Poesia del ventitré settembre

Poesia del ventitré settembre

 

Scott Bergey
Scott Bergey





Oggi ci siamo pianti addosso

Decisi a tornare a casa.
Senza che ci sia più molto da fare
Abbiamo camminato tra il sabato sera
Che ci gridava dalla porta di ogni locale,
ma noi non l’abbiamo raggiunto.
Tu hai ripreso un bel colore
Io ho fatto ancora finta d’essere sereno.
Ti ho cucinato la pappa della nonna
Perché ha un nome che scalda l’animo
E non importa che non esista,
o se tu lo sai.
Adesso, dopo essere precipitati insieme
Ci innalzeremo sull’azzurro, tenendoci per mano
Perché il tempo, quando ci coglierà,
l’anima ci coglierà unita.

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

I commenti sono chiusi.