Poesia & Poeti

“Schiuma di quanti” di Durs Grünbein. Traduzione di Anna Maria Carpi.

Spesso nella poesia di Grünbein tutto parte da un’immagine colta al volo: un gruppo di migranti sdraiati in un prato, due moto incastrate dopo un incidente, una barca rovesciata da un’onda. Ma poi da quell’immagine nascono altre immagini, per associazioni a volte sorprendenti, sempre illuminanti. E riflessioni che coinvolgono le più varie branche del pensiero, non ultime le neuroscienze e la fisica quantistica. Queste connessioni improvvise e impreviste sono espresse in maniera lucida, non sentimentale, ma a partire dallo spiazzamento mentale toccano poi corde sempre più profonde e coinvolgenti. Oppure, se non da immagini, si parte dalle parole: da metafore come quella del cervello-ripostiglio in Umanista misantropo, una delle poesie più emblematiche; o da serie di parole legate tra loro da nessi fonetici e semantici, come nei Verbi bianchi. E si procede di lí, introducendo anche elementi autobiografici, in un argomentare a briglia sciolta, sempre sul filo delle analogie e delle evocazioni. I versi di Grünbein sono quanto di più ambiguo si possa pensare. Da un lato, con la loro lunghezza e la sintassi articolata, dànno l’impressione di un ragionamento logico e controllato, dall’altro propongono salti sfrenati in universi di senso a cui è possibile accostarsi solo con l’intuizione. È l’ambiguità dei grandi poeti-filosofi, categoria alla quale Grünbein appartiene ormai con piena sicurezza.
Schiuma di quanti raccoglie poesie dalle ultime tre raccolte di Grünbein pubblicate in Germania, più una serie di versi ancora inediti.

 

Tre poesie da “Schiuma di quanti” di Durs Grünbein, Einaudi 2021. Traduzione di Anna Maria Carpi.

 

Sempre al tuo fianco il nulla baluginante,
quel muto migrante secondo
che canta sempre un meno – mai un piú.
Andando per le piccole città
il vuoto del sottopassaggio, poi la piazza.
Eccoti, ma non ci sei, non ci sei mai stato.
Quando il sole è al culmine, in tutto
si fa la conta: un due tre,
ombra indiscreta, ed è già finita.

«L’origine del mondo»
Per poco non sarebbe mai venuta. La voluta tanto
era lí, un misero mucchietto, rossoblú e senza voce.
Il capo molle in avanti, il corpo accartocciato,
manteneva l’ultima posizione, la copilota fetale.
Non voleva. E non poteva. Si era rassegnata,
appena fuori, pista d’atterraggio intrisa di lisolo,
giú ai piedi del mondo, un liscio specchio sporco di sangue.
Silenzio in ambulatorio, fruscio di strumenti, tenevano tutti il respiro
quasi mancasse l’aria – a lei che doveva respirare.
Ed ecco l’afferrarono, la percossero cosí appesa come un pollo
a capo in giú, ai piedi rattrappiti. Ma non successe niente.
La rabbia che ti detta: Se lei non vive, la vita mi fa schifo.
E poi non c’era piú. Ma come una scintilla nell’inconscio irruppe
un grido nella stanza accanto, di cessato allarme: sono qui.

Assenze pericolose
Ognuno è pieno di mormorii. Spinge un barile
colmo di stranezze, segreti, debolezze, un po’ fuori
di traccia, è perché non è in sé.
Pericolose sono queste assenze. Lasciano
il corpo fuori, nella pioggia. Lo consegnano
alla posta coi pacchetti, alla stazione del bus.
Sequenze della nostalgia, onde radio, che tolgono
i contorni al singolo.
E mai piú forte
che nei tempi del piú folle amore, della gelosia.
Allora giochiamo a Tarzan, ci libriamo dai fili della corrente
traverso le città, diventiamo maestri di telepatia.
Poi nell’aria appare un viso, in bolle di parole
balzano su le idee, da ultradistanze. Che razza di sguardi profondi
son questi, che voci sull’orlo del prender sonno?

Durs Grünbein è nato nel 1962 a Dresda, allora Ddr. Vive a Berlino. Da Einaudi ha pubblicato tre libri di poesie: A metà partita (1999), Della neve ovvero Cartesio in Germania (2005), Strofe per dopodomani e altre poesie (2011); e una raccolta di saggi: I bar di Atlantide (2018).

Grazia Calanna

Grazia Calanna, giornalista, dal 2001 collabora con il quotidiano “La Sicilia” per il quale cura la rubrica di poesia “Ridenti e Fuggitivi”. Presiede l’associazione culturale “Estrolab” con la quale cura le “Edizioni EstroLab”, “Parole Estroverse” (incontri letterari itineranti), i “Laboratori dell’Estro” (corsi di formazione in scrittura specialistica e creativa). Dal 2007 dirige il periodico culturale “l’EstroVerso” (www.lestroverso.it). Ha curato per la rivista “ELLE”, numero Ottobre-2017, uno speciale di poesia intitolato "Nel verso giusto". Tra le pubblicazioni: “Crono Silente” (poesia, Prova d’Autore 2011); “William Shakespeare, Sonetti 1 – 48” con AA.VV. (traduzioni in italiano, Prova d’Autore 2013); “La neve altrove” di Giovanna Iorio (traduzioni in francese, FaraEditore 2017); “Poeti in Classe – 25 poesie per l’infanzia e non solo” con AA.VV. (poesia, italic pequod, 2017); “Zafferana Etnea. Suggestioni letterarie alle pendici dell’Etna”, in “Borghi di Sicilia” con AA.VV. (saggistica, Dario Flaccovio Editore, 2018). Per le edizioni Algra, con Orazio Caruso, dirige la collana “Quadernetto di Poesia contemporanea”. È responsabile dell’Ufficio Stampa del MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) per il quale ha curato “PoetArte”, connubio contemporaneo tra arte e poesia. Con Fabrizio Ferreri, organizza il Premio Letterario “Paolo Prestigiacomo” San Mauro Castelverde, intitolato al poeta maurino.

Share
Pubblicato da

Recent Posts

Annamaria Ferramosca, “Per segni accesi”, password per un cammino.

Nota di lettura di Anna Rita Merico La scrittura di questa nota mi disloca nello…

20 Maggio 2022

#1Libroin5W.: Giuseppe Nibali, “Animale”, Italo Svevo.

 “1Libroin5W” Chi? I protagonisti di questo libro sono Giuseppe e Sergio Nibali. Personaggi di assoluta…

20 Maggio 2022

“L’Alba che verrà” di Lorenzo Marotta, addentro “il cuore umano”.

 di Rosario Musmeci Pensiero che torna a sopite memorie. Il ricordo della vita militare “……

19 Maggio 2022

“I giorni del corona” di Sebastiano Burgaretta: “poesia come strumento di comprensione del presente”.

I giorni del corona di Sebastiano Burgaretta, poemetto pubblicato per le preziosi edizioni Salarchi Immagini…

18 Maggio 2022

I NOVANT’ANNI DI GIUSEPPE ROSATO

L’ultima raccolta poetica in lingua di Giuseppe Rosato, La bellezza del mondo (2019-2021), edita dal…

14 Maggio 2022

‘Ritorno al bosco’ di Cetty Previtera all’Arte Fiera di Bologna.

Giovedì 12 maggio la galleria Quam di Antonio Sarnari esporrà alla 45° Arte Fiera di…

10 Maggio 2022