la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, lavorando in particolare contro le violenze e gli abusi sui minori e a favore dei bambini portatori di handicap. Fa parte della redazione della rivista «Quaderni di Arenaria». Collabora alle attività della Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte-La Piramide e a varie riviste italiane di poesia fra le quali L’Immaginazione» e «Poesia». È consulente culturale del Premio Telamone di Agrigento. Tra le sue raccolte di versi, sono da segnalare Per non inventarmi, prefazione di Marilena Renda, Castelvetrano-Palermo, Kepos, 2002 (Premio Speciale Cesare Pavese sezione AMSI, 2003); La cura degli assenti, prefazione di Maurizio Cucchi, Faloppio, LietoColle, 2007; Era farsi. Autoantologia 1974-2011, prefazione di Daniela Marcheschi, Venezia, Marsilio, 2012 (Premio Laurentum, 2012 e Premio Brancati Zafferana – Segnalazione Speciale Stefano Giovanardi, 2013). Sua anche La civiltà dei bambini. Undici poesie inedite, e una intervista, a cura di Alessandro Viti, Voghera (PV), Libreria Ticinum Editore – CISESG, 2015 (risvolto di copertina di Chiara Tommasi). Nel 2014 le è stato conferito il Premio Città di Sassari alla Carriera.
    Visita il profilo di Margherita Rimi
  • Marinella Fiume
    Marinella Fiume
    Bio: Marinella Fiume è nata a Noto (Sr), laureata in Lettere classiche, è dottore di ricerca in Lingua e Letteratura italiana; ha insegnato nei licei e collaborato con la Scuola di specializzazione all'insegnamento nelle secondarie superiori dell'Università di Catania (SISSIS). È stata sindaco del Comune di Fiumefreddo di Sicilia (Ct) per due legislature. È presidente dell'AFA (Associazione Fiumefreddese Antiracket) e responsabile della Commissione Arte e Cultura della FIDAPA - Distretto Sicilia. Tra le sue pubblicazioni: Vita di Orazia contadina e guaritrice (Palermo, 1988); Introduzione e cura a S. Calì, I diavoli del Gebel, Leggendario dell'Etna (Palermo, 1995); Sibilla arcana – Mariannina Coffa (1841 – 1878), (Caltanissetta, 2000); Sicilia esoterica (Roma, 2013). Ha scritto alcune voci per il Dizionario in 3 voll. Italiane a cura di E. Roccella e L. Scaraffia, Dipartimento per le Pari Opportunità (Roma, 2004); ha curato il Dizionario biografico Siciliane (Siracusa, 2006); ha pubblicato saggi e racconti. Tra i suoi romanzi, Celeste Aida. Una storia siciliana (Rubbettino, 2008) e Feudo del mare. La stagione delle donne (Rubbettino, 2010)
    Visita il profilo di Marinella Fiume
  • Mario Fresa
    Mario Fresa
    Bio: Mario Fresa è nato nel 1973. Dopo gli studi classici e musicali, si è laureato in Lettere Moderne, specializzandosi in Storia dell'Arte. Esordisce in poesia alla fine degli anni novanta, con l'avallo di Cesare Garboli e di Maurizio Cucchi. Suoi versi e contributi critici sono apparsi sulle principali riviste letterarie, da «Paragone» a «Nuovi Argomenti», da «Caffè Michelangiolo» all'«Almanacco dello Specchio». Dal 2011 è redattore della rivista «Levania» e del periodico letterario «Gradiva International Journal» dell'Università di Stony Brook, New York. Poeta, traduttore e critico, lavora in editoria e insegna.
    Visita il profilo di Mario Fresa
  • Martina Abbondanza
    Martina Abbondanza
    Bio: Martina Abbondanza è nata a Cesena nel 1993. È laureata in Lettere Antiche con una tesi in Letteratura Latina presso l’Università degli Studi di Firenze. È stata presentata come voce emergente da Umberto Piersanti a Parco Poesia nell’edizione 2012. Sue poesie sono apparse su Atelier n°70 - giugno 2013, nell’antologia fotografica I volti dei poeti a cura di Daniele Ferroni e su alcune antologie di premi letterari. Nel 2015 ha vinto il Premio Rimini per la poesia giovane ed è stata pubblicata nell’antologia Post ‘900, lirici e narrativi a cura di M. Fantuzzi e I. Leardini, edita da Ladolfi Editore. La sua opera prima ‘Il giorno tutto’ è stata pubblicata da Ladolfi Editore a marzo 2016, con una nota introduttiva di Alberto Bertoni.
    Visita il profilo di Martina Abbondanza
  • Massimiliano Raciti
    Massimiliano Raciti
    Bio: Nato nel 1980 a Catania. Studia presso la Facoltà di Ingegneria di Catania. Divide equamente il suo tempo tra lavoro, teatro, studio e attività sociali. È tra i fondatori di "Effetto Domino", associazione libera e attiva sul territorio di Giarre (CT). Dal 2012 cura la Rubrica "Fotoracconto" su l'EstroVerso.
    Visita il profilo di Massimiliano Raciti
  • Massimiliano Magnano
    Massimiliano Magnano
    Bio: Massimiliano Magnano è nato a Sortino (SR) nel 1971 ed è laureato in Filosofia. Per un decennio ha svolto attività di ricerca nel campo della sociologia del lavoro. Ha collaborato al periodico “Sicilia nell’Arte e nella Letteratura”. È coautore del libro Volti e pagine di Sicilia, del libro La figura e le opere poetiche di Salvo Basso, Catania 2003, del volume Baroni, bombe & balilla nella città delle cento campane. Nel 2002 ha pubblicato la silloge Sopraggiunto inopinato gelido (Catania); del 2012 è la plaquette Croste di Pane e Altro (Catania). Collabora alla redazione di alcune riviste: “Lunarionuovo” 2a serie, "Notabilis", "Il Segnale". Nel 2009 si è specializzato in Bioetica. È docente di Filosofia e Storia nei licei ed è socio della Società italiana di Bioetica. Fa parte del comitato di direzione della rivista letteraria “Pentèlite”.
    Visita il profilo di Massimiliano Magnano
  • Massimo Morasso
    Massimo Morasso
    Bio: Massimo Morasso è nato a Genova nel 1964. È poeta, saggista, traduttore, critico letterario e d'arte. Nel 1998 ha curato la riedizione integrale del ‘Supplemento Letterario del Mare’, il foglio italiano di Ezra Pound. Ha scritto libri su Cristina Campo e William Congdon. Fra le sue raccolte di versi ‘Le poesie di Vivien Leigh’ (Torino, Marietti 2005), ‘Viatico’ (Rimini, Raffaelli, 2010) e ‘La caccia spirituale’ (Milano, Jaca Book 2012), terza e ultima parte del ciclo poematico de ‘Il portavoce’. Di recente, ha pubblicato ‘Il mondo senza Benjamin’ (Bergamo, Moretti&Vitali, 2014), un vasto, articolatissimo zibaldone meta letterario; e la suite ‘Saturnia pyri’ per i tipi de "Il ragazzo innocuo", con una xilografia in copertina e un'acquaforte originali di Luciano Ragozzino.
    Visita il profilo di Massimo Morasso
  • Matteo M. Vecchio
    Matteo M. Vecchio
    Bio: Nato ventinove anni fa, è dottore di ricerca in Italianistica presso Università di Firenze, Université Paris-Sorbonne (Paris IV) e Universität Bonn. Ha collaborato con Fronesis, Il Foglio Clandestino, Italian Poetry Review, l’immaginazione, Materiali di Estetica, Otto/Novecento, Paragone Letteratura, Poesia, Rivista di Storia della Filosofia, Studi Italiani. Del volume Antonia Pozzi, Diari e altri scritti (Milano, Viennepierre, 2008) ha curato la nota biografica, l’apparato critico e la postfazione; per sua cura è l’edizione critica della tesi di laurea di Antonia Pozzi, in preparazione presso Ananke, Torino. Per Giuliano Ladolfi Editore ha curato, nel 2011, La vita è un dito, antologia poetica di Daria Menicanti. Ha organizzato, nel maggio 2010, una giornata di studio su Antonia Pozzi tenutasi presso la Biblioteca Civica di Varallo, i cui atti sono in preparazione; nel giugno 2011 ha curato, presso Villa Baumgartner, a Brezzo di Bedero, sul Lago Maggiore, un convegno italo-svizzero dedicato alle poetesse e ai poeti (Vittorio Sereni, Antonia Pozzi, Daria Menicanti, Mary Bertin Orgnieri, Nella Berther, Piera Badoni) legati al magistero milanese di Antonio Banfi, i cui atti sono in preparazione presso Ladolfi Editore. Ha collaborato, in qualità di conferenziere, con l’Istituto di Studi Filosofici Antonio Banfi di Reggio Emilia, il Festival della Letteratura di Mantova, il Festival Librialsole, il Festival della Poesia Civile di Vercelli, l’Università degli Studi di Milano, l’Università degli Studi di Trieste, l’Università degli Studi dell’Insubria. Collabora inoltre con il progetto enciclopediadelledonne.it e, in qualità di consulente letterario, con Radio 6023, emittente dell’Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro.
    Visita il profilo di Matteo M. Vecchio
  • Matthias Ferrino
    Matthias Ferrino
    Bio: Matthias Ferrino, nato ad Aosta nel 1988. Attualmente studia e lavora in Francia.
    Visita il profilo di Matthias Ferrino
  • Maurizio Giudice
    Maurizio Giudice
    Bio: Maurizio Giudice è nato a Catania il 19 dicembre 1979. Dopo la maturità classica, nel 1999 si è trasferito a Bologna, conseguendo la laurea in scienze della comunicazione e la specializzazione in discipline semiotiche con una tesi su Pierre Boulez e il serialismo integrale. Varianze è la sua prima opera poetica. Testi tratti da Varianze sono stati pubblicati su Nazione Indiana e la raccolta è stata recensita su Compitu Re Vivi e Poetarum Silva. Attualmente vive a Catania.
    Visita il profilo di Maurizio Giudice
  • Maurizio Manzo
    Maurizio Manzo
    Bio: Nato a Cagliari nel 1961, nel quartiere Castello, quartiere che influenzerà non poco la sua infanzia, Maurizio Manzo ha iniziato a scrivere fin da giovanissimo. Il suo primo poemetto, “Coreografia del ghetto storico” racconta il “delirio” di quattro donne ai margini, ambientato nelle stradine di Castello, e mostra, nonostante la giovane età, una forza stilistica già matura. Il poemetto scritto nel 1981 è stato pubblicato nel 1985, Edizioni Castello, con la presentazione di Tonino Casula. Dopo questa prova per molto tempo Maurizio ha smesso di scrivere per dedicarsi alla famiglia e al lavoro. Ha ripreso da alcuni anni, con uno stile sempre molto personale e particolare, con testi che raccontano il disagio sociale senza retorica: “Le anamorfiche”, “Le assistenziali”, “All’ombra dei pixel”, ”Distorsioni a occhi nudo” con un’attenzione particolare all’aspetto metrico-ritmico e al suo farsi suono-immagine-senso: “Una poesia che si espone e trova nella “ricerca” una (salutare) via di fuga dall’omologazione linguistica imperante. Fuori canone e, per ciò stesso, ancora capace di indicare direzioni, di suggerire ipotesi, di legare il lettore all’imprevedibilità di un “gioco” mai pacificato, sempre da definirsi, tra suono e senso.” (Francesco Marotta). Finalista per Mosaici Prosa della seconda edizione del premio Smasher con il racconto: Il Mutamento. Ha pubblicato tre eBook per il Lit Blog NEOBAR. Da maggio 2011 ha aperto il blog: http://ilcollomozzo.wordpress.com
    Visita il profilo di Maurizio Manzo
  • Mavie Parisi
    Mavie Parisi
    Bio: Mavie Parisi, catanese di adozione, si laurea in scienze e consegue un master in biochimica negli Stati Uniti dove vive per un certo periodo. Pur se di formazione scientifica, coltiva da sempre l’amore per la letteratura. Pubblica il suo primo romanzo, E Sono Creta che Muta nel 2009 (PerroneLab), con esso vince il premio Pensieri d’Inchiostro per inediti che le frutta appunto la pubblicazione. Il suo secondo romanzo “Quando una Donna” esce nel 2012 per Giulio Perrone Editore. Con esso arriva seconda al Premio Antonio Aniante – Città di Viagrande e in finale al premio Nabokov. Il suo terzo romanzo “Dentro due valigie rosse” esce nel 2014 sempre per Giulio Perrone Editore. Con esso vince il “Premio Letterario Nazionale di Calabria e Basilicata” e il premio speciale della giuria al Concorso letterario Franz Kafka 2014, è finalista al premio nazionale Alberoandronico. Ha al suo attivo anche la pubblicazione di numerosi racconti per varie case editrici.
    Visita il profilo di Mavie Parisi
  • Melania Panico
    Melania Panico
    Bio: Melania Panico è nata a Napoli nel 1985 e vive a S. Anastasia. È laureata in Filologia Moderna. Ha lavorato in una casa editrice napoletana come responsabile delle proposte editoriali e ha curato l’uscita di alcuni testi. Insegna italiano e latino. Alcuni suoi testi sono stati pubblicati in antologie. Ha partecipato e partecipa a diversi concorsi letterari nazionali. Frequenta gli ambienti letterari del territorio campano prendendo parte attivamente ad incontri di poesia, convegni e rassegne. È frequentemente invitata come moderatrice e relatrice in occasione di presentazioni di libri di poesia e di altro genere letterario. Ha ricevuto riconoscimenti dalla critica di settore. Vincitrice del Premio di Poesia «Ambrosia» 2014.
    Visita il profilo di Melania Panico
  • Met Sambiase
    Met Sambiase
    Bio: Simonetta (Met) Sambiase ha studi artistici (Michele Sovente come docente di Letteratura contemporanea) e passione per la scrittura. Pubblicista, impiegata, è presidente dell’associazione culturale ‘Exosphere PoesiArtEventi’ di Reggio Emilia. Ha curato vari progetti culturali poetici in collaborazione con PrimaveraDonna; è stata segnalata in vari concorsi nazionali ed ha pubblicato tre libri di poesie e una plaquette. Ha preso parte anche a varie antologie, insieme anche ai 100thousand poets for change, gruppo di cui fa parte nel suo territorio. In rete, il suo blog è Il Golem Femmina e collabora con il blog Carte Sensibili.
    Visita il profilo di Met Sambiase
  • Michela Tilli
    Michela Tilli
    Bio: Michela Tilli è nata a Savona nel 1974 e vive a Monza. Si è laureata in filosofia, ha fatto la giornalista per la tv e la correttrice di bozze. ‘Ogni giorno come fossi bambina’ (Garzanti) è il suo terzo romanzo, dopo ‘La vita sospesa’ (Fernandel 2011) e ‘Tutti tranne Giulia’ (Fernandel 2012). Quest'anno ha debuttato come autrice teatrale con ‘La morte balla sui tacchi a spillo’, scritto con Silvana Fallisi e Corrado Accordino.
    Visita il profilo di Michela Tilli
  • Michela Zanarella
    Michela Zanarella
    Bio: Michela Zanarella è nata a Cittadella, Padova, il primo luglio del 1980. Inizia a scrivere poesie nel 2004. La sua poesia è tradotta in inglese, francese, spagnolo, arabo. Ha pubblicato: “Credo” (MeEdusa), “Risvegli” (Nuovi Poeti), "vita, infinito, paradisi" (Stravagario), “Convivendo con le nuvole” (Edizioni GDS), “SENSUALITÀ, poesie d’amore d’amare” (Sangel Edizioni) e, nel gennaio 2012, "Meditazioni al femminile" (Sangel Edizioni). Nello stesso anno ha rappresentato nel teatro giardino di Palazzo Zuckermann di Padova, lo spettacolo "Gioco d'identità", poesie tra crude realtà, luce sociale e squarci di esistenzialismo.
    Visita il profilo di Michela Zanarella
  • Michele Leonardi
    Michele Leonardi
    Bio: Michele Leonardi è nato. Vive, persino; da qualche parte. Per il resto, si affida momentaneamente a Calvino: «Dati biografici: io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò i dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e Glielo dirò. Ma non Le dirò mai la verità, di questo può star sicura».
    Visita il profilo di Michele Leonardi
  • Marco Sonzogni
    Marco Sonzogni
    Bio: Marco Sonzogni (1971) è docente di lingua e letteratura italiana alla Victoria University of Wellington e direttore del New Zealand Centre for Literary Translation. Ha dedicato diversi saggi e un’antologia a Montale, di cui ha curato, per queste edizioni, il carteggio con Valery Larbaud (Caro Maestro e Amico, 2003). Dal 2005 si occupa delle carte di Irma Brandeis. Queste ricerche hanno portato alla pubblicazione di diversi articoli, di un’antologia di passi diaristici ed epistolari (Profilo di una musa di Montale, 2010) e di un volume di racconti (MacGregor’s Island and other Stories, 2013) della Clizia montaliana. È autore di cinque raccolte di versi: Assenze (2005), Alibi (2011), Prove di canto (2013), Tagli (2014) e Ci vuole un fiore (2014).
    Visita il profilo di Marco Sonzogni
  • Francesco Tripaldi
    Francesco Tripaldi
    Bio: Francesco Tripaldi. Avvocato e scrittore, entrambi per caso. Nasce in Lucania il 27.05.1986 ma non ne sente la mancanza. Vive (nonostante la moquette) in Via Ripamonti 166 – Milano. Da grande vuole fare l’edonista. BIBLIO: 2016 finalista nell'ambito del Concorso Letterario Coop for Words, con l'opera pubblicata sull’antologia del premio: “Quam diu se bene gesserint” edita da Laboratorio Fernandel; 2016 pubblica “Autogrill interstellare” sul n. 104 della rivista Il Segnale; 2016 pubblica “Giunti di dilatazione” sul numero di maggio della rivista VersanteRipido; 2016 semifinalista nell'ambito del Premio Poesia Rimini con l'opera inedita "Vivere a crepapelle"; 2015 finalista nell'ambito del Concorso Letterario Coop for Words, con l'opera pubblicata e scelta come titolo dell'Antologia del Premio stesso edita da Laboratorio Fernandel, presentata nella cornice dell'EXPO di Milano; 2015 finalista nella Sezione Poeti Inediti nell'ambito del Premio Elena Violani Landi; 2013 pubblica nell’Antologia poetica edita da Casa Editrice PAGINE di Roma: "Viaggi di Versi", e sull"Antologia Zucchi" edita da VEdizioni; 2012 2° classificato (menzione opera meritevole) al XIV° Premio Letterario Navile della città di Bologna; 2012 4° tra i 10 vincitori del Concorso Letterario Coop For Words - sezione poesia - pubblicazione su "I racconti dello Scontrino" edita da Bohumil - partecipazione al festival "Ad alta Voce" Bologna 2012.
    Visita il profilo di Francesco Tripaldi
  • Nadia Cavalera
    Nadia Cavalera
    Bio: Poeta, saggista, è nata a Galatone (Lecce) nel 1950. Laureata in filosofia, si è sempre dedicata all’insegnamento. Dopo 12 anni a Brindisi (dove ha svolto anche un’intensa attività pubblicistica), dal 1988 vive a Modena. È fondatrice del Superrealismo allegorico, nome della sua personale speculazione poetica, concretizzatasi anche figurativamente in alcuni mini cataloghi. Nel 1990 ha fondato, con Edoardo Sanguineti, la rivista Bollettario (tuttora in corso) e dal 2005 organizza e presiede il Premio Alessandro Tassoni. Tra le sue pubblicazioni: I palazzi di Brindisi (1986), Amsirutuf: enimma (1988), Vita novissima (1992), Ecce Femina (1994), Americanata (1994), Nottilabio (1995), Brogliasso (1996), Salentudine (2003), Superrealisticallegoricamente (2005), Spoesie (2010), Corso Canalchiaro 26 (2010).
    Visita il profilo di Nadia Cavalera
  • Naike Agata La Biunda
    Naike Agata La Biunda
    Bio: Naike Agata La Biunda nasce a Catania nel 1990. Nel 2013, con tesi sperimentale in traduzione, consegue la Laurea triennale in Lingue (Università di Catania). Nel 2014: legge al ‘Festival della Bellezza’ di Noto, al ‘Parco Poesia’di Rimini e al Festival ‘Naxoslegge’. Nello stesso anno fonda e dirige il ‘Centro di Poesia Contemporanea di Catania’, vince il Premio ‘Onor D’Agobbio’, vince il ‘Premio 13’ (scelta dal poeta Claudio Damiani) ed è finalista al premio ‘AssoLei’ organizzato dal Centro di Poesia di Roma. Si appresta a pubblicare la sua prima silloge poetica (probabilmente il titolo sarà ‘Cieli a noleggio’); sta traducendo alcune poesie di Raquel Lanseros che saranno pubblicate quest’anno dalla casa editrice Cartacanta.
    Visita il profilo di Naike Agata La Biunda
  • Nicola Ghezzani
    Nicola Ghezzani
    Bio: Nicola Ghezzani vive e lavora a Roma. È psicologo, psicoterapeuta, formatore alla psicoterapia e autore di numerosi saggi, articoli, libri. Ha formulato i principi della psicoterapia dialettica. Scrittore da sempre, ha dedicato una parte considerevole del suo lavoro psicologico, terapeutico e di ricerca alle dotazioni psichiche e alla creatività. http://nicolaghezzani.altervista.org/
    Visita il profilo di Nicola Ghezzani
  • Nicola Vitale
    Nicola Vitale
    Bio: Nicola Vitale (Milano, 1956) è poeta, pittore e saggista. Dal 1987 espone i suoi dipinti in mostre personali e collettive, in gallerie private e in spazi pubblici, in Italia e all’estero. Presente alla 54° edizione della Biennale di Venezia (Padiglione Italia). Raccolte di poesia: ‘La città interna’, Primo quaderno Italiano, Poesia contemporanea, 1991; ‘Progresso nelle nostre voci’, 1998; ‘La forma innocente’, 2001; ‘Condominio delle sorprese’, 2008 (Premio Rhegium Julii, Premio Laurentum). È presente nell’antologia ‘Poeti italiani del secondo Novecento’ a cura di M. Cucchi e S. Giovanardi, 1996-2004. È tradotto in albanese e in spagnolo. Narrativa: Il dodicesimo mese, 2016. Saggi: ‘Figura Solare. Un rinnovamento radicale dell’arte, inizio di un’epoca dell’essere’ 2011; ‘Arte come rimedio. L’armonizzazione delle facoltà umane nei processi espressivi’, 2013. (La foto nel riquadro è di Dino Ignani).
    Visita il profilo di Nicola Vitale
  • Nina Maroccolo
    Nina Maroccolo
    Bio: Nina Maroccolo è nata a Massa nel 1966. Cresciuta in Sardegna da bambina, approdata a Firenze nel ‘75 – dove ha studiato Arte e Musica – vive e lavora a Roma dal 2004. Scrittrice, cantante e performer, autrice di testi teatrali, interprete, artista visiva. Lavora a recital, improvvisazioni, azioni sceniche. Predilige i “Canti per voce nuda”, la tradizione orale e il canto sacro. Ha fatto parte dell’etichetta discografica indipendente CPI (Consorzio Produttori Indipendenti, Firenze), responsabile dell’Associazione Culturale “Il Maciste”. Ha collaborato e organizzato eventi culturali con la “City Lights Italia”, consorella europea della storica Casa Editrice “City Lights” di San Francisco. Numerosi gli incontri e i readings condivisi con Jack Hirshman, Alejandro Jodoroswsky, John Giorno, Anne Waldman, Fernando Arrabal, Lawrence Ferlinghetti, Martin Matz, Fosco Maraini, Ed Sanders, Agneta Falck. E ancora: Carmine Mangone, Massimiliano Chiamenti, Mariella Bettarini, Rosaria Lo Russo, Faraòn Meteosès, Marco Palladini, Tommaso Ottonieri, Imago Mundi... Fondatrice del gruppo poetico STANZEVOLUTE. Organizzatrice di eventi alle Giubbe Rosse, Punto Einaudi, Rime Rampanti, Fabbrica Europa, Il Giardino dei Ciliegi (Firenze). Membro fondatore del gruppo artistico-sperimentale ATEM: dieci anni fra parola, ritmo, musica e performances dal vivo. Ha partecipato a trasmissioni su RAI1, RAI2 ed altri emittenti televisive. Tra i programmi più importanti “La Bibbia giorno e notte: i mille volti di un’esperienza indimenticabile”, a cura di Giuseppe De Carli ed Elena Balestri, da cui è stato tratto un volume con dvd e documentario del memorabile evento mondiale (Ed. Velar / Rai Eri 2009). È redattrice del blog collettivo “NEOBAR”. Nel maggio 2011 ha fondato le “Edizioni d’Arte Musidora”, umile remake delle “Arts and Crafts” di fine Ottocento. Pubblicazioni - Il carro di sonagli (City Lights Italia 1999); Annelies Marie Frank (Empirìa 2004, 2a ed. 2009), con una lettera di Alda Merini; Firenze-Roma (Pulcinoelefante 2004), a cura di Eric Toccaceli; Documento 976 – Il processo a Adolf Eichmann – (testo drammaturgico tratto dalla silloge di teatro contemporaneo “Qui e Ora”, con Marco Baliani, Serena Maffia, Giuseppe Manfridi, Nuova Cultura, Roma 2008), con prefazione di Fabio Pierangeli e Roberto Mosena; Malestremo (Le Reti di Dedalus 2008); Illacrimata (Tracce 2011), con saggio introduttivo di Paolo Lagazzi; Un angelo di farina – Cinque liriche e una ballata – (Lepisma 2011); S’impalpiti materia – Omaggio a Giacomo Manzù – libro-oggetto d’arte a tiratura limitata (Edizioni d’Arte Musidora 2011). Contributi letterari del gruppo sinestetico “perIncantamento”. Introduzione di Marcella Cossu, Direttrice della Raccolta Manzù di Ardea, e saggio critico di Plinio Perilli; Animamadre (Tracce 2012), romanzo: prefazione di Fabio Pierangeli, postfazione di Ubaldo Giacomucci. Malestremo – Sedici viaggi nell’Altrove (Tracce 2013), racconti: introduzione di Marco Palladini, a concludere la Trilogia dal titolo I POSTERI DEL MODERNO (Illacrimata, Animamadre, Malestremo). È presente in numerose antologie. Tra le più importanti: “Auroralia” (Zona 2009); “La parola che ricostruisce – Poeti italiani per L’Aquila” (Tracce 2010); “Amerò i tuoi dubbi” testo teatrale tratto da “La Versione di Giuseppe – Poeti per don Tonino Bello” (poema collettivo di ventuno autori italiani, Accademia di Terra d’Otranto 2011); “L’evoluzione delle forme poetiche – La migliore produzione poetica dell’ultimo ventennio (1990-2012)” (Kairós 2013), a cura di Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spagnuolo; “La Fede” (EdiLet 2013), a cura di Marco Onofrio e Stefania Severi; “Mi ricordo, ogni giorno, ogni ora, come se fosse ora” (Centro Ebraico Italiano “Il Pitigliani”, 2013). Musica e Canto - Numerosi i suoi concerti, le performances e i recital. Tra le sue pièces teatrali, interpretate e cantate, ricordiamo almeno la “Salomè” (da Oscar Wilde), “Annelies Marie Frank” (dal suo libro omonimo), l’estemporanea “Partitura per ferro e terra” dedicata all’opera dello scultore Jaume Plensa. La sua attività musicale è inoltre inclusa in “I Love Rock ‘n’ Roll – Storia del rock italiano”, a cura di Raffaele Palumbo ed Ernesto De Pascale (Giunti 2009). "Nastro – Omaggio a Giacomo Manzù” (Salone del Libro, Auditorium DM, Torino 2012), cortometraggio per voci recitanti, elettronica, corto / videoarte. Regia di István Horkay, musica di Daniele Venturi. “Giunse lo raggio” (presentato alla rassegna “Festival Assisi Suono Sacro” a cura di Andrea Ceccomori e Michele Bianchi, Sala del Comune, Assisi 2013), canto per voce nuda dell’omonimo poema (tratto da Illacrimata) ispirato all’altorilievo di Benedetto Antèlami “La Deposizione” (Duomo di Parma). Nel 2009 le è stato conferito il Premio Nazionale per la Narrativa dal Sindacato Nazionale Scrittori, SIAE, Reti di Dedalus, per il racconto “Malestremo”. Con i poemetti di Illacrimata ha ottenuto il riconoscimento del Premio Speciale della Giuria “Città di Cattolica” 2012. Cinema e Pittura - Al suo esordio cinematografico come protagonista del film d’arte LA SESTA VOCALE. Regia di Iolanda La Carrubba, colonna sonora di Gianni Maroccolo: opera finalista al “Festival Internazionale del Cinema di Berlino 2013” nella rassegna Director Lounge DL9. Ha partecipato con tre quadri, tre poemi visivi facenti parte de “Il Ciclo dei Mandala”, alla mostra collettiva tenutasi all’Archivio di Bracciano durante il Festival “LagoFilmFest 2013”. Nel novembre 2013 ha fondato il gruppo artistico “choral autobiographies”, di cui fanno parte: István Horkay (Ungheria) | Pinina Podestà (Italia) | Isabel Pérez Del Pulgar (Andalusia) | Giovanni Marasco (Italia) | Lucia Guidorizzi (Italia) | Maria Felix Korporal (Olanda) | Maria Grazia Galatà (Italia) | Nina Maroccolo (Italia) | Emiliano Pietrini (Italia) | Vinz Orchestra Esteh (Italia) | Anna Costalonga (Germania) |
    Visita il profilo di Nina Maroccolo
  • Nino Federico
    Nino Federico
    Bio: Sono nato a Catania il 16 Maggio del 1984. Curioso e sensibile, fin da bambino, al disegno, alla musica ed ai linguaggi dell’arte, ho deciso, da grande, di unire passione e creatività diventando grafico pubblicitario. Le forme, i colori, i segni, gli spazi da riempire e da creare fanno parte del mio mondo, il mio foglio è il computer e i miei strumenti di lavoro sono diversi; prendo spunto da ciò che mi circonda per realizzare fotografie creative, ritratti e caricature con la tavoletta grafica, filmati e molto altro. Suono il pianoforte, vado in bici, amo e sono felice. “Per l’abilità nell’esprimere l’emozione che lega arte e vino, congiunti virtualmente nell’abbraccio raffigurato dall’artista, che trasmette, attraverso i toni caldi del giallo, il fascino di un momento di comunione e armonia”. Con questa motivazione, ho vinto, conquistando l’unanime favore della giuria, il concorso nazionale “Talento cerca Talento” promosso da “Bisol Viticoltori” in collaborazione con “Affordable Art Fair” di Milano.
    Visita il profilo di Nino Federico
  • Nino Iacovella
    Nino Iacovella
    Bio: Nino Iacovella è nato a Guardiagrele nel 1968. Ha pubblicato una prima raccolta di poesie nel 2001 Ballate di un giorno solo e della notte (ExCogita Editore, Milano), seguito da Latitudini delle braccia, deComporre edizioni. Dal 2011 al 2013 ha fatto parte della redazione de “Il Monte Analogo” rivista di poesia e ricerca. Vive e lavora a Milano.
    Visita il profilo di Nino Iacovella
  • Nunzia Binetti
    Nunzia Binetti
    Bio: Nata in Puglia, dove vive, scrive le prime poesie fin dall’infanzia. Ama molto la poesia moderna e contemporanea ma anche la saggistica letteraria. Scrive articoli e recensioni. Ha pubblicato la sua prima silloge poetica, "In ampia solitudine", con introduzione critica di Gianmario Lucini nella rassegna annuale “Retrobottega” (CFR 2011). Recentissima e di questi giorni è la pubblicazione di una sua intera raccolta poetica dal titolo “ Di rovescio” (sempre edita dalla CFR editrice), prefata dal linguista e poeta Arnaldo Ederle e con postfazione di Gianmario Lucini. Molte sue poesie sono state inserite in Antologie poetiche anche di note case editrici (Aletti, Giulio Perrone – Roma) e sono state pubblicate in riviste e vari siti web. La rivista serba "BIBLIOZONA" della Biblioteca Nazionale di Nis ha pubblicato una sua poesia, "Effetto placebo", in lingua serba (alfabeto cirillico). Ha conseguito premi e riconoscimenti nei pochi concorsi poetici ai quali ha partecipato, essendo contraria alle competizioni poetiche e letterarie e più in generale ai concorsi per prosa e poesia, a suo avviso troppo numerosi. Tra questi basti ricordare: il 2 ° premio di poesia al concorso nazionale "Mercedes Mundula", organizzato da FIDAPA BPW Italia CLUB di Cagliari nel 2008, il 3° premio di poesia al concorso Un Mondo di Poesia nel 2013, il PREMIO SPECIALE per la Poesia nel concorso internazionale "GIACOMO Natta" a Vallecrosia (Imperia) nel 2012 e Menzioni d’onore in premi letterari nazionali o internazionali. È stata recensita da poeti e critici d'arte in riviste letterarie come ”Capoverso” e “I Fiori del male”, ma anche dal quotidiano "La Gazzetta del Mezzogiorno", dal quotidiano partenopeo "Il Golfo", e dalla rivista mensile "Il Fieramosca" di Barletta, città in cui abita. Impegnata nel raggiungimento della parità di genere, già presidente della BPW FIDAPA della sezione di Barletta (2009-2011), è attualmente membro della Task Force Tinning della Federazione BPW International. È cofondatrice del Comitato Dante Alighieri di Barletta del quale è anche la vicepresidente.
    Visita il profilo di Nunzia Binetti
  • Ol'ga Sedakova
    Ol'ga Sedakova
    Bio: Ol'ga Aleksandrovna Sedakova in russo: Ольга Александровна Седакова? (Mosca, 26 dicembre 1949) è una poetessa, traduttrice e narratrice russa. Olga Sedakova è l'erede della tradizione dei grandi poeti russi del Novecento quali Anna Achmatova, Osip Mandel'štam, Velimir Chlebnikov e Josif Brodskij. Figura di grande rilievo, è ammirata non solo come "donna di lettere" e scrittrice, ma anche come studiosa nel mondo accademico internazionale. La sua presenza nel mondo della poesia e delle lettere dalla fine del Novecento agli inizi del Duemila non ha subito incrinature. Il suo pensiero, lucido e penetrante, è fortemente radicato nella sua coscienza religiosa e poetica. Il filosofo Sergej Averincev ha scritto di lei: «Con la coscienza poetica di Ol'ga Sedakova, ci si misura proprio come sulle stelle fisse, come si usava dire prima di Niccolò Copernico, sulle stelle nocchiere come si esprimeva il giovane Vja. Ivanov; sui punti di riferimento più generali della tradizione poetica europea».
    Visita il profilo di Ol'ga Sedakova
  • Orazio Caruso
    Orazio Caruso
    Bio: Orazio Caruso è nato a Viagrande, in provincia di Catania, ha frequentato il Liceo classico a Catania e successivamente si è laureato in Filosofia. È sposato con Maria Rita Pennisi. Ha insegnato Lettere in Veneto e, attualmente, in Sicilia. Ha attraversato gli anni settanta seguendo i destini della sua generazione: lavorando in diverse radio libere, facendo esperienze politiche, scrivendo testi per minuscole compagnie teatrali. Successivamente ha dato vita, con altri artisti, ad un’associazione culturale denominata ironicamente “Accademia delle Nuvole”. Da un decennio cura gli allestimenti teatrali del suo liceo. Si occupa di poesia, critica letteraria e di editoria. Ha pubblicato: ‘Sezione Aurea’ (Manni), ‘Comici Randagi’ e ‘Finisterre’ (entrambi editi da ‘Sampognaro & Pupi’).
    Visita il profilo di Orazio Caruso
  • Paola Loreto
    Paola Loreto
    Bio: PAOLA LORETO è nata a Bergamo e insegna Letteratura americana all’Università di Milano. Ha pubblicato ‘case | spogliamenti’ (Aragno 2016), ‘In quota’ (Interlinea 2012), ‘La memoria del corpo’ (Crocetti 2007), ‘Addio al decoro’ (LietoColle 2006), ‘L’acero rosso’ (Crocetti 2002), la plaquette ‘Spiazzi dell’acqua’ (pulcinoelefante 2008), le sillogi ‘Conoscenza della neve’ (Poesia 267, gennaio 2012) e ‘Transiti’ (Almanacco dello Specchio Mondadori 2009), oltre a una silloge di poesie sulla montagna (Premio Benedetto Croce 2003) e numerosi testi in rivista e in volumi collettanei. La sua poesia ha ricevuto molti riconoscimenti e premi ed è stata tradotta in inglese e in spagnolo. È stata poète en residence al Centre de Poésie et Traduction della Fondation Royaumont (Parigi). Ha curato il ‘LucaniaPoesiafestival’ (2005 e 2008) e ha fatto parte delle giurie del Premio San Pellegrino, Tirinnanzi, e Subway-poesia. Ha pubblicato studi sulla poesia di Emily Dickinson, Robert Frost e Derek Walcott. Traduce i poeti americani e collabora a ‘Poesia’ e a varie riviste di studi americani italiane e straniere.
    Visita il profilo di Paola Loreto
  • Paolo Agrati
    Paolo Agrati
    Bio: Paolo Agrati è al suo terzo libro. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Quando l’estate crepa” con Lietocolle editore, già alla seconda edizione e “piccola odissea” con Pulcinoelefante editore. Nel Dicembre 2012 è uscito “Nessuno ripara la rotta” per La Vita Felice. Suoi testi sono presenti su diverse antologie poetiche, tra le quali “Incastrimetrici vol 2”. Tra i suoi fondatori, è cantante e narratore della Spleen Orchestra. http://paoloagrati.wordpress.com/ http://www.thespleenorchestra.it/
    Visita il profilo di Paolo Agrati
  • Paolo Aldrovandi
    Paolo Aldrovandi
    Bio: Mi chiamo Paolo Aldrovandi. Sono nato a Mantova nell’agosto afosissimo e pieno di mosche del 1974. Da allora, credo, non ho mai più sopportato il caldo. Da buon essere invernale, ho scritto la mia prima poesia a tredici anni per un amore non corrisposto (ovviamente). Ma ricordo che già allora trovai il modo per essere assai poco carino nel far notare il mio disappunto. Infatti, quando la lei del momento si ritrovò la mia poesia tra le mani e la lesse, non mi abbracciò affatto. Il mio modo di scrivere è così: crudo, reale e poeticamente quotidiano… Nel mondo e nella vita, anche nella peggiore, esiste uno strato di poesia ben compatto, anche se il più delle volte impercettibile… Viaggiando molto, e spesso da solo, ho avuto la possibilità di farmi più idee e di prendere spunto da queste. Di osservare i vari mondi e le diverse abitudini, di parlare con persone che quasi certamente non incontrerò mai più… È stata essenzialmente questa la linfa vitale della mia poesia. Non ho nessuna pubblicazione rilevante: ho scritto per decine di riviste di poesia, sia cartacee che online, ma non ne ricordo nemmeno i nomi. Scrivere poesia è una liberazione obbligatoria, e io faccio così.
    Visita il profilo di Paolo Aldrovandi
  • Paolo Di Paolo
    Paolo Di Paolo
    Bio: Paolo Di Paolo è nato nel 1983 a Roma. Nel 2003 entra in finale al Premio Italo Calvino per l’inedito, con i raccontiNuovi cieli, nuove carte. Ha curato libri insieme a scrittori italiani come Antonio Debenedetti, Raffaele La Capria, Dacia Maraini e Antonio Tabucchi. È autore tra l’altro di Ogni viaggio è un romanzo (2007) e di Raccontami la notte in cui sono nato (2008; Ue 2014). Per il teatro ha scritto Il respiro leggero dell’Abruzzo, interpretato fra gli altri da Franca Valeri, e L’innocenza dei postini, messo in scena al Napoli Teatro Festival Italia 2010. Lavora anche per la televisione e scrive sulle pagine culturali di alcuni quotidiani. Con Dove eravate tutti(Feltrinelli, 2011) ha vinto il Premio Mondello e il SuperPremio Vittorini 2012. Con Feltrinelli ha pubblicato anche Mandami tanta vita (2013; Premio Fiesole Narrativa Under 40, Premio Salerno Libro d'Europa e finalista Premio Strega).
    Visita il profilo di Paolo Di Paolo
  • Paolo Piccirillo
    Paolo Piccirillo
    Bio: Paolo Piccirillo è nato nel 1987 a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Nel 2010 ha pubblicato Zoo col semaforo, un romanzo che ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica. Autore di racconti pubblicati su varie riviste e antologie, nel 2011 è stato scelto dal Festival delle letterature di Mantova come rappresentante italiano per le Scritture Giovani.
    Visita il profilo di Paolo Piccirillo
  • Paola Tricomi
    Paola Tricomi
    Bio: Paola Tricomi nasce nel 1991 a Catania ed è laureata in Filologia classica. Pubblica nel 2010 il primo volume di poesie ‘Nel cuore - En thumò’ e nel 2013 ‘Il nome del Nulla’, con prefazione di Maurizio Cucchi e postfazione di Giuseppe Savoca. Sulle sue poesie vengono realizzati numerosi recital, a cura di Patrizia Salerno e della compagnia teatrale multietnica Isola Quassùd, diretta da Emanuela Pistone.
    Visita il profilo di Paola Tricomi
  • Patrizia Rinaldi
    Patrizia Rinaldi
    Bio: Patrizia Rinaldi vive e lavora a Napoli. È laureata in Filosofia e si è specializzata in scrittura teatrale con Francesco Silvestri. Ha partecipato a progetti didattici diretti da Maria Franco presso l’Istituto Penale Minorile di Nisida, cura incontri di lettura e scrittura per ragazzi. www.patriziarinaldi.it
    Visita il profilo di Patrizia Rinaldi
  • Patrizia Sardisco
    Patrizia Sardisco
    Bio: Patrizia Sardisco è nata a Monreale dove tuttora vive. Laureata in Psicologia, specializzata in Didattica Speciale, lavora in un liceo di Palermo. Scrive in lingua italiana e in dialetto siciliano, sue liriche e alcuni racconti brevi compaiono in antologie, riviste e blog letterari. Con i suoi lavori è stata vincitrice e finalista in diversi concorsi a carattere nazionale. Nel 2016, ha pubblicato, per i tipi di Plumelia, la silloge in dialetto ‘Crivu’, vincitrice del Premio Internazionale Città di Marineo. La sua produzione in italiano è invece interamente inedita. Da marzo 2016 cura, insieme alla poetessa Alba Gnazi, il blog ‘Un posto di vacanza’.
    Visita il profilo di Patrizia Sardisco
  • Pietro Russo
    Pietro Russo
    Bio: Pietro Russo vive a Catania dove insegna Lingua e Letteratura italiana nei licei e Italiano a stranieri presso la Società Dante Alighieri – Comitato di Catania. Scrive per varie riviste cartacee e online con articoli di critica e recensioni letterarie. Nel 2013 ha pubblicato il saggio ‘La memoria e lo specchio. Parole del Petrarca nella poesia di Sereni’ (Bonanno Editore, Acireale-Roma). È responsabile delle attività culturali del comitato di Catania della Dante Alighieri e socio fondatore del Centro di Poesia Contemporanea di Catania. Alcune sue poesie sono apparse sul web e in alcune antologie.
    Visita il profilo di Pietro Russo
  • Raffaele Gueli
    Raffaele Gueli
    Bio: Raffaele Gueli è nato a Ragusa nel 1984. Vive a Catania. Psicologo, Psicoterapeuta in formazione. Oltre a “Il Peccato di Pregare” ha pubblicato una raccolta autoprodotta dal titolo “Dolce Dolcissimo Vivere”. Di quest’ultima ne è stata messa in scena una rappresentazione teatrale. Vari i premi letterari in cui si è classificato tra i primi tre premiati. Alcune sue poesie in vernacolo sono presenti in varie antologie.
    Visita il profilo di Raffaele Gueli
  • Raffaella Belfiore
    Raffaella Belfiore
    Bio: Raffaella Belfiore è nata nel 1980 a Catania, città in cui vive tuttora e nella quale ha compiuto i suoi studi di Filosofia. Le sue passioni sono il pensiero critico e la potenza persuasiva del discorso in tutte le sue forme, dal trattato scientifico alla raccolta poetica. Scrive romanzi, racconti per l’infanzia e poesie tese all’introspezione. Le sue influenze maggiori vanno ricercate nell’impetuosa fisicità della poesia lirica di Saffo e nella dimensione quasi onirica ed estetizzante della produzione di Baudelaire. La sua collaborazione con l’EstroVerso risale al 2007 e tratta prevalentemente temi di attualità, società e politica.
    Visita il profilo di Raffaella Belfiore
  • Raffaele Niro
    Raffaele Niro
    Bio: Raffaele Niro è nato nel 1973 a San Severo (Fg). Ha pubblicato: I piedi al muro (ed. Rhymers’ Club, 2013); Lingua di terra (ed. La vita felice, 2013); Carte d’identità (ed. Sentieri Meridiani, 2011) con il pittore Generoso D’Alessandro; Cartacanta (ed. Di Salvo, 2009, menzione d’onore Premio Montano 2010 Poesia Edita); Game’s lover (ed. Rhymers’ Club, 2009); Vuoti a rendere. Poesie sostenibili 2001-2006 (ed. Rhymers’ Club, 2006); Evoluzioni di un motore in quattro tempi (ed. Terramia, 2001). È uno degli autori dell’antologia “I fuggiaschi” (Stilo Editrice, 213) curata da G. Turi, con prefazione di Franco Arminio, di “Babel Hotel” (ed. Infinito, 2011) curata da R. Paranzan, con prefazione di Gian Antonio Stella e di “Rondini e ronde” (ed. Mangrovie, 2010) curata da S. De Marchi, con prefazione di Jean-Léonard Touadi. Collabora a giornali, riviste e radio. Sue poesie sono state tradotte in Cile, Messico, Nicaragua e Spagna. Con alcune videopoesie è stato finalista in diversi concorsi cinematografici e presente a eventi ed esposizioni di respiro nazionale. È direttore artistico del festival “DauniaPoesia” (dauniapoesia.org) e uno degli artisti che lottano contro la privatizzazione dell’acqua. Il suo blog è www.raffaeleniro.eu.
    Visita il profilo di Raffaele Niro
  • Renato Pennisi
    Renato Pennisi
    Bio: Renato Pennisi è nato a Catania nel 1957. Vincitore del “Premio Eugenio Montale” nel 1986 per la poesia inedita con la raccolta ‘Letture senza spartito’, poi inserita nell’antologia ‘7 Poeti del Premio Montale’ (Scheiwiller, 1987), ha successivamente pubblicato i libri di poesia ‘La correzione del saggio’ (Tringale, 1990), ‘Mai più e ancora’ (Edizioni l’Obliquo, 2003) e ‘La notte’ (presentazione di Giovanni Tesio, Interlinea, 2011). È anche autore dei libri di poesia in dialetto siciliano ‘Allancallaria’ (Prova d’Autore, 2001) e ‘La cumeta’ (premessa di Franco Loi, Edizioni l’Obliquo, 2009); e dei romanzi, pubblicati da Prova d’Autore, ‘Libro dell’amore profondo’ (1999), ‘La prigione di ghiaccio’ (2002) e ‘Romanzo’ (nota di Gualtiero De Santi, 2006). Per il teatro ha scritto ‘Oratorio di resurrezione’ (Edizioni Novecento, 2015).
    Visita il profilo di Renato Pennisi
  • Riccardo Gazzaniga
    Riccardo Gazzaniga
    Bio: Ho 36 anni e vivo a Genova. Sono Sovrintendente della Polizia di Stato e lavoro nella caserma di Bolzaneto, dove presto servizio operativo e mi occupo anche di una biblioteca unica nel suo genere, intitolata a “Giovanni Palatucci”. Sono rappresentante sindacale, amo l’hard rock anni ’80 e i concerti, i libri horror, il cinema, il nuoto (praticato) e il calcio (guardato in TV). Scrivo racconti da quando ho 18 anni, ma solo nel 2006 ho trovato il coraggio di farli leggere a qualcuno autofinanziando la raccolta“13 – Racconti dark”. Visti i riscontri positivi, ho provato a fare sul serio e ho vinto diversi premi letterari tra cui il Premio “Orme Gialle”, il Premio Speciale “Mario Casacci”, il “Premio Arte Città Amica”, il Premio “Carlo Levi”, il premio “Il Prione”. Sono stato per due volte finalista al “Mystfest – Gran Giallo Città di Cattolica”, il maggior premio italiani per racconti gialli brevi. Nel 2010 il mio primo romanzo, un horror intitolato “Vieni da me”, è stato segnalato al Premio Calvino, il più importante concorso letterario per esordienti in Italia. Nel maggio 2012 il mio nuovo romanzo “A viso coperto” ha vinto il XXV Premio Italo Calvino e, il 26 marzo 2013, “A viso coperto” è uscito in libreria per Einaudi Stile Libero. Dieci giorni dopo la sua uscita, il libro è entrato nei dieci libri più venduti della narrativa italiana.
    Visita il profilo di Riccardo Gazzaniga
  • Rita Pacilio
    Rita Pacilio
    Bio: Rita Pacilio è poeta, scrittrice, collaboratore editoriale. Si occupa di poesia, di critica letteraria e di vocal jazz. È vincitrice del Primo Premio Poesia Edita della XXVII edizione del Premio Laurentum con l’opera “Gli imperfetti sono gente bizzarra” - La Vita Felice, 2012. Sua recente pubblicazione è: “Quel grido raggrumato” - La Vita Felice, 2014, Primo Premio Poesia Edita ‘Tra Secchia e Panaro 2014’ con cui conclude il discorso sulla denuncia dei corpi emarginati e violati, iniziato con il libro in prosa poetica ‘Non camminare scalzo’ (Edilet Edilazio Letteraria 2011) risultato vincitore del Primo Premio Sezione Narrativa Edita Premio ‘Terzo Millennio 2012’.
    Visita il profilo di Rita Pacilio
  • Roberto Deidier
    Roberto Deidier
    Bio: Roberto Deidier è nato a Roma nel 1965. Ha pubblicato i volumi di poesia Il passo del giorno (1995, Premio Mondello opera prima), Libro naturale (1999) - confluiti in Una stagione continua (peQuod, 2002) - e Il primo orizzonte (San Marco dei Giustiniani, 2002). Del 2011 è il quaderno di traduzioni Gabbie per nuvole (Empirìa). Tra i suoi numerosi saggi dedicati alla letteratura moderna si ricordano Le forme del tempo. Miti, fiabe, immagini di Italo Calvino (2004), Le parole nascoste. Le carte ritrovate di Sandro Penna (2008) e Il lampo e la notte. Per una poetica del moderno (2012), editi da Sellerio. Vive tra Roma e la Sicilia, dove insegna nell'università.
    Visita il profilo di Roberto Deidier
  • Roberto Valentini
    Roberto Valentini
    Bio: Nato a Milano, dal 1999 lavora come insegnante nella scuola secondaria superiore e sopra(v)vive a Bernate Ticino, al confine occiduo della provincia milanese. Laureatosi in filosofia all’Università degli Studi di Milano, ha collaborato con la cattedra di Storia della filosofia contemporanea II quale redattore della rivista “Magazzino di filosofia” diretta dal Prof. A. Marini; attualmente, oltre a proseguire tale attività, è fra i curatori del relativo sito web di filosofia contemporanea (www.filosofiacontemporanea.it). Si è interessato in modo particolare della filosofia francese post-strutturalista, della Nietzsche-renaissance e del pensiero di autori quali Blanchot, Derrida, Deleuze, Bataille; in questi anni ha pubblicato, fra gli altri contributi (recensioni e florilegi), saggi sull’insegnamento della filosofia, sul cinema di Kubrick e Il gesto di Alcesti (“Magazzino di filosofia” n. 19/2012), una interpretazione letteraria di alcune tematiche della riflessione di Maurice Blanchot. Ha presentato un proprio lavoro nell’opera collettiva Vita, concettualizzazione, libertà (Mimesis, Milano, 2008). Sue liriche inedite, articoli, escursioni di carattere saggistico-espressivo ed un racconto sono presenti sul sito web della rivista letteraria “Lunarionuovo”, diretta dallo scrittore e saggista Mario Grasso, sulla rivista “l’EstroVerso” e, diffusamente, sul sito personale (www.robertovalentini.org). Ha pubblicato il volume Dante a rovescio. Il XXXIV canto dell’Inferno capovolto (selfpublishing, Lecce, 2012), le raccolte poetiche Il peso dell'ombra (Prova d’Autore, Catania, 2013), Fra terra e luce. Antipodi dell’uomo (selfpublishing, Lecce, 2014) e Il male degli occhi (Puntoacapo Editrice, Pasturana 2014). Per i tipi di Puntoacapo Editrice è in corso d stampa la raccolta Il beneficio delle brume. Sue liriche sono presenti nelle antologie Enciclopedia di Poesia contemporanea (Fondazione Mario Luzi Editore, 2015), Atti della XVII Biennale di Poesia di Alessandria (a c. di Aldino Leoni e Mauro Ferrari, Puntoacapo Editrice, Pasturana 2015) e sul numero XXVIII di Carte nel Vento, periodico on-line del Premio “Lorenzo Montano”. Ha ricevuto riconoscimenti al Premio “Lorenzo Montano” (2013, 2015), al Premio Internazionale “Cinque Terre” e la Menzione d’onore per l’opera Il male degli occhi al Premio Casentino 2015. Scontando come tutti la “nera foga della vita” di sabiana memoria, continua a coltivare l’impaziente passione delle lettere, preservando epistole, esercizi di stile, prose rapsodiche e innocenti endecasillabi – né pretenziosi né insinceri – dalla (nella) loro lieve agonia dentro uno stipo.
    Visita il profilo di Roberto Valentini
  • Rosa Matteucci
    Rosa Matteucci
    Bio: Rosa Matteucci (Orvieto, 1960) è una scrittrice italiana. Il suo romanzo d'esordio è Lourdes (pubblicato da Adelphi nel 1998), vincitore nel 1999 del Premio Bagutta nella sezione Opera Prima, e del Premio Grinzane Cavour nella sezione Giovane Autore Esordiente. Nel 2003 pubblica con Adelphi il romanzo Libera la Karenina che è in te, finalista al Premio Viareggio. Nel 2007 esce Cuore di mamma ancora con Adelphi, vincitore del Premio Grinzane Cavour nella sezione Narrativa Italiana. Nel 2008 pubblica per Rizzoli India per signorine, un romanzo sull'esperienza indiana della scrittrice. Nel 2010 pubblica per Bompiani il nuovo romanzo Tutta mio padre col quale è finalista del Premio Strega e vince il Premio Brancati. Il cambio di casa editrice è giustificato dalla Matteucci pubblicamente con il proprio desiderio improvviso di partecipare allo Strega, ma non ne aveva la possibilità tramite l'Adelphi. Il suo nuovo libro (2012) si intitola "Le donne perdonano tutto tranne il silenzio", edizioni Giunti. Ha recitato nei film Mi piace lavorare (Mobbing) (2004), diretto da Francesca Comencini, e La tigre e la neve (2005), diretto da Roberto Benigni.
    Visita il profilo di Rosa Matteucci
  • Rosario Leotta
    Rosario Leotta
    Bio: È nato a Catania nel 1982. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione si trasferisce a Napoli dove frequenta il master in fotografia Ilas tenuto da Ugo Pons Salabelle. Vive e lavora a Giarre. Premio Arte Mondadori 2011.
    Visita il profilo di Rosario Leotta
  • Rudy Toffanetti
    Rudy Toffanetti
    Bio: Rudy Toffanetti (1994) vive a Lacchiarella (Milano). Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Berchet di Milano, studia lettere antiche all’Università di Pavia. Al liceo ha vinto tra gli altri il premio nazionale di poesia “G. Marconi”. È autore di testi teatrali e ha conseguito il diploma d’attere presso la scuola di teatro di Studionovecento. Dal 2015 è volontario attivo presso la Croce Rossa Italiana. “Sul confine” è la sua prima opera edita.
    Visita il profilo di Rudy Toffanetti
  • Salvatore Randazzo
    Salvatore Randazzo
    Bio: Salvatore Randazzo è nato a Siracusa nel 1981. Si laurea in Scienze della comunicazione presso l’università di Messina con una tesi dedicata al vegetarismo, proponendolo come salto evolutivo di tipo culturale. Ha collaborato in qualità di giornalista freelance con diverse testate giornalistiche locali. Amante del teatro, è membro di una compagnia amatoriale siracusana. Nel 2007 pubblica con Akkuaria edizioni la raccolta poetica L’orchestra di Bacco; diverse altre raccolte, invece, rimangono inedite.
    Visita il profilo di Salvatore Randazzo
  • Salvatore Sblando
    Salvatore Sblando
    Bio: Salvatore Sblando nasce nel 1970 a Torino dove risiede e lavora in qualità di dipendente della locale azienda di trasporti. Con testi poetici inediti è risultato finalista in concorsi nazionali ed internazionali. Sue liriche sono pubblicate in antologie e blog letterari. Membro del Comitato di lettura della Casa editrice La Vita Felice, partecipa attivamente a reading e manifestazioni poetiche. La sua opera prima “Due granelli nella clessidra” (LietoColle 2009) - giunta alla seconda edizione - ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti. Attivo nel panorama letterario torinese, è fondatore e collaboratore di alcune associazioni culturali. Cura un proprio LIT(tle) blog all’indirizzo www.larosainpiu.wordpress.com dove è solito ospitare le migliori voci del panorama poetico contemporaneo.
    Visita il profilo di Salvatore Sblando
  • Sandra Petrignani
    Sandra Petrignani
    Bio: Sandra Petrignani (Piacenza 1952) è giornalista, saggista e scrittrice. Vive a Roma e nella campagna umbra. Tra le sue opere più recenti, l’autofiction ‘Dolorose considerazioni del cuore’ (Nottetempo 2009) e il vagabondaggio ‘E in mezzo il fiume. A piedi nei due centri di Roma’ (Laterza 2010). Per l’editore Neri Pozza ha pubblicato ‘La scrittrice abita qui’ (2003), ‘Care presenze’ (2004), ‘Ultima India’ (2006), ‘Addio a Roma’ (2012) e ‘Marguerite’ (2014).
    Visita il profilo di Sandra Petrignani
  • Sandro De Fazi
    Sandro De Fazi
    Bio: Sandro De Fazi è nato a Civitavecchia (Roma) il 31 ottobre 1960 e vive tra Napoli e Caserta. Laureato in Filosofia, è docente di letteratura italiana e lingua e cultura latina e collabora col Dipartimento di psicologia della Seconda Università di Napoli e vari enti culturali. Ha presentato alla Biblioteca del Senato il saggio Ti scrivo brevemente per chiederti scusa dei miei silenzi. Vita di Gaetano Dimatteo (prefazione di Elio Pecora, Edizioni Libreria Croce, 2009). Ha esordito come narratore col romanzo breve Più romano che greco, in Off-side 3 (Edizioni Libreria Croce, 2000). Nel 2001 ha presentato in catalogo la personale di Gaetano Dimatteo "Chant d'amour per Pier Paolo Pasolini" (Festival del Cinema di Berlino). È uno dei poeti italiani presenti in "Poeti e poesia" (Rivista internazionale N. 14 - Agosto 2008); ha precedentemente pubblicato la raccolta di versi Vacuo cielo (Roma, 1986) e in vari volumi collettivi. Suoi articoli, recensioni e saggi brevi e lunghi sono su siti e riviste on line. Di imminente pubblicazione Il dramma dell’ultimo Virgilio (Edizioni Saecula)
    Visita il profilo di Sandro De Fazi
  • Sara Rattaro
    Sara Rattaro
    Bio: Sara Rattaro nasce in una famiglia di commercianti genovesi specializzati in ottica.Nel 1994 prende il diploma magistrale e quindi si iscrive all’Università di Scienze Biologiche dove si laurea nel 1999 con lode. Nel 2009 consegue la laurea anche in Scienza delle Comunicazioni presso l’Università degli studi di Genova. Dal 1999 al 2006 frequenta più di una decina di corsi di specializzazione sia inerenti gli Studi clinici sia nel campo della Comunicazione conseguendo diploma al master in Comunicazione della Scienza «Rasoio di Occam» a Torino. Nel 2009 completa il suo primo romanzo Sulla sedia sbagliata che viene letto e scelto dall’editore Mauro Morellini. Il romanzo ottiene un buon successo di pubblico e critica. E’ lei in prima persona che si occupa di organizzare tutte le presentazioni del libro percorrendo tutta Italia. Nel 2011 scrive il suo secondo romanzo Un uso qualunque di te. Una storia che le esplode prima nella testa e poi nella mani. Dopo aver incontrato Silvia Meucci, agente letterario, il romanzo viene pubblicato da Giunti Editore. Il libro esce il 14 marzo 2012 con 20.000 copie vendute in una settimana e viene tradotto in 9 lingue. Nel maggio 2013 pubblica il best seller Non volare via edito da Garzanti. Nel 2014, sempre con Garzanti, pubblica 'Niente è come te'.
    Visita il profilo di Sara Rattaro
  • Savina Dolores Massa
    Savina Dolores Massa
    Bio: Savina Dolores Massa nasce a Oristano. Scrittrice di narrativa, poesia, testi teatrali. È tra i fondatori della compagnia di spettacolo Hanife Hana teatro jazz. Cura il blog d’arte Ana la balena. Con il Maestrale ha pubblicato i romanzi Undici (2008), giunto nella rosa dei finalisti al Premio Calvino 2007; Mia figlia follia (2010); Cenere calda a mezzanotte (2013); la raccolta di racconti Ogni madre (2012).
    Visita il profilo di Savina Dolores Massa
  • Selenia Bellavia
    Selenia Bellavia
    Bio: Ha pubblicato "Pourparler" (Prova d'Autore, 2012), con prefazione di Manlio Sgalambro e una nota di Franco Battiato. Dalla prefazione: "[...] Ma dopo che la teoria del bosco è prevalsa sul bosco - vedi Heidegger e famiglia - la lingua si appiccica al palato. Il risultato, cioè, è il silenzio. Selenia Bellavia non ha pietà alcuna per le sue 'creature'. Essa procede implacabile come deve essere un poeta e per un momento dà realtà a quel nulla che ci attornia (Manlio Sgalambro)".
    Visita il profilo di Selenia Bellavia
  • Silvia Giacomini
    Silvia Giacomini
    Bio: Silvia Giacomini è nata nel 1976 nella provincia di Varese. Attrice di teatro e incisore, ha curato la drammaturgia e la messa in scena di spettacoli teatrali e partecipato a mostre d’arte. La sua prima pubblicazione è una raccolta di racconti, ‘Pozzanghere e bagliori’(Progetto Cultura, 2011), dalla quale ha tratto il monologo ‘La vestale’. Nel 2013 ha pubblicato la prima raccolta di poesie, ‘La sirena discorde’ (Edizioni Ape). Successivamente le raccolte poetiche ‘Il sangue del cielo’ (Italic, 2014) e ‘La tentazione di essere vento’ (La vita felice, 2014). Di recente uscita la raccolta di racconti ‘La metamorfosi delle cose’ (Progetto Cultura, 2015). Attualmente conduce laboratori di teatro creativo nell’ambito del disagio psichico e della disabilità.
    Visita il profilo di Silvia Giacomini
  • Silvia Rosa
    Silvia Rosa
    Bio: Silvia (Giovanna) Rosa nasce nel 1976 a Torino. Laureata in Scienze dell’Educazione, ha frequentato il Corso di Storytelling della Scuola Holden di Torino. Suoi testi poetici e in prosa sono apparsi in numerosi siti, blog letterari, riviste e in volumi antologici editi tra gli altri da Perrone Editore, LietoColle, Edizioni Smasher, Lite Editions, Limina Mentis, Osteria del Tempo Ritrovato, FaraEditore. È autrice del saggio Italiane d’Argentina. Storia e memorie di un secolo d’emigrazione al femminile (1860-1960) (Ananke Edizioni, 2013 – II ediz. 2014); delle raccolte poetiche SoloMinuscolaScrittura (La Vita Felice, 2012) e Di sole voci (LietoColle, 2010 – II ediz. 2012); del libro di racconti Del suo essere un corpo (Montedit Edizioni, 2010). Ha all’attivo diverse collaborazioni nel campo delle arti visive e la pubblicazione di e-book fotopoetici, tra cui Iridescenze (Migranze E-edition, 2012 con immagini di Romina Dughero) e Corrispondenza (d)al limite [Fenomenologia di un inizio all’inverso] (Clepsydra Edizioni, 2011 con immagini di Giusy Calia).
    Visita il profilo di Silvia Rosa
  • Silvia Freiles
    Silvia Freiles
    Bio: Silvia Freiles nasce nel 1975 a Messina, dove si laurea con 110 e lode in Storia dell’Arte Moderna e Contemporanea nel 1999. Docente di ruolo di Italiano e Latino nei Licei dal 2004, consegue nel 2008 il Dottorato di Ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Catania con una tesi concordanziale dal titolo ‘I segni di Bartolo Cattafi tra parola e immagine’. Pubblica saggi e articoli critici su riviste specializzate quali ‘Otto/Novecento’, ‘Critica letteraria e Sinestesie. Rivista di Studi sulle Letterature e le Arti europee’, occupandosi di Sciascia, Cattafi, Cardarelli, Tozzi. Cultrice di Estetica presso la Facoltà di Architettura di Siracusa, si interessa di interazione tra Arte e Letteratura collaborando con le riviste di Arte contemporanea ‘Il Giornale dell’Arte’, ‘Arte e critica’, ‘Carte d’arte internazionale’.
    Visita il profilo di Silvia Freiles
  • Silvio Perego
    Silvio Perego
    Bio: Silvio Perego (Legnano 1970). "Una primavera all’inferno" è il suo terzo libro di poesia dopo "Jazz", 2009 - prefazione di Ottavio Rossani, finalista Premio Manfredi, e "Gli impiegati vanno di fretta" (2012). Per la narrativa, ha pubblicato i romanzi "L’inganno" (2006) e "Cracker" (2012).
    Visita il profilo di Silvio Perego
  • Simona Lo Iacono
    Simona Lo Iacono
    Bio: Simona Lo Iacono è nata a Siracusa nel 1970. Magistrato, presta servizio presso il tribunale di Catania. Ha pubblicato diversi racconti e vinto concorsi letterari di poesia e narrativa. Sul blog letterario Letteratitudine di Massimo Maugeri cura una rubrica che coniuga norma e parola, letteratura e diritto, dal nome “Letteratura è diritto, letteratura è vita”. Il suo primo romanzo, Tu non dici parole’ (Perrone 2008), ha vinto il premio Vittorini Opera prima. Nel 2010 le sono stati conferiti il Premio Internazionale Sicilia “Il Paladino” per la narrativa e il Premio Festival del talento città di Siracusa. Nel 2011 ha pubblicato ‘Stasera Anna dorme presto’ (Cavallo di Ferro), con cui ha vinto il premio Ninfa Galatea ed è stata finalista al Premio Città di Viagrande. Nel 2013, sempre per Cavallo di Ferro, ha pubblicato il romanzo ‘Effatà’, vincitore del Premio Martoglio e del premio Donna siciliana 2014 per la letteratura. Attualmente conduce sul digitale terrestre un format letterario dal nome ‘BUC’, trasmissione che mescola al libro varie discipline artistiche, e cura sulla pagina culturale del quotidiano La Sicilia la rubrica letteraria “Scrittori allo specchio”. Presta inoltre servizio presso il carcere di Brucoli come volontaria, tenendo corsi di letteratura, scrittura e teatro, tutti mezzi artistici con i quali intende attuare il principio rieducativo della pena sancito dall’art 27 della Costituzione.
    Visita il profilo di Simona Lo Iacono
  • Simone Di Biasio
    Simone Di Biasio
    Bio: Simone di Biasio è nato a Fondi (LT) nel 1988. È giornalista pubblicista e laureato in Comunicazione a “La Sapienza” di Roma. Ha esordito in poesia con Assenti ingiustificati (Edilet, 2013; prefazione di Claudio Damiani), insignito del Premio I Tredici del Centro di Poesia di Roma, del XXX Premio Alfonso Gatto per l’opera prima e del XXXVIII Premio Minturnae. Collabora con il blog di libri e letteratura “Reader’s Bench” (www.readers-bench.com) e con la rivista di poesia “Atelier” (www.atelierpoesia.it). È socio fondatore e Presidente dell’associazione culturale ‘Libero de Libero’ che ha ideato il Festival di poesia contemporanea ‘verso Libero’ e il Premio di poesia “Solstizio”.
    Visita il profilo di Simone Di Biasio
  • Sonia Caporossi
    Sonia Caporossi
    Bio: Sonia Caporossi (Tivoli, 1973) è docente, musicista, musicologa, scrittrice, poetessa, critico letterario, artista digitale; si occupa inoltre di estetica filosofica e filosofia del linguaggio. Suona il basso elettrico nel gruppo di art – psychedelic rock Void Generator, con i quali ha all’attivo tre album, Phantom Hell And Soar Angelic (Phonosphera Records 2010), Collision EP (Phonosphera Records 2011), SUPERSOUND (Phonosphera Records 2014) e la partecipazione a due compilation, Fuori dal Centro (Fluido Distribuzioni, ITA 1999) e Riot On Sunset 25 (272 Records, USA 2011). Suoi contributi, saggi, poesie e prose sono apparsi su Musikbox, Verde, MareNero, Scrittori Precari, Fallacie Logiche, Storia & Storici, Poetarum Silva, WSF, Neobar, Il Giardino Dei Poeti, Idee/Inoltre, In Realtà La Poesia, Atelier, Cadillac, Nazione Indiana, Kasparhauser, Filosofia In Movimento, Italian Studies in Southern Africa, Dialettica & Filosofia e altri. Dirige il blog Critica Impura. Insieme ad Antonella Pierangeli ha pubblicato Un anno di Critica Impura (Web Press, Milano 2013) e ha curato l’antologia Poeti della Lontananza (Marco Saya Edizioni, Milano 2014). A maggio 2014 è uscita la sua raccolta di racconti filosofici Opus Metachronicum (Corrimano Edizioni, Palermo). Conduce su Radio Centro Musica la trasmissione di musica alternativa e letture poetiche Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio. Vive e lavora nei pressi di Roma.
    Visita il profilo di Sonia Caporossi
  • Sonia Lambertini
    Sonia Lambertini
    Bio: Nasco a dicembre il giorno di Natale. E’ uno strano giorno per venire alla luce e complice la quadratura di Saturno mi muovo tra le ombre e senza santi. Non ho poesie scritte a sei anni ma occhi che vedono una parte del mondo, quello della lotta tra la carne scaduta ed il pensiero ancora vivo che cerca l’eternità. Le idee vanno veloci e fanno rumore, cercano di rubare la scena al teatro asciutto della vita reale. La mia citazione preferita? “Non sono niente. Non sarò mai niente. Non posso voler essere niente. A parte ciò, ho in me tutti i sogni del mondo”. (Fernando Pessoa)
    Visita il profilo di Sonia Lambertini
  • Stefano Crupi
    Stefano Crupi
    Bio: Stefano Crupi è nato a Caserta nel 1977. Giornalista dal 2010, ha scritto per alcune testate locali. Cazzimma è il suo primo romanzo.
    Visita il profilo di Stefano Crupi
  • Stefano Piedimonte
    Stefano Piedimonte
    Bio: Stefano Piedimonte è nato nel 1980 a Napoli e si è laureato all'università "L'Orientale". Ha lavorato per quotidiani, settimanali e trasmissioni televisive occupandosi principalmente di cronaca nera. Insieme a Roberto Saviano ha portato a Pordenonelegge lo spettacolo "Comicamorra". I suoi racconti sono pubblicati su Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Satisfiction, Corriere del Ticino. Per Guanda ha pubblicato "Nel nome dello Zio" (2012) e "Voglio solo ammazzarti" (2013).
    Visita il profilo di Stefano Piedimonte
  • Tea Ranno
    Tea Ranno
    Bio: Tea Ranno è nata a Melilli, in Sicilia. Dal 1995 vive a Roma. Si occupa di diritto e letteratura. Ha pubblicato per e/o i romanzi Cenere (2006, finalista ai premi Calvino e Berto, vincitore del premio Chianti) e In una lingua che non so più dire (2007); per Mondadori i romanzi "La sposa vermiglia" (2012) e "Viola Fòscari" (2014).
    Visita il profilo di Tea Ranno
  • Tiziano Fratus
    Tiziano Fratus
    Bio: Tiziano Fratus (Bergamo, 1975) è autore di un piccolo caso editoriale: i suoi taccuini e libri per cercatori di alberi secolari hanno venduto oltre venticinquemila copie. Fratus attraversa il paesaggio alla ricerca di alberi monumentali, li censisce, li misura, li fotografa e cerca di valorizzarli. Durante viaggi in Nord-America, Sud-Est Asiatico ed Europa, per promuovere le traduzioni della sua poesia, ha coniato i concetti di Homo Radix/Uomo Radice e alberografia che ha sviluppato in volumi, personali fotografiche e nella rubrica “Il cercatore di alberi” che cura, da tre anni, sul quotidiano torinese «La Stampa». Guida le “Passeggiate per cercatori d’alberi secolari” e disegna itinerari botanici. Fra i suoi titoli più recenti L’Italia è un bosco (Laterza), Manuale del perfetto cercatore d’alberi (Kowalski/Feltrinelli) e Il sussurro degli alberi (Ediciclo). Per quanto concerne la poesia ha pubblicato diversi libri in Italia fra i quali Il molosso (2005), Il respiro della terra (2008), Nuova poesia creaturale (2010), Gli scorpioni delle Langhe (2012), all’estero A Room in Jerusalem (2008, New York), Poèmes chuchotés sur la berge du Po (2008, Lugano), Double Skin (2009, Singapore), Creaturing. Selected Poems (2010, Detroit), Ninguem sabe de nos (2011, Belo Horizonte). Dal 2006 al 2010 ha fondato e diretto il Festival Torino Poesia e le annesse edizioni che hanno pubblicato quaranta titoli di voci contemporanee. Nel luglio 2013 è tornato in California per scrivere un lungo reportage dedicato agli alberi più grandi e più annosi del pianeta, Fra i giganti del Nordamerica, apparso in otto puntate su «La Stampa». È membro del Comitato per il Verde Pubblico del Ministero dell’Ambiente. Ha in cantiere per il 2015: Il libro delle foreste scolpite (collana i Robinson / letture, Laterza), la nuova raccolta di poesie Un quaderno di radici (collana Zoom Poesia, Feltrinelli), Milano per Uomini e Donne Radice (Edizioni dei Cammini, LIT), il suo primo romanzo Giona delle sequoie. Vive in Valsangone, dove finisce la pianura e iniziano le montagne.
    Visita il profilo di Tiziano Fratus
  • Valentina Colonna
    Valentina Colonna
    Bio: Valentina Colonna nasce a Torino nel 1990. Ha pubblicato nel 2010 la sua prima raccolta di poesie ‘Dimenticato suono’ (Manni) e nel 2015 è uscito il suo nuovo lavoro ‘La cadenza sospesa’ (Nino Aragno Editore). Suoi testi sono apparsi su riviste, ‘plaquettes’, spartiti musicali e CD. Laureata in Lettere antiche, si è diplomata in Pianoforte e ha conseguito il ‘Máster Universitario en Interpretación de la Música Antigua’ presso l’ESMUC e la UAB di Barcellona. Nel 2015 è stata invitata a scrivere e condurre sei puntate radiofoniche sul tema ‘Musica poetica: la retorica del Barocco’ per Radio Vaticana, per la quale ha anche ideato e condotto il nuovo programma ‘Le parole della musica’. Attualmente si sta specializzando in Scienze linguistiche (indirizzo storico) presso l'Università degli Studi di Torino e sta lavorando a diversi progetti artistici.
    Visita il profilo di Valentina Colonna
  • Valentina Calista
    Valentina Calista
    Bio: Nata a Roma il 22 giugno 1983. Attualmente vive in Inghilterra dove è dottoranda ricercatrice in Italian Studies alla University of Reading (UK) con un progetto sulla poesia biblica di ispirazione salmodica di Davide Maria Turoldo. Gestisce il suo blog personale dove pubblica i suoi testi (valentinacalista.wordpress.com). Nel giugno 2012 ha pubblicato la sua opera prima di poesia "LA VERTIGINE DELL'ANDATURA" (Edizioni Ensemble, Roma), della quale ha curato la prefazione lo scrittore Giuseppe Aloe, Finalista Premio Strega 2012. Del 2013 è la plaquette "OLTRETUTTO", Edizioni PulcinoElefante. Ha partecipato a PARCOPOESIA 2008. Allieva dell'insegnante, scrittrice e poetessa, Paola Malavasi , scomparsa nel 2005. Nel 2007 ha incontrato e conosciuto Alda Merini. Ha pubblicato articoli accademici su Alda Merini apparsi in Stilos e OTTO/NOVECENTO, Rivista quadrimestrale di critica e storia letteraria. Sue poesie sono apparse in L'eco del Vento (Pagine, Roma, 2006) e in numerosi altri siti online. Valentina Calista è anche amante della musica (suona la chitarra e compone canzoni), degli animali e dello yoga.
    Visita il profilo di Valentina Calista
  • Valeria Di Felice
    Valeria Di Felice
    Bio: Nel 2010 fonda la casa editrice Di Felice Edizioni. È ideatrice del Martinbook Festival insieme al Comune di Martinsicuro, di cui ha curato le prime quattro edizioni, e del Premio Letterario Internazionale “Città di Martinsicuro”. Ha pubblicato il saggio ‘Uomini tra realtà e immaterialità’ (2007), l’audiolibro ‘Nudi abissi’ (2011) e la silloge ‘L’antiriva’ (2014). Le sue poesie sono state tradotte in arabo da Reddad Cherrati e pubblicate in Marocco.
    Visita il profilo di Valeria Di Felice
  • Valerio Mello
    Valerio Mello
    Bio: Valerio Mello è nato ad Agrigento nel 1985. Vive e lavora a Milano dal 2011. Ha pubblicato i libri di poesia: Versi inferi (Tracce, Pescara, 2010), La nobiltà dell’ombra (La Vita Felice, Milano, 2013), Asfalto (La Vita Felice, Milano 2014), Giardini pensili (La Vita Felice, Milano, 2015). Uscirà sulla rivista accademica di Letteratura Italiana “Misure critiche” un saggio critico su Valerio Mello scritto da Roberto Salsano, Professore di Letteratura Italiana presso l’Università degli Studi di Roma Tre.
    Visita il profilo di Valerio Mello
  • Vincenzo Galvagno e Antonio Lanza
    Vincenzo Galvagno e Antonio Lanza
    Bio: Antonio Lanza, nato a Paternò (CT) nel 1981, vive a Biancavilla. Alcune sue poesie sono apparse online su ‘l’Estroverso’, ‘Carteggi Letterari’, ‘Via Lepsius’ e sul blog di poesia della Rai. Nel 2015 una selezione di dieci suoi testi è confluita nel primo ‘Quadernetto di poesia contemporanea 4x10’ (Algra editore). L’inedita ‘Suite Etnapolis’ è stata selezionata per il ‘XIII Quaderno italiano di poesia contemporanea’ di Marcos y Marcos, che uscirà nel 2017. * Vincenzo Galvagno nasce a Catania il 28 novembre del 1981. Vive a Biancavilla, un paese dell’hinterland catanese, è praticante avvocato. Nell’ottobre del 2013, la casa editrice Giuliano Ladolfi Editore ha pubblicato la sua prima silloge poetica dal titolo “Ablativi assoluti”. Ha collaborato con “IsolaPoesia”. È poeta lettore nei cicli “Notte della Poesia” e “Rito della Luce” organizzati dalla fondazione Fiumara d’arte. Sue poesie sono apparse sulle riviste “Moby Dick”, curata da Loretto Rafanelli, e su “VivereMilano”, nella rubrica curata da Alberto Pellegatta. Diversi anche i blog letterari che si sono occupati della produzione di Vincenzo Galvagno, tra cui “RaiNews” a cura di Luigia Sorrentino, “Imperfetta ellisse” a cura di Giacomo Cerrai, “Letteratitudine” , la testata giornalistica “Il Tempo” a cura di Nicola Bultrini, “Carteggi letterari” a cura di Natalia Castaldi e “Biancavilla oggi” a cura di Antonio Lanza. Recente la sua introduzione nella mappatura dei poeti siciliani dal secondo ’900 ad oggi.
    Visita il profilo di Vincenzo Galvagno e Antonio Lanza
  • Vito Russo
    Vito Russo
    Bio: Vito Russo è nato a Putignano (Ba), nel 1981. È laureato in Economia, e specializzato in Diritto del Lavoro. Giornalista pubblicista, dal 2008 vive e lavora a Milano. Con un gruppo di amici ha curato una piccola rivista di poesia, e ha partecipato al reading itinerante di prosa e versi “Dicta”, presentato nei comuni della provincia di Bari. Sue poesie sono pubblicate sulle riviste “Lo Specchio de La stampa”, “Poesia”, “Incroci”, sui siti musicaos e poetrydream, sulle antologie “Il segreto delle fragole” (LietoColle, 2008), “Verba Agrestia” (LietoColle, 2011), “(S)Frutta il Segno” (La vita felice, 2012) . Ha pubblicato alcuni suoi interventi critici sui siti musicaos, milanocultura, poetrydream, incrocionline e sulle riviste "Punto. Almanacco della Poesia Italiana" e “Incroci”. Nel 2011 ha pubblicato la raccolta di versi “Tra la palpebra e l’occhio”, per l'editore LietoColle. È presente nell'antologia critica dedicata alla poesia pugliese degli ultimi 100 anni "A Sud del Sud dei Santi", a cura di Michelangelo Zizzi (LiecoColle, 2013). Per le sue poesie edite, è stato finalista al concorso Cetonaverde Poesia 2011, sezione giovani.
    Visita il profilo di Vito Russo