Poesia & Poeti

Liturgia dell’acqua di Daìta Martinez

C’è molto cinema, dove la grammatica scompare. D’altronde Palermo è uno dei più grandi teatri di posa del mondo. Un posto dove il caleidoscopio non smette mai di girare. Un luogo dove puoi fare come in “Lisbon story” di Win Wenders, ovvero appenderti la telecamera sulle spalle, a tracolla, e pigiare sul tasto “REC”. Senza montaggio, senza grammatica, così come la poesia di Daìta. Dove tutto si poggia sull’accostamento delle immagini. Un migliaio di costrutti che esulano da una apparente costruzione. E se ne stanno lì, senza retorica. Figli di nessuna metafora o similitudine, vivono l’unica forma di vita possibile, ovvero l’immanenza. Il loro essere chiamati per nome. E così si genera tanta energia per inerzia di somma, scontro e sottrazione. Gli accostamenti continui generano queste scosse di elettricità che portano avanti. Come se la poetessa avesse messo su carta il passaggio creativo, quello dove infinite sinapsi della mente cercano parole, immagini da far diventare poesia. Qui è tutto in bellavista. E si sostiene su un’altra grande lezione del cinema, ovvero quella di Sergei Eisenstein sul montaggio alternato. Il regista infatti per spiegare cosa accade prese in prestito i kanji della scrittura giapponese, dove l’accostamento tra due singole immagini crea un terzo significato. Un plusvalore. E in questo plusvalore credo che vada ricercata la chiave della scrittura di Daìta. Una scrittura che si appoggia sul ritmo delle immagini. Cerco di spiegarmi meglio. Leggendo facendosi risuonare le parole in testa, ad un certo punto ci si accorge di volerne ancora. Si genera subito una sorta di affezione verso quella che sembra la voce di un timbro familiare, qualcosa che riporta alla madre. Ho avuto modo di confrontarmi con Daìta a riguardo e lei mi ha scritto: «È così, come hai perfettamente intuito, perché mentre scrivevo cantavano nella mia mente – corpo – gola». Non mi resta che consigliarvi di leggerlo, perché più che un libro, è un’esperienza da fare.

Sebastiano Adernò

Sebastiano Adernò, nasce in Sicilia nel maggio del 1978. Nel 2010 vince il ‘Premio Ossi di Seppia’ e si classifica terzo al Premio ‘Antonio Fogazzaro’. Dopo l'opera prima ‘Per gli anni a venire’ Lietocolle (2011) pubblica ‘Kairos’ Fara Editore (2011), ‘In luogo dei punti’ per Thauma edizioni (2012) e una silloge dal titolo ‘Ossa per sete’ edita dalla Nuova Magenta editrice di Varese (2012). È co-autore insieme a Leonardo Caffo del romanzo ‘Luci sulle lucciole’ per Edizioni Montag (2012). Di recente pubblicazione ‘Storia di una partita in salita’ romanzo autobiografico per MJM di Meda (MB) e ‘Nuova Vandea’, opera a quattro mani, con opere visive di Marco Baj e Gian Ruggero Manzoni per Edizioni Ultranovecento di Simone Zanin.

Share
Pubblicato da

Recent Posts

Annamaria Ferramosca, “Per segni accesi”, password per un cammino.

Nota di lettura di Anna Rita Merico La scrittura di questa nota mi disloca nello…

20 Maggio 2022

#1Libroin5W.: Giuseppe Nibali, “Animale”, Italo Svevo.

 “1Libroin5W” Chi? I protagonisti di questo libro sono Giuseppe e Sergio Nibali. Personaggi di assoluta…

20 Maggio 2022

“L’Alba che verrà” di Lorenzo Marotta, addentro “il cuore umano”.

 di Rosario Musmeci Pensiero che torna a sopite memorie. Il ricordo della vita militare “……

19 Maggio 2022

“I giorni del corona” di Sebastiano Burgaretta: “poesia come strumento di comprensione del presente”.

I giorni del corona di Sebastiano Burgaretta, poemetto pubblicato per le preziosi edizioni Salarchi Immagini…

18 Maggio 2022

I NOVANT’ANNI DI GIUSEPPE ROSATO

L’ultima raccolta poetica in lingua di Giuseppe Rosato, La bellezza del mondo (2019-2021), edita dal…

14 Maggio 2022

‘Ritorno al bosco’ di Cetty Previtera all’Arte Fiera di Bologna.

Giovedì 12 maggio la galleria Quam di Antonio Sarnari esporrà alla 45° Arte Fiera di…

10 Maggio 2022