Strammata (anteprima)

Strammata (anteprima)

Anteprima

nove poesie da “Strammata” di Angela Bonanno, Edizioni Forme Libere, 2017.

 

fatta sugnu di notti
vecchia comu u munnu
ca u tempu mi manciau
l’ossa cusuti a
na malincunia di centu libbra

*

(fatta sono di notte/ vecchia come il mondo/ che il tempo mi ha mangiata/ le ossa cucite a/ una malinconia di cento libri)

 

 

l’amuri ca finisci
non lassa firuti n ferra
mancu n lamentu
o morti o ammazzati

*

(l’amore che finisce/ non lascia feriti a terra/ nemmeno un lamento/ o morti o ammazzati)

 

ietta na vuci ca ti sentu
unni si si
ddabbanna ô munnu
a peddi u sai teni tuttu a menti
e a pezza savva ppi
quannu non havi nenti

*

(butta una voce che ti sento/ dove sei sei/ dall’altra parte del mondo/ la pelle lo sai tiene tutto a mente/ e la pezza conserva per/ quando non ha niente)

 

u pinzeri supra o fogghiu
si perdi comu u mari nt’o mari

*

(il pensiero sopra il foglio / si perde come il mare nel mare)

 

 

lassannillu iri
na vuci pari ca dici
tuttu s’abbessa e u viri
comu si vasunu ancora
i carusi
nt’e gnuni d’e strati
abbrazzati

*

(lascialo andare/ una voce sembra dire/ tutto si aggiusta e lo vedi/ come si baciano ancora/ i ragazzi/ negli angoli delle strade/ abbracciati)

 

 

è tutto intra
è n’abbrazzu
è farisi a cruci senza criririci
amuri è stari cc’u du’ peri intra na scarpa
amari è cririri ancora
cririri sempri

*

(è tutto dentro/ è un abbraccio/ è farsi la croce senza crederci/ amore è stare con due piedi dentro una scarpa/ amare è crederci ancora/ crederci sempre)

 

 

nasciri fimmina
è nasciri centu voti
strammari i cunti e
moriri sempri

*

(nascere femmina/ è nascere cento volte/ disfare i conti e/ morire sempre)

 

unni vai senza di mìa
u munnu è tunnu
si tonna sempri ô stissu puntu

*

(dove vai senza di me/ il mondo è rotondo/ si torna sempre allo stesso punto)

haiu du iammi
una ppi mìa
una ppi tìa
ciccamu n postu unni iri
iù tu
e du’ suli iammi
unu camina e l’autru cci-ù cunta

*

(ho due gambe/ una per me/ una per te/ cerchiamo un posto dove andare/ io e tu/ e due sole gambe/ uno cammina e l’altro lo racconta)

 

 

 

Potrebbero interessarti anche