Due inediti

Due inediti

Henriette Grindat, Venezia [Busto davanti a finestra]

 





Vitrificato, il bocciolo, come

narcotizzato dal cloroformio del consueto,
dal sacrificio passato, oggi seduto
a contemplare l’evanescenza della pace. “Para
bellum”, se non vuoi perdere la voce.

L’autocompiacimento è bestia assai vorace.



*

 

E poi il diluvio ci chiese asilo

per non poter piovere altrove.
Le nostre case di marzapane, l’albero
di rovere sul quale stava un nido: tutto
distrutto, demolito. Abbiamo preservato
il senso della fine, l’arca del sapere
che il doppio, come un vegetale (l’oppio),
devi fumarlo buono. Devi

fumarlo bene.

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

I commenti sono chiusi.