Francesco Foti, Jettu uci senza vuci

Francesco Foti, Jettu uci senza vuci

Francesco Foti
Francesco Foti

Se Cartesio asseriva “Cogito ergo sum”, similmente Francesco Foti, autore della suggestiva raccolta di versi in vernacolo siciliano, “Jettu uci senza vuci”, edizioni Prova d’Autore, impreziosita da undici raffinatissimi acquarelli di Alfredo Musumeci, confessa che è vivo, esiste, se: vede, sente, canta, suona e scrive (“vidu / sentu / cantu / sonu / scrivu / sugnu / vivu”). Coerentemente con la prima, Afotismi, contraddistinta, dal prospero connubio tra osservazione ilare e osservazione malinconica della realtà, è un’opera gustosa, affabilmente ironica, che richiama la riflessione di Leonardo Ortolani, “se vuoi salvarti leggi. E se tu volessi, addirittura, salvare qualcuno, scrivi”. Un’opera dettata oltreché dalla passione perenne per la scrittura (’u vulemu capiri o no / ca n’e pozzu ammazzari ‘sti paroli? – lo vogliamo capire o no / che non posso uccidere queste parole?), per la lettura (pruvulazzu / supra ’i mo’ libbra / nun n’appigghia – polvere / sopra i miei libri / non se ne forma), dal disincanto (m’attrovu / sulu / ’na pinna / ’n foggh’i carta jancu / e ’na chitarra – mi ritrovo / solo / una penna / un foglio di carta bianco / e una chitarra), dalla meraviglia dei ricordi che risorgono nostalgici dal passato (vidu fotu antichi / d’a mô cità / ca ’na vota fu paisi / […] / ma nenti / nun pari mai / ’a stiss’e ’na vota – guardo foto antiche / della mia città / ai tempi paese / […] / ma nulla da fare / non sembra mai / la stessa come un tempo). Risaltano l’attaccamento palpabile alla propria terra, lo stupore cheto dell’amore (’i to’ occhi e ’a to’ vuci //  è ccu ‘sti sbrizzi ’i puisia / ca inchi d’amuri / ’stu cori – i tuoi occhi e la tua voce // è con queste gocce di poesia / che inondi d’amore / questo cuore), l’impetuosità, quasi a voler dare uno scossone al torpore esistenziale, ai mali del nostro tempo quali, per citarne alcuni, gioco d’azzardo (cchi m’a spacchìu a ffari / si pp’ammunsiddari / cincucentu euru / ô poker online / ddoppu tri anni ’i jocu / ottu uri ô jornu / mi scuppulau ’n computer sanu / ca custava cchiù assai? – che senso ha vantarmi / se per racimolare / cinquecento euro / al poker online / dopo averci giocato per tre anni / otto ore al giorno / s’è bruciato un computer / che costava di più?), malasanità, omologazione (facemu tutti ’a stissa fila / ppi ffari tutti ’a stissa fini – facciamo tutti la stessa fila / per fare tutti la stessa fine). E, ancora, sintomatico del tentativo di appiattimento intellettuale operato dall’alto, Foti, beffardamente, “denuncia” l’infame proliferare di libri che del libro conservano (a stento) la forma. Non ultimo, tra le braccia del tempo, ora propizio ora avverso, in un’epoca di altisonante vuoto emerge il valore inqualificabile del silenzio, equiparabile, talora, alla (perduta) comprensione (si ni vaddamu / senza parrari / ni sapemu sentiri / macari / megghiu – se ci guardiamo / senza parlare / ci capiamo / anche / meglio).

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche

3 Commenti

I commenti sono chiusi.