L'infinito Veg

Cacciamo via la caccia!

La caccia non è uno sport. Il privare della vita non può essere una passione. Solo chi non sa che anche la propria vittima è una creatura come lui può uccidere senza colpa. Gesualdo Bufalino scrisse che in ogni bestia folgorata da un fucile in un sottobosco si ritorna a punire l’innocenza di Gesù Cristo. E così è. Ci si sente troppo coinvolti per poterne parlare senza collera. La forte empatia verso ogni essere vivente non me lo permette. Userò le parole di illustri illuminati per poter far comprendere l’abominio. Il cosiddetto divertimento della caccia, spogliato dalle sue lusinghiere apparenze, non è altro che la soddisfazione del perfido istinto dell’uomo di spargere sangue e di distruggere. Da quale follia e da quale assillo bisogna esser spronati per aver sete di sangue? La caccia non è che un atto inumano e sanguinario, degno solamente di selvaggi e di uomini che conducono una vita senza coscienza, che non si armonizza con la civiltà e col grado di sviluppo a cui noi ci crediamo arrivati. Fintanto che l’uomo continuerà a distruggere senza sosta tutte le forme di vita, che egli considera inferiori, non saprà mai cos’è la salute e non troverà mai la vera pace. Gli uomini continueranno ad ammazzarsi fra loro fintanto che massacreranno gli animali. Colui che semina l’uccisione e il dolore non può raccogliere la gioia e l’amore.

Le cronache degli ultimi anni ci hanno ben mostrato quanto i cacciatori, oltre a non possedere una coscienza e a non aver rispetto per la vita altrui e per la natura stessa, inquinando ecosistemi con plastica e piombo, siano persone pericolose per se stessi, per chi li accompagna e per chi malauguratamente si trova a loro tiro nei boschi o nelle campagne. Da Luglio fino al 20 Ottobre 2021 si può andare nei propri comuni di residenza per tentare di porre, con la propria firma, fine a questo scempio. Si sono organizzati in molte città anche dei banchetti per poter firmare per questo Referendum contro la caccia, qui le date e i luoghi

Presto si potrà firmare anche online. Non girarti dall’altra parte, l’accidia è un peccato capitale che ti rende complice. Partecipa ponendo una firma. Sono necessari solo pochi minuti della tua vita, per sottrarre alla morte vite intere.

Seba Giuliano

Seba Giuliano ha ideato e cura Etna Shakti - Avamposto Vegano. Partecipa (con una poesia e una fotografia) al libro - progetto "cinque sensi per un albero" con AA.VV. Con Grazia Calanna sta scrivendo "Il piccolo Veg" con favola moderna che narra di un bambino esemplare, "magico", che "parla" alla coscienza degli adulti.

Share
Pubblicato da
Tags: in evidenza

Recent Posts

Roberto Lamantea, “Uno strappo bianco”, per un percorso poetico “educato all’indipendenza”.

tre domande, tre poesie Con uno sguardo disilluso e strenuamente innamorato del mondo, Roberto Lamantea…

25 Giugno 2022

Luigia Sorrentino, “Piazzale senza nome”, poesia che conduce verso “luoghi” reali.

Versi correnti di Luigia Sorrentino, «la luce divora gli infermi/ il tempo è una goccia…

24 Giugno 2022

Ciao Patrizia!

La vittoria di Patrizia Cavalli, nel 1993, con il libro "Poesie (1974-1992)", edito da Einaudi,…

22 Giugno 2022

#1Libroin5W.: Elisa Audino, “Orata in offerta”, Capponi Editore.

CHI? La protagonista è Martina, commessa al banco del pesce di un supermercato di provincia…

22 Giugno 2022

Vito M. Bonito, «oltre/ la striminzita misura umana», e intorno al “Di non sapere infine a memoria”.

Bisogna «andare oltre/ la striminzita misura umana», oltre il «materialismo militante», oltre «l’annientamento degli uomini»,…

21 Giugno 2022

Milo De Angelis, “ogni poesia riuscita è una fiammella che percorre l’oscurità”.

Poesia che abita «in un luogo tremendo e solitario, dove nessuno/ resta intatto». Poesia come…

17 Giugno 2022