L’hotel sulla spiaggia (Mark Strand)

rubrica, La rosa necessaria

 

L’hotel sulla spiaggia

(Mark Strand)

 

Oh, guarda, la nave salpa senza di noi! E il vento
viene da est, e la prossima nave è tra un anno.
Torniamo all’hotel sulla spiaggia dove la pioggia non cessa mai,
dove il giardino, verde e colmo d’ombre, dice, nel più insolito
dei sospiri, “Attenti a non violarmi”. Possiamo passeggiare, andare
a far visita ai morti che sfoggiano pigiami cinerei, e dopo un giro
fra le betulle, lasciarci andare su un letto sfatto, a guardare
la luna antica che striscia sul pavimento. I vetri alle finestre
tremeranno, e onde di tenebra, fredde, non invitate, tetre,
ci copriranno. E nelle prossime catacombe di specchio del sonno
cadremo, e là nella luce spenta scopriremo le ossa,
la polvere, gli amari resti di uno che sarebbe potuto essere,
                  non avessimo noi preso il suo posto.

(L’inizio di una sedia. A cura di D. Abeni. Donzelli Poesia.)

 

 

Le spiagge vuote d’inverno, la rovina ininterrotta alle pareti
il guaito del mare e la pervasiva assenza di ogni altra memoria.

Joel Swick, da Unsplash, Portstewart, UK.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on tumblr
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Potrebbero interessarti