SCONFINAMENTI – in viaggio tra arte e poesia

Le associazioni Art Commission e Ri-flexus in collaborazione con il Festival Internazionale di Poesia di Genova e il Museo Diocesano di Genova presentano “SCONFINAMENTI – in viaggio tra arte e poesia”. Poeti e artisti, insieme, per sviluppare e raccontare un’idea comune, in sintonia, con cifre stilistiche ed espressive a confronto. Un viaggio ideale e contemporaneo, calato nella complessa realtà dei Luoghi, con grandi aperture e sconfinamenti verso la trasformazione, la conoscenza, l’arricchimento nella Bellezza. Il viaggio parte dal Museo Diocesano di Genova, mercoledì 8 giugno alle 18.30, in occasione del Festival Internazionale di Poesia.

VIATOR EXCELLENTIAE (la storica dell’arte Giovanna Alberta Campitelli)

ARTISTI E POETI (Luisa Mazza con Tiziano Broggiato, Virginia Monteverde con Claudio Pozzani, Viviana Nicodemo con Milo De Angelis).

Ut pictura poesis…” – L’assioma del poeta latino Orazio Flacco è stato oggetto di interpretazioni e studi, è stato considerato base della moderna estetica e, dopo duemila anni, ancora ci ricorda l’universalità delle arti, la loro complementarietà. Le diverse espressioni si fondono per creare linguaggi inediti e originali, che penetrano nel pensiero con il coinvolgimento di tutti i sensi in un percorso emozionale totale. Le sensazioni si mescolano ed esplodono quando vissuti diversi si incontrano e si riconoscono, quando nel vagare tra luoghi e pensieri ci si identifica in un sentire comune, si condivide un’idea di bellezza, qualunque sia il mezzo con il quale viene espressa. Il viaggio, metaforico o reale, evocato dal suono delle parole o da immagini declinate in tutte le gamme possibili, ci unisce in un andare senz’altra meta che non sia la conoscenza alla ricerca di valori di bellezza e armonia che riconosciamo come nostri perché universali.

(Giovanna Alberta Campitelli)

PROGRAMMA

Mercoledì 8 giugno
ore 18.30
Inaugurazione, presentazione del progetto artistico a cura di Giovanna Alberta Campitelli e intervento dei poeti
ore 19.00
proposta musicale del Laurentius Ensamble con Giulia Carlini, flauto e Giacomo Biagi, violoncello

Apertura mostra – dal 9 al 18 giugno 2016 – da lunedì a sabato 15.00/19.00 – domenica chiuso
Informazioni Museo: www.museodiocesanogenova.it / info@museodiocesanogenova.it / tel. 010 2475127

Luisa Mazza

Luisa Mazza nata a Noto, vive e lavora a Roma dove ha frequentato l’Accademia di Costume e di Moda. Ha distribuito i suoi interessi tra campi diversi per poi approdare alla realizzazione di opere pittoriche, scultoree e installazioni, ed ha esposto presso gallerie e sedi museali di Roma, Genova, Firenze, Vercelli, Milano, Torino, Shanghai, Yiwu, Arezzo, Napoli, Perugia, Nizza, Parigi, Valparaiso…Nel corso degli ultimi anni è stata presente con le installazioni di dimensioni considerevoli “Imprimere pacem”, “I luoghi della luce”, “Ri-flexus”, “Incamminati”, “Isola”, “Un altro cielo”, “Immaginare la luce”, a varie iniziative artistiche, fra cui “L’altra metà del cielo”, “Nei Luoghi della Bellezza”, “Contemplarte”, alla “Fondazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti”. Tra i riconoscimenti più importanti, nel 2007, ha vinto il concorso per opere d’arte bandito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il quale ha realizzato l’opera di grandi dimensioni “Sonorità”. Ha esposto alla “54° Biennale di Venezia” – Padiglione Italia, nel 2013 alla biennale “Le latitudini dell’arte” Italia/Finlandia – Genova – Palazzo Ducale, nel 2015 alla IV edizione della “Bienal del fin del mundo” Argentina/Cile e alla seconda edizione della biennale “Le latitudini dell’arte” Italia/Ungheria – Genova – Palazzo Ducale. E’ autrice e curatrice di iniziative culturali fra cui “Nei Luoghi della Bellezza”. Ha partecipato a mostre a cura e/o con testi critici di: Luca Arnaudo, Vittoria Biasi, Giorgio Bonomi, Marcello Carriero, Viana Conti, Patrizia Ferri, Enzo Fiammetta, Pina Inferrera, Clara Iannarelli, Tiziana Leopizzi, Ghislain Mayaud, Micaela Mander, Barbara Martusciello, Chiara Massini, Virginia Monteverde, Annamaria Orsini, Massimo Scaringella, Olivia Spatola.

Tiziano BroggiatoTiziano Broggiato è nato nel 1953 a Vicenza, dove tuttora risiede. Ha esordito in poesia con Piani alti (Ed. Di Salvo imprevisti, Firenze, 1983) a cui sono seguite le raccolte Il copiatore di foglie (I quaderni del battello ebbro, Porretta terme, 1998), Parca lux (Marsilio, Venezia, 2001) Premio Montale e Premio Unione Lettori Italiani, Anticipo della notte (Marietti, Milano, 2006) Dieci poesie (Nuovo almanacco dello Specchio n°3, Mondadori, Milano, 2007) e Città alla fine del mondo ( Jaca book, Milano, 2013). Ha curato le antologie: Canti dall’universo – Dodici poeti italiani degli anni ottanta (Marcos y Marcos, Milano, 1988) e Lune gemelle (Palomar, Bari, 1998). Sue poesie sono state tradotte, per antologie e riviste, in varie lingue. Da segnalare, in volume: Davancer la nuit (Edition revue Conference, Trocy en Multien, 2007), traduzione in francese di Cristophe Carraud e Against the light (Guernica edition, Toronto, 2012) traduzione in inglese a cura di Patricia Hanley e Laura Mosco. Nel 2015 è uscito il suo nuovo libro di versi Preparazione alla pioggia (Italic – Pequod, Ancona).

Virginia MonteverdeVirginia Monteverde è nata a Tübingen in Germania nel 1969. Italiana, vive e lavora a Genova. E’ diplomata all’ Accademia Ligustica di Belle Arti. Le sue scelte artistiche sono orientate alla sperimentazione digitale: pittura digitale,videoarte, e installazioni multimediali. La caratteristica principale delle sue opere e’ lo stile “liquido”, la decostruzione e ricostruzione fluida delle forme, forme in continuo mutamento in una societa’ liquida, in cui cio’ che conta e’ la velocità e non la durata. Sue opere sono presenti oltre che in collezioni private, nel Museo di Sant’Agostino di Genova (Scultura liquida, Margherita di Brabante), al Museo d’arte contemporanea di Sella di Lodrignano, Parma (videoinstallazione Passeggiata nella citta’ liquida), al Museo ideale Leonardo Da Vinci, a Vinci, Firenze (Background, la Gioconda) e alla Nelson Mandela Foundation,Houghton – Johannesburg, South Africa (Madiba). Virginia Monteverde svolge altresi’, come direttrice artistica di Art CommissionEvents, un’attivita’ curatoriale e di coordinamento e promozione di eventi culturali.Tra i piu’ importanti ricordiamo “Segrete, tracce di Memoria” Alleanza di artisti in memoria della Shoah, nelle antiche carceri della Torre Grimaldina di Palazzo Ducale a Genova, ContemplArte, rassegna d’arte contemporanea nei chiostri di Genova e Le Latitudini dell’arte, biennale d’arte contemporanea a Palazzo Ducale, Genova.

CClaudio Pozzanilaudio Pozzani è nato a Genova nel 1961. Poeta, romanziere e artista, è apprezzato in Italia e all’estero per le sue numerose performance poetiche nei più importanti festival letterari a livello internazionale. Le sue poesie sono tradotte e pubblicate in oltre 10 lingue. Nel 1983 ha fondato il Circolo dei Viaggiatori nel Tempo (CVT), con il quale ha creato e organizza dal 1995 il Festival Internazionale di Poesia di Genova e numerosi eventi in Francia, Belgio, Giappone, Germania, Finlandia. Nel 2001 ha creato la Casa Internazionale di Poesia sita a Palazzo Ducale, con oltre 180 eventi gratuiti a stagione. Nel 2009 ha vinto il premio del Ministero dei Beni e Attività Culturali per la migliore manifestazione di poesia in Italia (Festival Internazionale di Poesia di Genova) e il Premio Catullo nel 2012 per la sua opera di diffusione della poesia in Italia e all’estero. Nel 2014 la Città di Genova gli ha conferito il “Genovino”, onorificenza per meriti culturali e sociali, per la sua attività ventennale nella divulgazione e produzione letteraria e poetica. Per le sue attività culturali e le sue performance artistiche, il grande poeta e drammaturgo Fernando Arrabal l’ha definito “maestro dell’invisibile, aizzatore di sogni, ladro di fuoco: il suo cuore danza nell’alcova festante”.

Viviana NicodemoViviana Nicodemo milanese, dopo gli studi classici si diploma attrice presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Piccolo Teatro di Milano. L’esordio nel teatro di prosa è con M. Navone, M. Mezzadri, N. Garella, G. Sepe, S. Sequi, A. Zucchi, N. Mangano, W. Pagliaro. Dal 1995 si occupa di Arti visive partecipando a mostre fotografiche e d’arte contemporanea, tra cui Hic et Nunc a cura di A. Bertani con l’installazione Asclepiei. Appassionata di poesia, ha fatto letture di numerosi poeti, tra cui Dante, Rilke, Bachmann, De Angelis.

Milo DE Angelis

Milo De Angelis è nato nel 1951 a Milano, dove insegna in un carcere di massima sicurezza. Ha pubblicato Somiglianze (Guanda, 1976); Millimetri (Einaudi, 1983); Terra del viso (Mondadori, 1985); Distante un padre (Mondadori, 1989); Biografia sommaria (Mondadori, 1999); Tema dell’addio (Mondadori, 2005), Quell’andarsene nel buio dei cortili (Mondadori, 2010) Incontri e agguati (Mondadori, 2015). Ha scritto il racconto La corsa dei mantelli (Guanda, 1979 e poi Marcos y Marcos, 2011) e un volume di saggi (Poesia e destino, Cappelli, 1982). Nel 2008 è uscito Colloqui sulla poesia, dove appaiono le sue principali interviste. Nello stesso anno viene pubblicato un volume che raccoglie la sua opera in versi (Poesie, Oscar Mondadori). Ha tradotto dal francese e dalle lingue classiche.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on tumblr
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Potrebbero interessarti