Categorie: L'infinito Veg

“cinque sensi per un albero”, nell’abbraccio vibrante di arte e poesia.

Lo scorso 7 aprile 2020, in un delicatissimo momento che ci ha costretto alla reclusione (dicono / e non entriamo nel merito) per la salvaguardia della nostra salute, abbiamo colto l’occasione per proporre il progetto culturale intitolato “cinque sensi per un albero”.
In tanti tra poeti, scrittori, artisti hanno aderito inviando testi, opere e fotografie inedite, tanti altri ancora ci hanno chiesto di prorogare i termini di scadenza per la consegna dei elaborati così da avere la possibilità di partecipare senza “forzature temporali” che, conveniamo, l’arte in ogni sua forma non dovrebbe avere. Abbiamo accolto quest’ultima richiesta. Riportiamo sotto i dettagli del progetto e le novità per la consegna.

“Fin dall’origine il destino degli uomini fu associato a quello degli alberi con legami talmente stretti e forti che è lecito chiedersi che cosa ne sarà di un’umanità che li ha brutalmente spezzati. (…).”
Con questa riflessione di Jaques Brosse (1922 – 2008), psicoanalista, scrittore e giornalista, tra i più grandi conoscitori di mitologia legata agli alberi, tratta dal libro “Mitologia degli alberi. Dal giardino dell’Eden al legno della Croce” (Rizzoli 2010), vi invito, a scrivere un inedito (in versi o in prosa) intitolato agli ALBERI e, peculiarmente, alla LORO e, indissolubilmente, alla NOSTRA vita per dare voce ad un “NO” corale.
NO al grande business del “5G” che, come certo saprete, o vi basterà documentarvi un minimo, attenterà molto più e in modo più cruento del o dei “virus” alla nostra vita come a quella nei nostri amati bambini. Gli alberi sono (sarebbero) un intralcio a questo dannato business, e senza stare qui ad elencare tutto quello che tali frequenze vanno a ‘toccare’ vi chiedo di SCRIVERE.
Credo visceralmente nel “dire che diventa dare” della poesia, peculiarmente, della scrittura, dell’arte. Dobbiamo darci la possibilità di scendere in campo: le nostre parole (come le pennellate o gli scatti) possono (devono) diventare le nostre armi pacifiche per difendere quello che ci resta da difendere.
Qualora condividiate l’idea, siate liberi di partecipare e/o di declinare.
Pubblicheremo gli inediti (una sorta di antologia – anthos (fiore) e legein (scegliere) – “cinque sensi per un albero”) su l’EstroVerso (www.lestroverso.it) e, dopo, ci attiveremo, per una pubblicazione cartacea.
Ribadiamo che il progetto è aperto anche all’eloquenza dell’arte, quanti vorranno potranno partecipare con un loro disegno, un loro dipinto o una loro fotografia.

PRECISAZIONE: non ci si aspetta un testo (o un’opera) contro il 5G, piuttosto un testo (in versi o in prosa, siate liberi – direi solo di contenere la lunghezza volendo, lo ricordo, stampare anche una versione cartacea della “raccolta” che “sarà”) intitolato agli alberi, a quello che rappresentano realmente e simbolicamente per le nostre vite, così da poter attraversare il “tema” in modo (diciamo) trasversale e senza toni “predicatori” che, lo sappiamo tutti, non ci condurrebbero da nessuna parte.

Per partecipare: inviare, entro mercoledì 30 settembre 2020, in un UNICO file word, il vostro testo e di seguito la vostra breve biografia alla mail graziacalanna@lestroverso.it

ph Grazia Calanna
Grazia Calanna

Grazia Calanna, giornalista, dal 2001 collabora con il quotidiano “La Sicilia” per il quale cura la rubrica di poesia “Ridenti e Fuggitivi”. Presiede l’associazione culturale “Estrolab” con la quale cura le “Edizioni EstroLab”, “Parole Estroverse” (incontri letterari itineranti), i “Laboratori dell’Estro” (corsi di formazione in scrittura specialistica e creativa). Dal 2007 dirige il periodico culturale “l’EstroVerso” (www.lestroverso.it). Ha curato per la rivista “ELLE”, numero Ottobre-2017, uno speciale di poesia intitolato "Nel verso giusto". Tra le pubblicazioni: “Crono Silente” (poesia, Prova d’Autore 2011); “William Shakespeare, Sonetti 1 – 48” con AA.VV. (traduzioni in italiano, Prova d’Autore 2013); “La neve altrove” di Giovanna Iorio (traduzioni in francese, FaraEditore 2017); “Poeti in Classe – 25 poesie per l’infanzia e non solo” con AA.VV. (poesia, italic pequod, 2017); “Zafferana Etnea. Suggestioni letterarie alle pendici dell’Etna”, in “Borghi di Sicilia” con AA.VV. (saggistica, Dario Flaccovio Editore, 2018). Per le edizioni Algra, con Orazio Caruso, dirige la collana “Quadernetto di Poesia contemporanea”. È responsabile dell’Ufficio Stampa del MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) per il quale ha curato “PoetArte”, connubio contemporaneo tra arte e poesia. Con Fabrizio Ferreri, organizza il Premio Letterario “Paolo Prestigiacomo” San Mauro Castelverde, intitolato al poeta maurino.

Share
Pubblicato da
Tags: in evidenza

Recent Posts

San Mauro Castelverde, dove dormire?

San Mauro Castelverde (“Santu Mauru” in siciliano) è un comune italiano della città metropolitana di Palermo…

27 Giugno 2022

ARTE. Scalamatrice33. “Alchimie degli elementi” di Maria Buemi ed Ezio Cicciarella.

Scalamatrice33 organizza la mostra “Alchimie degli elementi” di Maria Buemi ed Ezio Cicciarella. La mostra,…

27 Giugno 2022

Roberto Lamantea, “Uno strappo bianco”, per un percorso poetico “educato all’indipendenza”.

tre domande, tre poesie Con uno sguardo disilluso e strenuamente innamorato del mondo, Roberto Lamantea…

25 Giugno 2022

Luigia Sorrentino, “Piazzale senza nome”, poesia che conduce verso “luoghi” reali.

Versi correnti di Luigia Sorrentino, «la luce divora gli infermi/ il tempo è una goccia…

24 Giugno 2022

Ciao Patrizia!

La vittoria di Patrizia Cavalli, nel 1993, con il libro "Poesie (1974-1992)", edito da Einaudi,…

22 Giugno 2022

#1Libroin5W.: Elisa Audino, “Orata in offerta”, Capponi Editore.

CHI? La protagonista è Martina, commessa al banco del pesce di un supermercato di provincia…

22 Giugno 2022