VI Jazz Festival Città di Mortara

VI Jazz Festival Città di Mortara

Giunge alla sesta edizione il Jazz Festival Città di Mortara, la rassegna ideata e organizzata da Liliana Vercelli con la direzione artistica di Wally Allifranchini, che da giovedì 4 a domenica 7 aprile animerà l’Auditorium di Mortara, in provincia di Pavia, con un ricco cartellone all’insegna dei più svariati stili del jazz. Ad aprire la quattro giorni sarà il gruppo latin Linea Y Trece, con il suo viaggio musicale dal sapore multietnico, seguito dal quartetto capitanato dal chitarrista Max Gallo, che proporrà standard della tradizione mainstream anni ’50 insieme al sassofonista Emanuele Cisi (nella foto di Cifarelli), tra i musicisti più rappresentativi della scena jazz internazionale contemporanea. La seconda serata sarà la volta del Daniele Comoglio Quintet, con il suo repertorio di brani originali che mescola elementi della musica brasiliana, africana, statunitense e cubana, e del trio della brillante cantante e pianista Laura Fedele, che intreccerà jazz, blues, canzoni e poesia in un affascinante mondo immaginario nel quale i confini dei generi musicali si assottigliano fino a svanire. Protagonista del sabato sera sarà lo spettacolo della Friendship Band, impreziosita per l’occasione dal quartetto d’archi Khora, in cui le voci di Mara Pacini, Liliana Vercelli e Piero Facciotti interpreteranno brani che spaziano da standard jazz all’american songbook, dalla canzone d’autore italiana alla musica dell’America latina. A salire sul palco per l’ultimo appuntamento della kermesse, la domenica pomeriggio, sarà la Erios Junior Jazz Orchestra diretta dal M° Mario Biasio, proveniente da Vigliano Biellese, unica big band italiana composta da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 7 e i 20 anni. Come da tradizione del festival, che fin dalla prima edizione guarda al futuro valorizzando i giovanissimi talenti del jazz italiano, verranno donate 5 borse di studio ad altrettanti ragazzi che si esibiranno sul palco dell’Auditorium a fianco dei loro beniamini.

JAZZ FESTIVAL CITTÀ DI MORTARA 2019
VI EDIZIONE

Dal 4 al 7 aprile
Auditorium di Mortara

Programma

GIOVEDÌ 4 APRILE, ORE 21.00

LINEA Y TRECE
(Walter Calafiore: sax, EWI; Aismar Simon Carrillo: piano; Rodolfo Guerra: basso; Sebastiano Sempio: cajon; Giulio Tosatti: congas)
Il concerto dei Linea Y Trece si propone come un vero e proprio viaggio dal sapore multietnico. Il gruppo latin jazz, infatti, fonde insieme elementi provenienti di più mondi musicali, uniti attraverso il linguaggio del jazz e dell’improvvisazione. Da Cuba viene presa la forza ritmica travolgente di Salsa, Timba e Rumba, oltre che l’ipnosi dei vorticosi tumbao; dal Perù interessanti groove non comuni come il Festejo; dalla Spagna il portamento trascinante del Flamenco. Il repertorio spazia da arrangiamenti di brani jazz e latin a composizioni originali.

MAX GALLO QUARTET FEAT. EMANUELE CISI
(Emanuele Cisi: sax; Max Gallo: chitarra; Jacopo Mazza: piano; Giorgio Allara: contrabbasso; Giovanni Paolo Liguori: batteria)
Il quintetto capitanato da Max Gallo incontra il sax tenore del grande Emanuele Cisi in un repertorio che affonda le proprie radici negli standard della tradizione mainstream anni ’50.
Max Gallo è oggi uno dei chitarristi jazz mainstream più apprezzati. Vanta collaborazioni con alcuni grandi nomi del jazz internazionale come John Riley, Scott Hamilton, Byron Landham, Hector Costita, John Webber, Riccardo Fioravanti, Carlo Atti, Guido Manusardi, Luciano Milanese, Gianni Cazzola. Negli ultimi due anni i suo quintetto ha partecipato come resident band al programma ufficiale di Umbria Jazz.
Emanuele Cisi, musicista autodidatta nato a Torino nel 1964, è uno dei sassofonisti tenori più rappresentativi della scena jazz internazionale contemporanea. Il suo suono unico e ricercato e la sua profonda conoscenza della tradizione, unita a un personalissimo stile compositivo, sono diventati un punto di riferimento per gli appassionati di jazz. Da quando, nel 1995, viene premiato dalla rivista Musica Jazz come miglior nuovo talento, ha inciso dodici album come leader e co-leader e più di cinquanta come sideman per etichette italiane, francesi, belghe, giapponesi e americane. Docente di Sassofono Jazz al Conservatorio di Torino, durante la sua carriera ha suonato e registrato con grandi artisti tra cui Clark Terry, Nat Adderley, Jimmy Cobb, Sting, Albert Heath, Billy Cobham, Branford Marsalis, Joe Lovano, Aldo Romano, Enrico Rava, Paolo Fresu. Le sue lunghe tournée hanno attraversato Europa, Stati Uniti, Cina, Oceania e Sud America.

VENERDÌ 5 APRILE, ORE 21.00

DANIELE COMOGLIO QUINTET
Traveling
(Daniele Comoglio: sax; Luca Meneghello: chitarra; Andrea Pollione: piano, tastiere; Carmelo Isgrò: basso; Rino Dipace: batteria)
Il quintetto capitanato dall’eclettico Daniele Comoglio presenta “Traveling”, un tributo a tutte le culture musicali che hanno influenzato il sassofonista e band leader, alcune da sempre, altre più recentemente. Elementi della musica brasiliana, africana, statunitense e cubana compaiono nei suoi brani originali di prossima incisione, proposti in anteprima sul palco dell’Auditorium di Mortara.
Daniele Comoglio, grande ammiratore di Charlie Parker e Cannonball Adderley, si diploma nel ‘90 con lode e menzione presso il Conservatorio di Pesaro, sotto la guida del Maestro Federico Mondelci. Coltiva da sempre un naturale interesse per generi musicali spesso diversi fra loro (jazz, rock, classica) e sperimenta soluzioni espressive varie, spaziando da esperienze in orchestra sinfonica a collaborazioni con gruppi jazz e fusion. Collabora con l’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano, con l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino e con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, prende parte a numerose tournée e album di alcuni tra i maggiori artisti pop e cantautori italiani e vanta un intensa attività televisiva. Attualmente insegna Sassofono presso il Conservatorio di Milano. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo disco da solista “Dreaming in Colour”, mentre nel 2011 ha prodotto l’album di Kalika “Senza Rumore”.

LAURA FEDELE TRIO
(Laura Fedele: voce, piano; Stefano Dall’Ora: contrabasso; Marco Castiglioni: batteria)
Jazz, blues, canzoni e poesia si intrecciano in una sorta di spettacolo teatrale; la personalità brillante di Laura Fedele guida il pubblico attraverso un affascinante mondo immaginario in cui i confini degli stili musicali si assottigliano fino a svanire. Nonostante la tessitura musicale prenda forma a partire dal consolidato background jazz dei tre musicisti, un’ampia e inattesa lista di autori e compositori di vario genere, come Bob Dylan, Tom Waits, Luigi Tenco e Nina Simone, trova posto accanto a numerose e avvincenti composizioni originali.
Cantante, pianista, autrice e docente, Laura Fedele ha al suo attivo dodici album, due pubblicazioni e numerosissimi concerti, sia in Italia che all’estero. Artista straordinariamente poliedrica, ha esplorato differenti ambiti e stili musicali: il jazz, da sempre sua fonte di ispirazione, il blues, la canzone napoletana, la canzone d’autore, il teatro. Ha partecipato a moltissimi festival italiani e internazionali e si è esibita con artisti del calibro di Rob Sudduth, Alex Schultz, Scott Hamilton e Scott Barnarth, attuale direttore della Count Basie Orchestra. Tra i suoi album, un cenno particolare merita “Pornoshow”, dove Laura ha riadattato brani di Tom Waits in italiano: un operazione tanto ardita quanto riuscita, che ha ottenuto grandi consensi di critica e di pubblico. Dal 2006 è docente di Canto Jazz alla Civica Jazz di Milano.

SABATO 6 APRILE, ORE 21.00

FRIENDSHIP BAND feat. KHORA QUARTET
(Mara Pacini, Liliana Vercelli, Piero Facciotti: voce; Wally Allifranchini, Walter Calafiore, Daniele Gardino: sax; Daniele Moretto, Domenico Granieri: tromba; Giovanni Distefano, Angelo Rolando: trombone; Andrea Pollione: piano; Pino Bifano: chitarra; Carmelo Isgrò: contrabbasso; Nicola Stranieri: batteria; Luca Campioni: primo violino; Andrea Aloisi: secondo violino; Simone Rossetti Bazzaro: viola; Francesco Saverio Gliozzi: violoncello)
Nella Friendship Band amici di veccia data si ritrovano per proporre un repertorio assai vario, che spazia da standard jazz a brani tratti dall’american songbook, dalla canzone d’autore italiana alla musica dell’America latina. A interpretare gli arrangiamenti per big band di Emilio Vercelli, Wally Allifranchini, Daniele Gardino e Andrea Pollione, con la partecipazione del quartetto d’archi Khora, le voci di Liliana Vercelli, vocalist di innumerevoli jingle pubblicitari, del musicista e chansonnier Piero Facciotti e della cantante e polistrumentista Mara Pacini, nota al grande pubblico fin dagli anni Sessanta, quando, con il nome di “Brunetta spaccatutto!”, fu la più giovane componente del cast di “Urlatori alla sbarra”, il primo film del filone dei musicarelli, in cui fu protagonista insieme ad artisti come Mina, Adriano Celentano, Joe Sentieri e Chet Baker.
I Khora, a partire dal loro nome, indicano le particolari coordinate di uno stile e più stili, di un suono e più suoni. “Khora” è il termine greco con cui si indicava il territorio al di fuori della città; divenne dunque, in filosofia, il modo per definire ciò che tutto riceve, e nulla diventa, nulla mantiene. Trasformando e trasfigurando, in un’eccitazione continua e sfrenata nell’assumere mille facce e identità, il Khora Quartet gioca a nascondino con le radici classiche del quartetto d’archi indossando nuovi linguaggi, maschere e modi espressivi; dal rock al jazz passando per il klezmer, il pop, il tango e quant’altro.

DOMENICA 7 APRILE, ORE 17.00

ERIOS JUNIOR JAZZ ORCHESTRA diretta dal M° MARIO BIASIO
Special guest: WALLY ALLIFRANCHINI
(Sofia Volante: voce; Elia Bongiorno, Tommaso Profeta, Giovanni Francescato, Francesco Vanni, Gabriele Langella, Federico Pari, Paolo Antonini: sax; Federico Meldolesi, Camilla Rolando, Samuele Crevacore, Nicolò Cannone, Matteo Vecchio, Antonio Francescato, Stefano Borghesio: tromba; Didier Yon, Matteo Borghesio, Gabriel Santos Freitas Cavicchioli, Emma Strobino, Edoardo Del Prato: trombone; Simone Locarni: pianoforte; Sebastiano Ratti: chitarra; Jacopo Cipolla: contrabbasso; Luca Codecco, Federico Volante: batteria)
Nata ad aprile 2018, la Erios Junior Jazz Orchestra è la prima e unica big band in Italia composta da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 7 e i 20 anni, diretti e seguiti da Mario Biasio, Stefano Solani, Angelo Rolando e Gabriele Artuso, quattro professionisti attivi sia come concertisti che nell’attività didattica. La Erios Junior Jazz Orchestra è il fiore all’occhiello del Progetto Erios, che ha trovato sede a Vigliano Biellese, grazie al prezioso sostegno dell’Amministrazione Comunale, e che comprende la Erios Jazz Academy, la scuola di musica jazz a indirizzo orchestrale. Nonostante la giovane età, la Erios Junior Jazz Orchestra ha all’attivo numerosi concerti e un gemellaggio internazionale con la nota Sant’Andreu Jazz Band di Barcellona, progetto fortemente voluto dal suo direttore Joan Chamorro.

JAZZ FESTIVAL CITTÀ DI MORTARA
Ideazione e organizzazione: Liliana Vercelli
Direzione artistica: Claudio “Wally” Allifranchini
Con il patrocinio del Comune di Mortara
Partner: Rotary Club Cairoli
Main sponsor: Allianz Bank – Financial Advisors – Centro di Promozione Finanziaria – Vigevano
Auditorium di Mortara: Viale Dante, 1 – 27036 Mortara (PV)
Info e prenotazioni: Libreria “Le mille e una pagina” di Mortara

Potrebbero interessarti anche