“Sò troppe stanghe Patraterne mije” (Assunta Finiguerra)

“Sò troppe stanghe Patraterne mije” (Assunta Finiguerra)

rubrica, La rosa necessaria

Sò troppe stanghe Patraterne mije
a voce è nu file de sàlece sicche
se parle, quiru poche d’arje mmócche
devende frolle neve marzuline

e ndu è ca u viende accove re mmane
croce de cuorpe e quere de malatije
fanne de mé na specje de buscije
cu na cannéle pesciuluanne notte

*

(Sono troppo stanca Padreterno mio/ la voce è un filo di salice secco/ se parlo, quel poco d’aria in bocca/ diventa frolla neve marzolina// e dove il vento nasconde le mani/ croce del corpo e quella di malattia/ fanno di me una specie di bugia/ con una candela gocciolante notte)

*

Settembre è il mese della scomparsa di Assunta Finiguerra. A otto anni di distanza da lei, il verso “fanne de mé na specje de buscije” emette ancora strani segnali. Richieste d’aiuto, forse.
La bugia deambula nella notte, è il corpo che perde la sua cera, arriva all’osso, all’estraneità.

Potrebbero interessarti anche