sono gesti

sono gesti

Nicola Pucci, Tuffo Indietro (2013)
Nicola Pucci, Tuffo indietro (2013)



sul fondo

come sassi
sul fondo
 
quante parole
inabili a parlare
 
 

al faro

profondo scuro
– e vento radente sulle mani
 
un’onda lunga già contava i passi
per arrivare al faro
 
 

sono gesti

ripetersi
/ nel gioco d’ignorare
quello che già balbetta da millenni /
 
sono gesti
alla maniera della spontaneità
 
 

stranezza

questa stranezza umana
dell’amore
che si confonde alla necessità
e tu
lo spazio dove concepire
l’idea
che io sia
– in realtà
 
 

refusi

cerco un testo da leggere in sordina
se d’altra parte è canto
l’enfasi di parole ribattute
su refusi di profondità
dove ad alzare i toni
è l’incoscienza
urlata a viva voce
dalle nostre sordità
 

nascere

all’ombra di un’immagine
a ricalco
dove svapòra il senso
d’essere già nati
 
chiamarsi d’aria e d’acqua
 
– e la pronuncia inedita del nome
in un respiro fondo

 

Potrebbero interessarti anche