Categorie: Spettacoli

Allo Stabile di Catania, “Il mondo non mi deve nulla” commedia noir di Massimo Carlotto

Il cuore di Rimini pulsa tranquillo in attesa dell’arrivo chiassoso dei turisti. Adelmo, un ladro stanco e sfortunato nota una finestra aperta sulla facciata di una palazzina ricca e discreta. La tentazione è irresistibile e conduce l’uomo a trovarsi faccia a faccia con Lise, la stravagante padrona di casa, una croupier tedesca in pensione. Romanziere di talento ma anche drammaturgo, Massimo Carlotto porta il suo universo “noir” pure in teatro con l’inedito “Il mondo non mi deve nulla”, per la regia di Francesco Zecca che dirige due protagonisti d’eccezione, Pamela Villoresi e Claudio Casadio, che non hanno certo bisogno di presentazioni. La messinscena approda dal 3 all’8 aprile in tournée nazionale nel capoluogo etneo, ospite del Teatro Stabile di Catania alla sala Verga. Le scene sono di Gianluca Amodio, le musiche di Paolo Daniele, i costumi di Lucia Mariani, i disegni gli Laura Riccioli; un team di qualità per la coproduzione realizzata da Teatro e Società, Accademia Perduta/Romagna Teatri e CSS Udine. Adelmo e Lisa dunque: nessuno dei due corrisponde al ruolo che dovrebbe ricoprire e in una spirale di equivoci, eccessi, ironia e comicità, si sviluppa un rapporto strano, bizzarro ma allo stesso tempo complesso e intenso sul piano dei sentimenti. Adelmo cerca di arginare la precarietà che lo sta allontanando da un’esistenza normale, Lise invece è convinta di non avere più crediti da riscuotere dal mondo intero e sogna che Rimini si stacchi dalla terra e vada alla deriva per l’eternità. Due personaggi infinitamente lontani, nulla li accomuna, eppure entrambi cercano il modo di essere compresi e amati dall’altro. Ma l’amore, anche se si regge su ineluttabili fragilità, può essere in grado di soddisfare desideri, salvare esistenze, rimettere a posto le cose. Una riflessione sul senso che diamo alle nostre vite, sul peso del caso e della nemesi, sulla libertà di scelta delle coscienze.

«Avete mai sentito parlare – sottolinea Zecca nelle note di regia – dell’attrazione del vuoto? Si dice che sia inspiegabile, perché tocca corde sopite che hanno a che fare con la coscienza, chiede attenzione e sensibilità. Quando si parla di vuoto si parla di una forza centripeta, di uno spazio leggero, impalpabile, di un peso netto argenteo. Bisogna conoscere le regole della sua attrazione perché passare da vittima a carnefice è facile, è un gioco di ruolo in cui si confonde la sottile linea di divisione. E come si crea il vuoto? Come ci si svuota? Con la morte? In un certo senso sì. La morte dell’ambizione, la fine di ciò che si chiede a se stessi, ci si svuota degli obblighi e dei vincoli, delle necessità che si credevano importanti. Lo fa Lise. Lo fa Adelmo. Uno strumento dell’altra, necessari e imprescindibili, ma sideralmente distanti. Perché Lise non si permette un’alternativa. Lei che per tutta la vita ha vissuto nel lusso, non si permette il lusso più importante, ingabbiata nella convinzione che “solo i disperati vagano alla ricerca dell’occasione giusta”. E in quello scalino appena prima del vuoto, quando il cuore pare fermarsi e il respiro sospendersi, quando solo il coraggio può farti vedere cosa c’è oltre, Lise decide di chiudere gli occhi per sempre. Per Adelmo, invece, quell’istante di apnea coincide con l’attimo precedente al vagito di una nuova vita.» Zecca elabora così la distanza incolmabile, ma convergente, che divide e al tempo stesso unisce i due personaggi creati per la scena da Massimo Carlotto, narratore amatissimo non solo dagli amanti del “giallo”. «L’autore – prosegue il regista – con il suo noir lascia la possibilità di muoversi in un testo pieno di molteplici opzioni. Il suo testo non patteggia per nessuno, non salva nessuno, è un testo senza vincitori e senza vinti ma è anche un testo senza Dio che restituisce all’uomo la chance di guidare i suoi propri fili fino alla fine. È dunque un testo ideale per un regista che voglia dare una sua personalissima interpretazione. Di questa battaglia senza vincitori né vinti, senza eroi, di questo testo in cui da un lato c’è chi sceglie che il mondo non gli deve più nulla e dall’altro chi va a prendersi ciò che ancora il mondo gli deve, io ho scelto di lasciarmi tentare dal vuoto come fa Lise resistendogli come fa Adelmo.»

l'EstroVerso

Un nome, l’EstroVerso, per un duplice significato: l’inventiva del verso (pensiamo alla forza creativa della parola) e l’estroversione connaturata al desiderio di condividere (in libertà) due passioni indissolubili, scrittura e lettura.

Share
Pubblicato da

Recent Posts

Annamaria Ferramosca, “Per segni accesi”, password per un cammino.

Nota di lettura di Anna Rita Merico La scrittura di questa nota mi disloca nello…

20 Maggio 2022

#1Libroin5W.: Giuseppe Nibali, “Animale”, Italo Svevo.

 “1Libroin5W” Chi? I protagonisti di questo libro sono Giuseppe e Sergio Nibali. Personaggi di assoluta…

20 Maggio 2022

“L’Alba che verrà” di Lorenzo Marotta, addentro “il cuore umano”.

 di Rosario Musmeci Pensiero che torna a sopite memorie. Il ricordo della vita militare “……

19 Maggio 2022

“I giorni del corona” di Sebastiano Burgaretta: “poesia come strumento di comprensione del presente”.

I giorni del corona di Sebastiano Burgaretta, poemetto pubblicato per le preziosi edizioni Salarchi Immagini…

18 Maggio 2022

I NOVANT’ANNI DI GIUSEPPE ROSATO

L’ultima raccolta poetica in lingua di Giuseppe Rosato, La bellezza del mondo (2019-2021), edita dal…

14 Maggio 2022

‘Ritorno al bosco’ di Cetty Previtera all’Arte Fiera di Bologna.

Giovedì 12 maggio la galleria Quam di Antonio Sarnari esporrà alla 45° Arte Fiera di…

10 Maggio 2022