leggodico segnalazioni librarie J

leggodico segnalazioni librarie J

?????????????????????????????????
 
 
 
mandela leggodico jIl bambino Nelson Mandela
di Viviana Mazza
(Mondadori)

Questa è la storia di Rolihlahla, che nella lingua xhosa significa “colui che tira i rami dell’albero”. Un gran combinaguai, insomma. E mai nome fu più azzeccato.Questa è la storia che una nonna sudafricana racconta ai cinque nipoti. La storia di Rolihlahla, che correva su e giù per le colline a piedi nudi, portava il bestiame al pascolo e cavalcava gli asini. La storia di Nelson, che stava per dimenticarsi di andare a scuola proprio nel giorno degli esami, perché giocava con Mackson. La storia di Dalibhunga, “colui che promuove il dialogo”, che affrontò con coraggio la cerimonia d’iniziazione, andò lontano da casa per studiare, e una volta rubò il bestiame del reggente. La storia di Rolihlahla Dalibhunga Nelson Mandela – Madiba, per il suo popolo – bambino fuori dal comune che divenne un grande uomo di pace e vinse il premio Nobel. Una storia che si fa romanzo ma al tempo stesso racconta la Storia, narrata dalle parole avvincenti di Viviana Mazza e dalle immagini piene di suggestioni di Paolo d’Altan.

 
 
 
 
leggodico jPoesie di luce
di Sabrina Giarratana
(Motta junior)

Non c’è metafora più potente della luce per raccontare la vita, se è vero che persino ”nascere” si dice ”venire alla luce”. E Sabrina Giarratana lo sa bene. In poco più di 30 poesie, plasma la luce come fosse materia duttile, raccontandoci la luce dei capelli, la luce della nebbia o di una goccia di rugiada, o quella fatta di granelli di polvere che filtra da una porta o una finestra. E c’è anche la luce di uno sguardo complice e persino il lampo di un’idea… Si dice che la poesia sappia parlare a tutti, qui lo fa, regalandoci fasci di luce che danno spazio a visioni interne, dove anche le ombre sono parte felice del paesaggio. Complice assoluta, Sonia Maria Luce Possentini, luminosa e potente a partire dal nome.

 
 
 
 
 
 
   
leggodico j clichyL’Orco e il dentista
di Jean François Dumont
(Clichy)

C’era una volta un Orco che aveva mangiato in un sol boccone tutti i bambini del suo paese. Un giorno, mentre era in cerca di qualche bocconcino da sgranocchiare, incrociò sul suo cammino un dentista… che acquolina!!! Ma invece di divorarlo tutto d’un fiato, si lasciò tentare dalla proposta del dentista: «ti farò un sorriso meraviglioso, con i denti tutti allineati!». C’è un solo inconveniente… per qualche settimana l’orco dovrà seguire una dieta a base di verdure, anzi forse per qualche mese… ma questo il nostro Orco ancora non lo sa! Un albo divertente e intelligente, che aiuta i bambini a superare le proprie paure attraverso la parodia del vecchio mito dell’orco e che, con ironia, sdrammatizza il grande problema dell’apparecchio per i denti. Traduzione di Tommaso Gurrieri.

 

 
 leggodico j ciaciomareleggodico jciaciopolo
 
Ciacio e il mare – Ciacio al polo
di Sarah Khoury
(Lavieri – Piccole Pesti)

Con ‘Ciacio e il mare’ iniziano le piccole e meravigliose avventure di Ciacio, strano coniglietto esploratore che in questo gustoso librettino incontra gli abitanti del mare e trova in ognuno un po’ di sé e un po’ di aiuto. Alla fine si torna alla spiaggia, si torna agli affetti… che giornata! Con ‘Ciacio al Polo’ continuano le meravigliose avventure di Ciacio, intrepido coniglietto esploratore. Ciacio si ritrova al Polo Nord alla ricerca degli animali che lo popolano. Chissà perché non ne vede nemmeno uno. Anche stavolta sarà meglio tornare a casa per un po’ di coccole. Sarah Khoury (1984) adora disegnare fin da quando era piccola. Ha coltivato la sua passione diventando illustratrice e autrice di cortometraggi animati. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Venezia, partecipa a numerose mostre di illustrazione per l’infanzia e lavora creando immagini per rassegne teatrali e campagne informative. Nel 2011 pubblica i suoi primi albi illustrati, Ciacio e il mare e Je t’aime per la francese Lirabelle.

 

 

Potrebbero interessarti anche