Poesia & Poeti

Trucillo, una scrittura febbrile e temeraria.

Commentario a una specie di gioia (Oèdipus edizioni, 2021, pp. 88, euro 12) è il più recente lavoro poetico di Antonio Trucillo. Un libro aguzzo, trasversale, disorientante. Un libro, dunque, felicemente difficile: cioè poco propenso – per fortuna del lettore – alla mediazione parafrastica o alla semplificazione riassuntiva (impossibile, d’altronde, per ogni autentica scrittura poetica). Con un linguaggio sempre mosso, “altro” e visionario, elusivo e cangiante, Trucillo costruisce un commentario (ma chi è, davvero, il testimone che commenta o che crede di aver visto ciò che racconta?) irreale e sospeso, ricco di impasti espressivi sorprendenti e di lampi ininterrotti di acuta densità visionaria. La narrazione è, infatti, continuamente percorsa da interne lacerazioni e da arditi strappi di senso, non di rado accompagnati da vaghi e misteriosi toni di natura gnomica. Tutto si svolge come nel chiuso corpo di un labirinto che ad ogni passo moltiplica o interrompe, sconcertandolo e deviandolo in modo incessante, il viaggio del lettore, invitato (anzi, sfidato) senza tregua alla formulazione di una risposta provvisoria, al discioglimento degli enimmi costantemente proposti: «mai altrove mantello della sera, / quante focaie le lacrime più tardi» (p.32). È in questo libro, allora, una drammaturgia dell’inverosimile e del turbamento che fa di Trucillo un osservatore capace di uno sguardo potentemente straniato, la cui lingua poetica si mostra come un parallelo universo a sé stante, dove sempre le immagini appaiono travestite o rovesciate, gli oggetti trasmutati, le figure umane ridisegnate o velate o rimodellate secondo un ordine iperbolico e frastornante: una fittissima casa degli specchi che, se visitata, deforma o raddoppia la proiezione delle presenze in essa accolte.

La prospettiva della scrittura di Trucillo è, allora, febbrile e temeraria.

Qui, il mondo narrato agisce e si articola come un linguaggio rinnovato, ossimorico, spericolato. E, in ogni testo, la parola invade e travolge l’immagine, la conturba e la riscrive, ridisegnandone il senso, minandone l’equilibrio, capovolgendo o dissipando le sue certezze. Lo stesso simulacro della realtà, così scrutato, si nutre senza sosta di folgorazioni oniriche e stuporose, in cui l’affabulazione intreccia, e fervidamente fa convivere, l’assurdo col quotidiano, l’immaginoso col vero, il tempo tagliato dalla morte e l’inquieta speranza di una invincibile cancellazione della propria identità. 

Mario Fresa

Mario Fresa, poeta e critico salernitano, classe 1973, ha curato un Dizionario critico della poesia italiana, 1945-2020 per le edizioni della Società Editrice Fiorentina. Fresa ha collaborato e collabora a diverse prestigiose riviste come «Paragone», «Il verri», «Nuovi Argomenti», «Almanacco dello Specchio», «Poesia», «Gradiva» ed è presente in varie antologie pubblicate sia in Italia sia all’estero, da Nuovissima poesia italiana (a cura di M. Cucchi e A. Riccardi, Mondadori, 2004) a Veintidós poetas para un nuevo milenio (in «Zibaldone. Estudios italianos», Università di Valencia, 2017). Nel 2002 pubblica Liaison (edizioni Plectica), un libro misto di prose e di poesie introdotto da Maurizio Cucchi, cui fanno seguito nel 2008 il racconto in versi Alluminio (Lietocolle ed., con un’analisi critica di Mario Santagostini) e Costellazione urbana, silloge apparsa nell’«Almanacco dello Specchio» di Mondadori; nel 2012 pubblica per Stampa2009 un frammentario romanzo in versi dal titolo Uno stupore quieto, con prefazione di Cucchi.

Share
Pubblicato da
Tags: in evidenza

Recent Posts

Annamaria Ferramosca, “Per segni accesi”, password per un cammino.

Nota di lettura di Anna Rita Merico La scrittura di questa nota mi disloca nello…

20 Maggio 2022

#1Libroin5W.: Giuseppe Nibali, “Animale”, Italo Svevo.

 “1Libroin5W” Chi? I protagonisti di questo libro sono Giuseppe e Sergio Nibali. Personaggi di assoluta…

20 Maggio 2022

“L’Alba che verrà” di Lorenzo Marotta, addentro “il cuore umano”.

 di Rosario Musmeci Pensiero che torna a sopite memorie. Il ricordo della vita militare “……

19 Maggio 2022

“I giorni del corona” di Sebastiano Burgaretta: “poesia come strumento di comprensione del presente”.

I giorni del corona di Sebastiano Burgaretta, poemetto pubblicato per le preziosi edizioni Salarchi Immagini…

18 Maggio 2022

I NOVANT’ANNI DI GIUSEPPE ROSATO

L’ultima raccolta poetica in lingua di Giuseppe Rosato, La bellezza del mondo (2019-2021), edita dal…

14 Maggio 2022

‘Ritorno al bosco’ di Cetty Previtera all’Arte Fiera di Bologna.

Giovedì 12 maggio la galleria Quam di Antonio Sarnari esporrà alla 45° Arte Fiera di…

10 Maggio 2022