Andrea Zanzotto (Erratici, Mondadori, Lo Specchio, 2021)

 

Entrare nel laboratorio di un grande autore è una straordinaria avventura, un’occasione unica per osservarne l’opera e apprezzarne gli sviluppi da una prospettiva privilegiata. Erratici ci offre una serie di poesie di Andrea Zanzotto pubblicate nelle più varie sedi tra il 1937 e il 2011 e mai confluite nei suoi libri, testimonianze fedeli della vivacità e dell’operosità della sua officina poetica. L’esplorazione dell’archivio privato in cui il poeta spesso teneva traccia o a volte copia delle sue pubblicazioni occasionali, assieme alla esplorazione sistematica di annate di quotidiani e riviste, ha infatti consentito di espanderne il corpus di un centinaio di poesie, da quelle adolescenziali risalenti agli anni del liceo (1937-38), improntate a un sostanziale pascolismo psicologico, ai versi di impostazione civile (1946) legati agli eventi della Resistenza. Se le poesie successive delineano l’evolversi dell’esperienza poetica zanzottiana fino a quel primo acuminato vertice toccato da Vocativo, quelle degli anni Sessanta ne dilatano l’orizzonte del sapere e del dire tra classicismo, caustica ironia e inclinazione sperimentale, proiettandosi verso i grandi esiti di La Beltà. Ed eccoci poi alle prime e già mature ricognizioni in versi sul dialetto (precedenti l’edizione del poemetto Filò e la composizione dei testi per il Casanova di Federico Fellini), fino alle prove quanto mai varie degli ultimi decenni, quando il soggetto lirico zanzottiano «si diffrange identificandosi con gli enti minimali del paesaggio», o con gli indizi del suo «”accadere” nella pagina, esitante tra silenzi e “promesse” di senso» (Francesco Carbognin). Siamo già nel pieno della stagione lirica inaugurata dal Galateo in Bosco, cui fanno da contrappunto i sorprendenti sonetti, gli epigrammi e le poesie a tema erotico degli ultimi anni. Questi erratici – in geologia: blocchi di roccia trascinati a valle dai ghiacciai – ci invitano a ripercorrere, per sentieri a tutt’oggi inesplorati, l’itinerario di un assoluto protagonista della nostra poesia – della nostra cultura tout court – tra secondo Novecento e albori del nuovo millennio.

 

scelti per voi

 

[1984-85]

Novità insperata
colta oltre il dosso e gli alberi
tu ponte, verso il fare
e il contemplare e il ridere
– gioventù ridonata

 

[1986e]

Stagione dell’azzurro
io non ricordo tutte le tue stelle
ma tutte le tue stelle
ad una ad una
ricordano me

 

[2005e]

Dovunque il guardo giro,
immenso caos ti vedo,
per l’opre tue mi adiro,
ti riconosco in me!

Il ciel la terra il mare
parlan del tuo strafare
del tuo globalizzare
ma chi, perché, ma che?

 

[2007a]

In questo progresso scorsoio
non so se vengo ingoiato
o se ingoio

 

[2007b]

Il mondo gira male
perché spera di lucrare
anche sul proprio funerale.

 

 

Figura centrale e grande innovatore nella poesia, non solo italiana, Andrea Zanzotto (Pieve di Soligo, Treviso, 1921 – Conegliano, Treviso, 2011) esordì, nello Specchio, con Dietro il paesaggio. Tra le opere più celebri VocativoLa BeltàIl Galateo in Bosco, comprese, con tutte le altre, nel riassuntivo Meridiano Le poesie e prose scelte (1999) e nel volume Oscar Tutte le poesie (2011). Zanzotto è autore anche di racconti, saggi e traduzioni. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on tumblr
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Potrebbero interessarti