cinque poesie da “A grandezza naturale. 2008-2018” di Raffaela Fazio (anteprima)

cinque poesie da “A grandezza naturale. 2008-2018” di Raffaela Fazio (anteprima)

anteprima

 

 

cinque poesie da “A grandezza naturale. 2008-2018” di Raffaela Fazio, in uscita con Arcipelago Itaca, prefato da Daniele Barbieri.

 

 

A ogni oracolo un baro.
A ogni rupe il suo ossario
di indovini incoscienti.
Non ci è dato sapere
quale è il tempo, né il modo.
Ma il dolore ha il suo guado.
Scenda il fuoco su Giano
e su Adamo il torpore.

 

*

 

Postulato

Nel tempo, dici, non c’è usura.
Dici che il tempo neppure esiste.
Ma di una cosa sono sicura:
noi siamo vivi, fatti di tempo
e il tempo è fatto a nostra misura.

 

*

 

Ogni storia ha un tesoro
sotterrato nel giardino
come un corpicino di usignolo.
A quel canto interrotto
la notte presta ascolto
anche se la terra
è un negarsi di memoria
e di sostrato.

Non c’è amore
– mi si dice –
che è sprecato.

 

*

 

Ma il corpo?
Nullatenente, è sempre fuori posto.
Non ha coerenza né confini o validi argomenti.
E ciò che sa lo tace, perché non ha mai prove.
Neanche se scorge un’ombra
seducente e lieve
infilarsi dalla postierla
cercare l’anima
fingersi fuoco per averla.

 

*

 

                                  (a mia mamma)

Antico pudore del dire.
Ma so che sarai
il mio ultimo pensiero
senza fiato, senza peso
in cima alla salita.
Il filo di luce
sotto la porta chiusa.

Potrebbero interessarti anche